Portomaggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portomaggiore
comune
Portomaggiore – Stemma
Portomaggiore – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Ferrara-Stemma.png Ferrara
Amministrazione
Sindaco Nicola Minarelli (PD) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 44°42′00″N 11°48′00″E / 44.7°N 11.8°E44.7; 11.8 (Portomaggiore)Coordinate: 44°42′00″N 11°48′00″E / 44.7°N 11.8°E44.7; 11.8 (Portomaggiore)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 126 km²
Abitanti 12 179[1] (31-01-2013)
Densità 96,66 ab./km²
Frazioni Gambulaga, Maiero, Portorotta, Portoverrara, Quartiere, Ripapersico, Runco, Sandolo
Comuni confinanti Argenta, Comacchio, Masi Torello, Ostellato, Voghiera
Altre informazioni
Cod. postale 44015
Prefisso 0532
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 038019
Cod. catastale G916
Targa FE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti portuensi
Patrono san Carlo Borromeo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Portomaggiore
Posizione del comune di Portomaggiore nella provincia di Ferrara
Posizione del comune di Portomaggiore nella provincia di Ferrara
Sito istituzionale

Portomaggiore (Portmagiòr in dialetto ferrarese) è un comune di 12.179 abitanti della provincia di Ferrara.

Il toponimo deriva dall'importante porto fluviale che esisteva sul Sandalo e che permetteva i commerci con i corsi d'acqua prossimi (Fossa di Porto, Po di Primaro e Persico) e con il mare attraverso le paludi di Comacchio.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Cittadina i cui primi insediamenti risalgono al XII secolo, sviluppatasi in una terra strappata alla antica palude delle valli del Mezzano sugli argini di antichi rami del fiume Po.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Il primo documento scritto relativo alla città è una carta d’enfiteusi scritta da Regimbaldo di Santa Maria in Palazzolo del 955. Lo scritto tratta la descrizione morfologica delle terre comprese nella Pieve di Santa Maria in Porto e, nonostante non sia ancora utilizzato l’attributo “maggiore” tutti gli storici sono concordi nell’affermare che si trattasse proprio del centro odierno. Il toponimo moderno si avrà solo nel 1249.

La contesa arcivescovile[modifica | modifica sorgente]

La terra di Portomaggiore fu a lungo contesa tra i poteri arcivescovili ravennati e quelli ferraresi. Nel 1119 l’imperatore Arrigo VI promulgò un diploma con il quale venne spostato il confine ferrarese fino alla Fossa di Bosio, comprendendo anche Portomaggiore. Un altro diploma imperiale, settantasei anni dopo, restituiva ai Ravennati le “Terre di Porto”. I ferraresi tuttavia continuarono a considerare la Fossa di Bosio come confine naturale e a pretendere il controllo sui centri di Portomaggiore, Sandolo, Maiero, Ripapersico, Consandolo e Portoverrara che, solo nel 1277, si poterono dire definitivamente ferraresi perché delimitati da una fossa fatta costruire da Azzo Novello a scopo di delimitare i propri confini.

Il primo dominio Estense[modifica | modifica sorgente]

Gli Estensi governarono Portomaggiore per tutto il periodo della durata del Ducato di Ferrara e fino alla sua devoluzione allo Stato Pontificio. Essi apportarono in queste terre notevoli migliorie, specie in termini di bonifiche. Già ai tempi di Nicolò II esisteva a Portomaggiore un’istituzione scolastica riportata dai documenti come “Schole Sanctae Mariae de Porto”. Malgrado i benefici influssi della stabilità estense fossero particolarmente sentiti dai portuensi, questi, in un momento difficile della vita della signoria, si lasciarono coinvolgere da faide familiari abbracciando la causa del marchese Azzo, ribelle al governo legittimo di Nicolo III. Il fatto, compiutosi nel 1395, è noto come tradimento di Portomaggiore, perché proprio qui, i due schieramenti diedero vita ad una sanguinosa battaglia conclusa con la sconfitta di Azzo.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Portomaggiore.

