Posthomerica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Posthomerica (in greco antico τὰ μεθ᾿Ὅμηρον, La continuazione di Omero) sono un poema epico scritto da Quinto Smirneo intorno alla prima metà del III secolo, che narra l'anno finale della guerra di Troia, dai funerali di Ettore alla caduta di Ilio.

Si articola in 14 libri (λόγοι) e riavvia la narrazione dal punto esatto in cui Omero aveva interrotto l’Iliade. I primi quattro, che coprono l'arco di tempo descritto dall’Etiopide di Arctino di Mileto, raccontano le imprese e le uccisioni dell'Amazzone Pentesilea, di Memnone, bellissimo eroe figlio di Eos, e di Achille, più i funerali di quest'ultimo.

I libri V–XII narrano del duello tra Aiace e Odisseo per le armi di Achille, della morte di Aiace, suicida dopo aver perduto, delle gesta eroiche di Neottolemo, Euripilo e Deifobo, della morte di Paride ed Enone, fino alla costruzione del Cavallo di Troia. I libri rimanenti descrivono la conquista di Troia per mezzo del cavallo, il sacrificio di Polissena sulla tomba di Achille, la partenza dei Greci e le tempeste che li disperdono.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Zimmermann, Quinti Smyrnaei Posthomericorum libri XIV, Leipzig 1891 (rist. Stuttgart 1969).
  • F. Vian, La suite d'Homère. Texte établi et traduit par Francis Vian, I-III, Paris 1963-9.
  • G. Pompella, Le Postomeriche, I-II, Napoli 1979; III-VII, Cassino 1987, VIII-XIV, Cassino 1993.
  • G. Pompella, Quinti Smyrnaei Posthomerica. Olms-Weidmann, Hildesheim & New York 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]