Postalmarket

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Postalmarket
Stato Italia Italia
Tipo società per azioni
Fondazione 1959 a Milano
Chiusura 2007
Sede principale Peschiera Borromeo (MI)
Persone chiave Anna Bonomi Bolchini (Fondatrice)
Eugenio Filograna
Riccardo di Tommaso
Settore vendita per catalogo
Prodotti abbigliamento, accessori, cosmetici, prodotti vari
Sito web www.postalmarket.it

Postalmarket (Postal Market Italiana fino al 1973, Postal Market dal 1973 fino all'inverno del 1983) è stata un'azienda commerciale italiana, leader nazionale nella vendita per corrispondenza.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Postalmarket nasce nel 1959 da un'idea di Anna Bonomi Bolchini, che importa in Italia il modello statunitense della vendita per catalogo.

L'azienda cresce negli anni sessanta e settanta, dando la possibilità a molti italiani di accedere ai prodotti reclamizzati da Carosello, difficilmente reperibili specie nei piccoli centri di provincia. Nel 1980 l'azienda affronta la sua prima crisi, che si conclude nel 1983. La successiva crescita porta nel 1987 a fatturare 385 miliardi, con una crescita del 20,4% sul giro d'affari dell'anno precedente. Nello stesso anno i dipendenti diretti sono oltre 1400, e stilisti come Krizia, Coveri e Biagiotti, firmano i cataloghi più esclusivi.

Tra la fine degli anni ottanta ed i primi anni novanta Postalmarket era il leader italiano nel mercato delle vendite per corrispondenza, fatturava circa 600 miliardi di lire e gestiva 45 000 spedizioni giornaliere.

Nel 1993 Postalmarket passa sotto il controllo del colosso tedesco Otto Versand, numero uno mondiale dello shopping per posta. Il gruppo tedesco gestisce il catalogo fino al 1998, ricorrendo più volte alla cassa integrazione; poi la società, sull'orlo del fallimento, viene rilevata dal senatore Eugenio Filograna, che promette un radicale rinnovamento dell'azienda ed il trasferimento del business su Internet. Egli reintroduce il Made in Italy, costruisce l'e-commerce con 22.000 prodotti, riporta l'azienda in utile, prepara la quotazione in Borsa che però salta a causa degli scandali di Banca Leonardo (unico sponsor e global-coordinator di Postalmarket). Il mancato accordo tra l'azienda ed il sindacato costringe Filograna ad una scelta radicale: il "commissariamento ministeriale". L'azienda disponeva dei mezzi patrimoniali per pagare tutti i debiti e proseguire l'attività, ma la procedura commissariale non ha fortuna e dopo molte perdite vende l'azienda a Bernardi, il quale stringe un accordo con La Redoute.

Nel 2007 Bernardi decide di chiudere definitivamente Postalmarket. I resti della società vengono comunque ceduti a La Redoute.

Testimonial[modifica | modifica sorgente]

Fra i vari testimonial apparsi nelle pagine del catalogo vi furono, fra gli altri, personaggi dello spettacolo come Giorgio Gaber, Ombretta Colli e Lea Massari.