Il secondo dominio Estense[modifica | modifica sorgente]

La Delizia del Verginese

Dopo il cruento episodio del 1395, sempre sotto direzione estense, il Portuense tornò ad essere oggetto di particolari attenzioni da parte della signoria, vuoi perché questi luoghi erano terre di confine e quindi bisognose di costanti aggiornamenti di natura bellica, vuoi per la peculiare attitudine di ogni reggitore della casata a concedersi luoghi di sosta, di ristoro e di caccia particolarmente lussuosi in ogni parte del ducato, denominati “Delizie”. Anche nell’ attuale territorio del comune di Portomaggiore ve ne era una di prestigio: la Delizia del Verginese a Gambulaga. Nel 1533, ai tempi di Alfonso I, il possedimento del Verginese era ancora legato allo sfruttamento agricolo, al pascolo e all’allevamento; tramutò in Delizia vera e propria nel 1534 grazie a Laura Dianti.

Il dominio Pontificio[modifica | modifica sorgente]

Con la devoluzione del feudo ferrarese nel 1598, papa Clemente VIII si recò personalmente a prendere possesso dei territori ducali; il 2 ottobre fu a Portomaggiore dove celebrò una messa all’altare della Madonna della Chiesa di San Francesco e lasciò ”abbondante elemosina al Convento dei Frati”. Del periodo pontificio nel Portuense non si hanno memorie significative, tranne il definitivo sfaldamento del Castello e l’inaugurazione della Chiesa della Madonna dell’Olmo (tutt’oggi visitabile). Il 1860 fu un anno di aspre contese tra i poteri religiosi argentani e quelli portuensi; un insanabile dissidio che si protrasse per quasi cinquant’anni e il cui motivo era la dislocazione delle chiese collegiate più prestigiose. Entrambe le popolazioni dei due centri furono coinvolte in questa sorta di campanilismo politico-religioso ed è forse a questo periodo che si possono far risalire l’atavico agonismo e la rivalità ancora oggi molto sentiti tra i due comuni ferraresi.

L'età Napoleonica ed il Risorgimento[modifica | modifica sorgente]

Il periodo Napoleonico non si dimostrò particolarmente significativo per la storia portuense e al riguardo fu scritto nel “Giornale del Basso Po” del 21 giugno 1798, “ben pochi cittadini hanno smesso il vestito aristocratico, e le forze rivoluzionarie del paese sono rappresentate da una guardia “ad zzanzàl” (di zanzare)”. Ben altro va detto a proposito delle guerre d’indipendenza e dei cittadini di Portomaggiore direttamente impegnati nelle lotte per l’unificazione nazionale. Tra gli episodi più noti ricordiamo l’intervento del conte colonnello Ignazio Aventi in favore della popolazione di Comacchio ribellatasi agli austriaci; e ancora va menzionata la figura del fratello di Ignazio, il conte Carlo Aventi, che, arruolatosi tra i Bersaglieri del Po, cadde nella battaglia di Cornuda del 9 maggio 1848. Fu sempre un Aventi, il conte Antonio figlio di Ignazio, che nel 1859 organizzò e diresse la rivolta cittadina del 20 giugno, mentre Ferrara era ancora controllata dal potere pontificio e dal presidio austriaco.

L'Ottocento e le rivolte popolari[modifica | modifica sorgente]

Lavori agricoli nei pressi della cittadina

L’Ottocento fu anche il secolo delle grandi bonifiche; con esse divamparono le lotte sociali che valsero a Portomaggiore l’appellativo di “capitale degli scioperi”. Già nel 1901 si potevano contare nel Portuense numerose organizzazioni politico sindacali come le Leghe di Resistenza e Miglioramento che riunivano obbligati e disobbligati, muratori e operai. Nonostante che da più di un decennio fosse in funzione ferrovie di collegamento con Ferrara e Bologna nel 1903 i disoccupati erano ancora oltre 2500 e l’economia era fondata ancora sullo sfruttamento dei lavoratori. Fu così che nel 1903 si giunse al grande sciopero dei 4500, con violenti scontri tra polizia e crumiri da una parte e manifestanti dall’altra. Un altro importante sciopero si ebbe nel 1907,durante il quale intervennero la polizia a cavallo per abbattere le barricate innalzate lungo il viale della stazione con lo scopo di impedire l’accesso ai crumiri.

Le due guerre ed il dopoguerra[modifica | modifica sorgente]

Il fascismo e le due guerre lasciarono lutti e profonde lacerazioni nel tessuto urbano-architettonico di Portomaggiore: le azioni terroristiche delle camicie nere erano dirette personalmente da Italo Balbo e Olao Gaggioli. Tra il 1944 e il 1945 le incursioni aeree determinarono la distruzione della centrale elettrica, della stazione ferroviaria, delle prigioni, del Palazzo degli Uffici governativi, dell’ospedale Eppi, della Collegiata (il Duomo) e di centinaia di abitazioni. Il 19 aprile, all’entrata in città dell’VIII armata inglese, Portomaggiore si presentava come un cumulo di macerie. Negli anni Cinquanta del 1900 vennero realizzati strade, case, scuole e l’ospedale; fu attuato un piano regolatore che portò ad una struttura urbanistica tra le più moderne del tempo.

Dagli anni sessanta ad oggi[modifica | modifica sorgente]

Negli anni sessanta il boom economico colpì anche Portomaggiore, infatti in città fiorirono diverse attività artigianali ed industriali: tra le più famose ricordiamo la Fabbri e la Colombani. Nel 1987 Portomaggiore fu ritenuta il luogo più idoneo per realizzare un "mega-villaggio satellite americano"; furono quindi impiegati 5000 metri quadrati per la costruzione del sogno “made in U.S.A.”. L’OK Village, così si chiamava questa New York in miniatura, era in effetti una piccola città dove al ballo si associava la possibilità di fare acquisti nella Quinta Strada o di sdraiarsi sulle panchine di Central Park. Al mondo, al momento della realizzazione del complesso, esistevano soltanto altre due discoteche simili: il “Palladium” a New York e l’”ippodrome” a Londra. A partire dagli anni 2000 nella cittadina è esploso il fenomeno dell'immigrazione, tutt’oggi Portomaggiore con una percentuale di cittadini stranieri attorno al 12% è il comune più “etnico” della provincia.[senza fonte]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Oasi di Porto

Monumento importante del comune è la Delizia del Verginese, castello ubicato nella frazione di Gambulaga a circa 6 chilometri dal capoluogo. Originariamente casale di campagna, fu trasformato in residenza ducale nel primo Cinquecento da Alfonso I d'Este e donato a Laura Eustochia Dianti. Alla morte del Duca, la dama vi si ritirò, facendone la sua piccola corte privata e ne ordinò la ristrutturazione, eseguita principalmente da Cavaldi da Parma. Questi configurò il castello come un edificio a pianta rettangolare e a due ordini, delimitato da quattro torri merlate e a pianta quadrata. A lato è posta una piccola chiesa settecentesca, unita all'edificio tramite un portico, anch'esso della stessa epoca. L'interno venne decorato a partire dal XVIII secolo con stucchi, fiori in stile liberty a tempera, conchiglie, rosoni, volute e spesse cornici che delineano soffitti. Grazie ad un recente restauro, l'antica delizia estense è diventata un luogo privilegiato per mostre temporanee, incontri culturali e concerti. La Delizia del Verginese dal 2006 ospita i reperti archeologici del "Sepolcreto dei Fadieni" (I e II secolo d.C.).

Un'altra attrattiva del comune è l'Oasi di Porto, area ideale per il birdwatching e la pesca sportiva.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1.541 persone. Le 10 nazionalità maggiormente rappresentate nel territorio comunale erano:

Pakistan Pakistan 627

Marocco Marocco 349

Ucraina Ucraina 135

Romania Romania 85

Moldavia Moldavia 51

Polonia Polonia 46

Cina Cina 46

Albania Albania 38

Tunisia Tunisia 37

Niger Niger 21

Germania Germania 12

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

Nella terza settimana di settembre si tiene l'antica Fiera di Portomaggiore, rassegna di macchine agricole e prove di lavorazione in campo. Vi sono anche stand gastronomici e rassegne artistiche nelle vie del centro storico. Durante l'antica fiera si tiene il famoso concorso di poesia dialettale al quale partecipano moltissimi artisti di livello provinciale e regionale.
Da segnalare che la famiglia circense degli Orfei è originaria di Portomaggiore.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Cucina e gastronomia[modifica | modifica sorgente]

La Salama da sugo, simbolo culinario della città

La gastronomia portuense è quella che si dice la vera cucina ferrarese.[senza fonte] Portomaggiore è la zona di origine della salama da sugo, un insaccato fatto con fegato, lingua e altre parti del maiale insaccate nella vescica. Il marchio della salamina portuense è la ditta "SaPor", acronimo di Salamina Portuense.

Altre specialità gastronomiche del portuense sono il cotechino (a rafforzare una tradizione della lavorazione della carne di suino), i cappellacci di zucca ed il risotto di zucca. Influenze della cucina della vicina Romagna si possono vedere nell'uso della piadina e del vino Sangiovese.

Notevole è la produzione di prodotti ortofrutticoli nel portuense, il terreno fertile e torboso permette la coltivazione di ottime qualità di frutta, esportate in tutto il territorio italiano: tra i più apprezzati troviamo i meloni, i fichi e le angurie.

Persone legate a Portomaggiore[modifica | modifica sorgente]

Consegna delle chiavi della città a Luciano Pavarotti

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Le frazioni di Portomaggiore sono: Portoverrara, Maiero, Sandolo, Gambulaga, Runco, Quartiere, Portorotta, Ripapersico. Esistono altre piccole località non riconosciute ufficialmente come frazioni ma densamente popolate in passato: La braglia, il Pozzale e il Verginese sono quelle più conosciute.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'agricoltura (coltivazioni cerealicole e frutticole), sulla cui economia si è sempre appoggiato storicamente il tessuto locale, sul finire del XX secolo ha visto perdere progressivamente importanza a favore di terziario avanzato e piccola attività manifatturiera, con conseguente sviluppo di attività industriali ed artigianali.

Portomaggiore comunque è luogo di nascita di aziende storiche del settore agricolo/commerciale. Nel 1905 vi nacque l'industria Fabbri, trasferitasi poi a Bologna, che divenne famosa per le conserve e l'Amarena Fabbri, suo simbolo nel mondo. Nel 1924 il commendator Giulio Colombani avviò a Portomaggiore un'attività di produzione di conserve di pomodoro, e successivamente di marmellate e succhi di frutta, che si affermò nel tempo con il marchio Jolly Colombani e che fu poi acquisita dal consorzio Conserve Italia. Ambedue queste attività industriali non hanno comunque lasciato stabilimenti produttivi sul territorio di Portomaggiore.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Portomaggiore è servito dalla Strada statale 16 Adriatica ed è a pochi chilometri dall'autostrada A13 Bologna-Padova e dalla Superstrada Ferrara-Porto Garibaldi.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Portomaggiore rappresenta lo scalo ferroviario più importante della provincia, dopo quello di Ferrara. La stazione rappresenta una fermata della linea Ferrara – Rimini ed è capolinea della linea Bologna–Portomaggiore.

Sport[modifica | modifica sorgente]

A Portomaggiore è diffusa la pallavolo ed è il luogo di nascita di molte personalità sportive come Dino Bruni (ciclismo), Gianfranco Macchia (pugilato), Luca Stagni (pallavolo), Ruben Buriani (calcio), Davide Santon (calcio), Vancini (nuoto) e Savino Bellini (calcio), al quale è dedicato lo stadio.
Il 4 gennaio 2008 la nazionale under 21 olandese si allenò nello stadio di Portomaggiore (dove gioca la Portuense) prima dell'amichevole contro l'Italia a Ferrara.

Calcio[modifica | modifica sorgente]

  • 600px Nero e Rosso.png A. S. Portuense - Campionato Regionale Eccellenza
  • Quartiere Calcio - Campionato Provinciale di Seconda Categoria

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

  • 600px Giallo e Blu2.png Team Volley Portomaggiore - Campionato regionale di serie C

Nuoto[modifica | modifica sorgente]

La società Delfino 93 gestisce la piscina comunale e vanta numerosi atleti, specialmente giovani, che la rappresentano in campionati nazionali.

Motori[modifica | modifica sorgente]

A Ripapersico, a pochi chilometri a Sud di Portomaggiore, vi è una pista per GoKart e Minimoto che ospita eventi e manifestazioni di livello sia regionale che nazionale.

Tiro con l'arco[modifica | modifica sorgente]

Presso la Delizia del Verginese vi sono alcuni campi di tiro.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Portomaggiore non è gemellata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2013.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Teatro Sociale della Concordia Beni Culturali

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia