Posologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La posologia è una parte della prescrizione medica (ricetta) riguardante le dosi e i tempi per l'assunzione di un farmaco, contenuta comunemente anche sul "foglietto illustrativo del farmaco" (detto anche colloquialmente "bugiardino"); inoltre è la parte della farmacologia che studia e determina le dosi e le modalità di somministrazione dei farmaci.

Nel tempo, ritenendo importanti anche altre nozioni, si è esteso il concetto di posologia.

Somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

È la vera e propria posologia in quanto descrive il numero di dosi che il paziente deve assumere nelle 24 ore per ottenere il desiderato effetto terapeutico. Esempio, il medico dice: “Assumere 1 compressa per 3 volte al giorno, dopo i pasti”. Il medico scrive abbreviato: 1 cpr x 3 volte/die.

  • Si raccomanda di controllare sempre attentamente la data di scadenza, riportata sulla confezione e di non somministrare un farmaco scaduto per nessun motivo.

Dopo la data di scadenza, stabilita dal Ministero della Sanità, i principi attivi si degradano, ossia anche se sono ben chiusi, con l’ossigeno dell’aria, le sostanze chimiche attive si ossidano, cambiano proprietà e possono provocare, qualora assunte, delle reazioni allergiche leggere, se polveri compresse e gravi, se liquide in fiale somministrate intramuscolo. In alcuni testi è possibile trovare l'abbreviazione per indicare quante volte assumere una determinata dose nell'arco delle 24 ore: QD o SID = 1 volta al giorno (dal latino quaque die); BID = 2 volte al giorno (dal latino bis in die); TID = 3 volte al giorno (dal latino ter in die); QID = 4 volte al giorno (dal latino quater in die).

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

Bisogna tenere conto che la posologia è un cardine della farmacologia in quanto solo il corretto e testato uso del farmaco può dare effetti benefici e ridurre effetti secondari o sgraditi al paziente, viene pertanto consigliato d'attenersi alla posologia (tempi e modi d'uso del farmaco) descritta dal medico o dal farmacista nell'uso del farmaco.

Foglio illustrativo del farmaco[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi foglietto illustrativo.

Il foglietto illustrativo del farmaco è una scheda tecnica o libretto, che accompagna in modo obbligatorio in Italia, UE e USA ed in moltissimi Stati, ogni medicinale o sostanza per uso personale chimico (farmacologico), approvato dal Ministero della Sanità.

La scheda tecnica è compilata dall'industria farmaceutica che produce il farmaco, è anche chiamata bugiardino. Di conseguenza[non chiaro], di solito in Italia non riporta in modo completo gli effetti avversi che sono stati segnalati. In altri paesi invece è fatto d’obbligo riportare tutti gli effetti avversi, descritti per tipo e per percentuale statistica d’incidenza, anche se sia un solo caso.[senza fonte]

In questo foglietto o manuale è descritto (in termini scientifici[senza fonte]) il corretto utilizzo del farmaco, è sempre possibile farselo spiegare da un farmacista o da un medico, per capire eventuali problemi (controindicazioni ed effetti collaterali) che possono insorgere nell'utilizzo del farmaco.

È consigliabile averlo sempre disponibile insieme alla scatoletta del farmaco, non buttarlo. Per averne una copia attualmente (2005), basta introdurre il nome del farmaco su un qualsiasi motore di ricerca Internet, per avere disponibile questa scheda tecnica e farne una stampa.

Di solito è descritto:

  • Denominazione: Nome del farmaco, breve descrizione, quantità venduta e copyright.
  • Ditta: ditta produttrice e/o distributrice del farmaco, con indicazioni di dove si può reperire la ditta.
  • Ingredienti: di cosa è costituita il farmaco.
  • Azione: che tipo di azione avrebbe sull'organismo.
  • Utilizzazione: come utilizzare il seguente farmaco e le principali norme d'attenzione nel suo utilizzo.
  • Somministrazione: tempi e modi di prendere il farmaco, eventuali problemi per eccessivo dosaggio o altri problemi inerenti.
  • Durata/Scadenza: quanto dalla data di fabbricazione il prodotto è valido, norme per la corretta tenuta del farmaco.
  • Avvertenze generali: sulla pericolosità del fatto che è farmaco, che possa o meno essere usato e da chi.
  • interferenze cibi-farmaco: pompelmo, alcool, caffeina, fragola (vitamina C)-antistaminici, tiramina (lievito, cioccolata, formaggi stagionati)-MAO inibitori, verdure a foglia verde e larga(vitamina K)-anticoagulanti, bibite energizzanti-batabloccanti, tè verde ad alte dosi (per sospetta azione sul citocromo p450[1]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inibizione competitiva del CYP2B6,CYP2C8, CYP3A, Effects of Green Tea Catechins on Cytochrome P450 2B6, 2C8, 2C19, 2D6 and 3A Activities in Human Liver and Intestinal Microsomes, Drug Metabolism and Pharmacokinetics Vol. 28 (2013) No. 3 p. 244-249

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina