Porte della Cilicia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porte della Cilicia
Puertas Cilícias.jpg
Le Porte della Cilicia, che nell’antichità erano larghe poco più di dieci metri, sono oggi attraversate dalla Strada europea E90, un'autostrada a sei corsie che porta fino ad Ankara.
Stato Turchia Turchia
Regione Mediterraneo
Provincia Mersin
Località collegate Pianure della Cilicia e la costa del Mediterraneo con l’altopiano centrale dell’Anatolia
Altitudine 1100 m s.l.m.
Coordinate 37°19′12″N 34°47′31″E / 37.32°N 34.791944°E37.32; 34.791944Coordinate: 37°19′12″N 34°47′31″E / 37.32°N 34.791944°E37.32; 34.791944
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Turchia
Porte della Cilicia

Le Porte della Cilicia, (TR) Gülek Boğazı ("Passo Gülek") è una stretta gola che taglia, a circa 1.100 metri di quota, la catena delle Montagne del Tauro, che si erge a nord della Cilicia e la separa dall'altopiano centrale dell'Anatolia.

Esse costituiscono il principale valico attraverso i monti Tauro del sud della Turchia, collegano le basse pianure della Cilicia e la costa del Mediterraneo con l’altopiano centrale dell’Anatolia. L’ingresso sud si apre a 44 km a nord di Tarso. Le porte sono una stretta gola del fiume Gökoluk.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L’antica via era un percorso per muli e carovane, non per veicoli a ruote. I Diecimila, Alessandro Magno prima della battaglia di Isso, Paolo di Tarso sulla strada verso i Galati ed i cavalieri della Prima Crociata passarono tutti attraverso le Porte della Cilicia.

Gli ingegneri tedeschi che lavorarono al collegamento ferroviario tra il litorale del Mar di Marmara di fronte a Costantinopoli e Baghdad, non poterono seguire i tornanti dell’antico, ripido e stretto tracciato attraverso il passo. La serie di viadotti e tunnel che costruirono sono considerati tra le meraviglie dell’ingegneria ferroviaria. Il percorso fu aperto nel 1918; sulle linee a scartamento ridotto si mosse l’esercito turco con il materiale bellico verso il fronte della Mesopotamia, nei mesi conclusivi della Prima guerra mondiale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]