Portale:Genova/Citazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(LT)
« Ianuensis, ergo mercator »
(IT)
« Genovese, dunque mercante »
(Poeta anonimo del XII secolo)

Vedi anche Genova vista da illustri viaggiatori - Altre citazioni su Wikiquote




Citazioni già inserite[modifica | modifica sorgente]

2008[modifica | modifica sorgente]

(LIJ)
« Umbre de muri muri de mainé / dunde ne vegnì duve l'è ch'ané »
(IT)
« Ombre di facce facce di marinai / da dove venite dov'è che andate »
(Fabrizio De Andrè, Creuza de mä, 1984)
« Genova austera, vibrante, ampia! Luogo unico dai trecento ripiani a terrazza sul mare, ornata di parchi stupendi! Genova, dove i tramways sono gli ascensori! Le strade ed i quartieri, sovrapposti, si aggrovigliano, si superano, si ricongiungono, si dividono ancora ... »
(Valery Larbaud, da Ex voto: San Zorzo)

2007[modifica | modifica sorgente]

« Genova è la città di marmo »
(Vicente Blasco Ibanez, Nel paese dell'arte, 1896)
« La Superba, la città dai bei palazzi, sono da secoli gli appellativi di Genova. Certo essa è piena di palazzi, e questi dentro sono sontuosi ma esternamente molto malandati e senza pretese di grandiosità architettonica. Genova la Superba, sarebbe un titolo indovinato se si riferisse alle donne. »
(Mark Twain, Innocenti all'estero, 1867)
« I tiranni sono levati al potere a voce di popolo e per sua volontà ma senza alcuna giustificazione legale. Infatti di solito avviene che quando un gruppo politico prevale sull'altro, allora quelli che ne fanno parte, inorgogliti dal successo, si mettono a gridare: –Viva il tale! Viva il Tale! Muoia il tal altro. E quindi eleggono uno tra essi e uccidono, se non riesce a fuggire, chi prima comandava. »
(Jean Le Meingre detto Boucicault, a proposito del potere al tempo della Repubblica di Genova)
« ... l'abilità nautica di Genova è tenuta in tale reputazione e stima in tutto il mondo che i genovesi sono detti signori del mare. »
(Jean d'Auton, Descrizione di Genova, Cronache del Regno di Luigi XII, 1502)
« Preferisco Genova a tutte le città che ho abitato. Mi ci sento perduto e familiare, piccolo e straniero. »
(Paul Valéry - Altre citazioni su Wikiquote)
« Se gli architetti che hanno costruito Genova avessero avuto spazio, se avessero potuto abbandonarsi alla fantasia e senza ostacoli ai loro capricci, non avrebbero potuto trovare le infinite risorse e la multipla varietà di motivi, di disegni e disposizioni ai quali la facciata dei loro palazzi deve un'originalità di carattere, e che introduce in ogni anfratto l'inatteso della grandezza. »
(Louis Enault, Breve vision hivernale d'un voyageur normand, 1850) - Altre citazioni su Wikiquote))
« Dalla torre maggiore del Castello d'Albertis si scorge Genova tutta, affascinante come odalisca addormentata »
(Supplemento al giornale "Caffaro", 1 maggio 1892 (v. Caffaro di Rustico da Caschifellone))
« I tiranni sono levati al potere a voce di popolo e per sua volontà ma senza alcuna giustificazione legale. Infatti di solito avviene che quando un gruppo politico prevale sull'altro, allora quelli che ne fanno parte, inorgogliti dal successo, si mettono a gridare: -Viva il tale! Viva il Tale! Muoia il tal altro. E quindi eleggono uno tra essi e uccidono, se non riesce a fuggire, chi prima comandava. »
(Boucicault, sul dogato nella Repubblica di Genova)
« Poco amanti del sapere, studiano la grammatica limitatamente al necessario e stimano poco gli altri studi: quando sentono odore di commercio, si fanno tutti avanti. »
(Enea Silvio Piccolomini, 1532, da Citazioni su Genova, Wikiquote)
« Questa città è antica senza antichità, raccolta senza intimità e sudicia oltre ogni limite ... La luna, occhio pallido della notte, guarda dall'alto, malinconica. »
(Heinrich Heine, da Citazioni su Genova, Wikiquote)
« ... queste donne genovesi sono incantevoli. La più gran parte di queste damigelle sono vestite di una bianca nube dalla testa ai piedi ... »
(Mark Twain, Innocenti all'estero, 1867)

2006[modifica | modifica sorgente]

« [Genova] ... scarna lingua di terra che orla il mare »
(Camillo Sbarbaro)
« Bisognerebbe pensare a lui soltanto qui: è bello immaginarlo mentre si vaga nelle chiese italiane all'ombra dei marmi ... »
(Gustave Flaubert nella lettera ad un amico, riferendosi alla figura di Don Giovanni))
« Canta, ride, svaria ferrea la sinfonia feconda urgente al mare: / Genova canta il tuo canto! »
(Dino Campana, Canti orfici)
« Presi una stanza a Sottoripa e vissi con un persiano per sei mesi folli ... »
(Julian Stannard, Rina's War)
« Genova è la città più bella del mondo »
(Anton Cecov, Il gabbiano)
« Città a sorpresa!, il cui uso insinua un'astuta saggezza »
(Valery Larbaud)
« Ho visto una bellissima strada, la via Aurelia, ed ora sono in una bella città, una vera bella città, Genova»
(Gustave Flaubert)
« Mi fu raccomandato di andare a vedere i cimiteri di Genova. Raggiunsi in tram un antico camposanto in una valle del fiume Bisagno, molto amena e placida, e mi riferirono che a poca distanza ve n'era un altro, pieno di statue [nota: il cimitero di Staglieno] ... Lo vidi e non mi piacque per niente. Mi diede l'impressione di un baraccone di figure di cera, prive di colore. »
(Pio Baroja, autore spagnolo)
« ... in una Genova assordante che scoppiava di salute davanti al suo golfo e al cielo in cui fino a sera lottavano il desiderio e la pigrizia. »
(Albert Camus)
« [Genova] è imponente, solida, quasi altera, pulita, benestante; notevolissima è la diffusione della lingua tedesca negli alberghi e nei negozi ... »
(Sigmund Freud)
« Quando uno va a Genova è ogni volta come se fosse riuscito ad evadere da sé »
(Friedrich Nietzsche)
« ... Signora, questo desiderio - di santità - deve essere in voi come gli aranci della riviera di Genova che sono quasi tutto l'anno carichi di frutti, di fiori e di foglie ad un tempo ... »
(Francesco di Sales, 3 maggio 1604,
da una lettera indirizzata a Jeanne de Chantal
)
  • 1 luglio
    • ... la regina d'Inghilterra Elisabetta II, in visita ufficiale nel capoluogo ligure, era stata protagonista di una gustosa gaffe: confuse infatti un assessore comunale, quasi omonimo, con il poeta Edoardo Sanguineti, porgendogli le proprie congratulazioni per l'attività letteraria svolta.
  • 24 giugno
« Il Miramare di Genova inghirlandava la curva oscura della spiaggia con festoni di luce e la sagoma delle montagne faceva spicco sullo sfondo nero grazie al riverbero delle finestre degli alberghi più in alto ... »
(Francis Scott Fitzgerald, L'età del jazz, 1934)
« ... i Genovesi non si raffinano in nessun modo: sono pietre massicce che non si lasciano tagliare. Quelli che sono stati inviati nelle corti straniere, ne son tornati Genovesi come prima ... »
(Charles de Montesquieu)
« Superba ardeva di lumi e cantici / nel mar morenti lontano Genova / al vespro lunare dal suo / arco marmoreo di palagi »
(Giosuè Carducci, "Odi barbare")
« Genuensis, ergo mercator
(Genovese, ovvero mercante) »
(Poeta anonimo del XII secolo)
« I Genovesi non sono affatto socievoli; e questo carattere deriva piuttosto dalla loro estrema avarizia che non da un'indole forastica: perché non potete credere fino a che punto arriva la parsimonia di quei principi. Non c'è niente di più bugiardo dei loro palazzi. Di fuori, una casa superba, e dentro una vecchia serva che fila ... »
(Charles de Montesquieu)
« ... Presto il porto appare e si vede la bella città seduta ai piedi delle montagne: il faro della Lanterna, come un minareto, dà all'insieme qualche cosa d'orientale e si pensa a Costantinopoli »
(Gustave Flaubert)
« Genova giace presso il mare come lo scheletro di un gigantesco animale buttato lì dalla risacca »
(Heinrich Heine)
« Case alte fino a tredici piani, vie strettissime nella città vecchia, fresche e maleodoranti ... »
(Paul Klee)
« Tutti debbono vedere Genova! »
(Richard Wagner)
« Mi piacerebbe restare qui, preferirei non procedere oltre »
(Mark Twain, 1867)