Catalogo Stagione Testimonial
N. 15 Autunno-Inverno 1967-68 Alice ed Ellen Kessler
N. 16 Primavera-Estate 1968 Georgia Moll (1/2)
N. 17 Autunno-Inverno 1968-69 Georgia Moll (2/2)
N. 18 Primavera-Estate 1969 Marisa Del Frate
N. 19 Autunno-Inverno 1969-70 Eleonora Rossi Drago
N. 20 Primavera-Estate 1970 Giorgio Gaber e Ombretta Colli
N. 21 Autunno-Inverno 1970-71 Lea Massari
N. 22 Primavera-Estate 1971 Gabriella Farinon (1/4)
N. 23 Autunno-Inverno 1971-72 Gabriella Farinon (2/4)
N. 24 Primavera-Estate 1972 Minnie Minoprio
N. 25 Autunno-Inverno 1972-73 Sylva Koscina
N. 26 Primavera-Estate 1973 Milva (1/2)
N. 27 Autunno-Inverno 1973-74 Gabriella Farinon (3/4)
N. 28 Primavera-Estate 1974 Gabriella Farinon (4/4)
N. 29 Autunno-Inverno 1974-75 Sabina Ciuffini
N. 30 Primavera-Estate 1975 Mita Medici
N. 31 Autunno-Inverno 1975-76 Milva (2/2)
N. 32 Primavera-Estate 1976 Rosanna Fratello
N. 33 Autunno-Inverno 1976-77 Paola Tedesco (1/2)
N. 34 Primavera-Estate 1977 Paola Tedesco (2/2)
N. 35 Autunno-Inverno 1977-78 Monica Guerritore
N. 36 Primavera-Estate 1978 Ornella Muti
N. 37 Autunno-Inverno 1978-79 Laura Antonelli
N. 38 Primavera-Estate 1979 Mariangela Melato
N. 39 Autunno-Inverno 1979-80 Ornella Vanoni
N. 40 Primavera-Estate 1980 Dalila Di Lazzaro (1/2)
N. 41 Autunno-Inverno 1980-81 Sydne Rome (1/2)
N. 42 Primavera-Estate 1981 Dalila Di Lazzaro (2/2)
N. 43 Autunno-Inverno 1981-82 Clio Goldsmith
N. 44 Primavera-Estate 1982 Romina Power
N. 45 Autunno-Inverno 1982-83 Sydne Rome (2/2)
N. 46 Primavera-Estate 1983 Gloria Guida
N. 47 Autunno-Inverno 1983-84 Dalila Di Lazzaro, Clio Goldsmith, Milva, Sydne Rome (speciale 25º anniversario)
N. 48 Primavera-Estate 1984 Milly Carlucci
N. 49 Autunno-Inverno 1984-85 Isabella Ferrari
N. 50 Primavera-Estate 1985 Eleonora Brigliadori
N. 51 Autunno-Inverno 1985-86 Marina Suma
N. 52 Primavera-Estate 1986 Eleonora Giorgi
N. 53 Autunno-Inverno 1986-87 Marisa Berenson
N. 54 Primavera-Estate 1987 Kelly LeBrock
N. 55 Autunno-Inverno 1987-88 Brigitte Nielsen
N. 56 Primavera-Estate 1988 Brooke Shields
N. 57 Autunno-Inverno 1988-89 Carol Alt (1/2)
N. 58 Primavera-Estate 1989 Catherine Oxenberg
N. 59 Autunno-Inverno 1989-90 Patricia Millardet
N. 60 Primavera-Estate 1990 Simona Cavallari
N. 61 Autunno-Inverno 1990-91 Carol Alt (2/2)
N. 62 Primavera-Estate 1991 Alessandra Martines
N. 63 Autunno-Inverno 1991-92 Teri Ann Linn
N. 64 Primavera-Estate 1992 Monica Bellucci (1/2)
N. 65 Autunno-Inverno 1992-93 Linda Evangelista
N. 66 Primavera-Estate 1993 Claudia Schiffer
N. 67 Autunno-Inverno 1993-94 Cindy Crawford
N. 68 Primavera-Estate 1994 Carla Bruni
N. 69 Autunno-Inverno 1994-95 Helena Christensen
N. 70 Primavera-Estate 1995 Eva Herzigova
N. 71 Autunno-Inverno 1995-96 Monica Bellucci (2/2)
N. 72 Primavera-Estate 1996 Valeria Mazza
N. 73 Autunno-Inverno 1996-97 Magdalena Wrobel
N. 79 Autunno-Inverno 1999-2000 Natalia Estrada
N. 80 Primavera-Estate 2000 Eugenio Filograna
N. 81 Autunno-Inverno 2000-2001
N. 82 Primavera-Estate 2001 Valeria Marini
aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende