Porphyrio hochstetteri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Takahē dell'Isola del Sud
Takahe and chick.jpg
Porphyrio hochstetteri
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Gruiformes
Famiglia Rallidae
Genere Porphyrio
Specie P. hochstetteri
Nomenclatura binomiale
Porphyrio hochstetteri
(A. B. Meyer, 1883)
Sinonimi

Notornis mantelli Mantell, 1847
Porphyrio mantelli hochstetteri ,

Il takahē o takahē dell'Isola del Sud, Porphyrio hochstetteri, è un uccello incapace di volare indigeno della Nuova Zelanda e appartenente alla famiglia dei ralli. Dopo la cattura degli ultimi quattro esemplari, nel 1898, si ritenne che si fosse estinto. Comunque, dopo un'accurata ricerca, questo uccello venne riscoperto da Geoffrey Orbell nei pressi del lago Te Anau, sulle montagne Murchison, nell'Isola del Sud, il 20 novembre 1948. Il nome scientifico specifico commemora il geologo austriaco Ferdinand von Hochstetter.

Una specie imparentata, il takahē dell'Isola del Nord (P. mantelli) o mōho, è estinta ed è nota solamente per alcuni resti scheletrici. Entrambe le forme sono state ritenute per molto tempo sottospecie di mantelli e venivano solitamente classificate sotto il genere Notornis. Comunque, è stato riconosciuto che le differenze tra Porphyrio e Notornis sono insufficienti per giustificare la separazione di quest'ultimo, mentre le differenze tra la forma dell'Isola del Nord e quella dell'Isola del Sud sono abbastanza marcate da giustificare una classificazione come due specie separate che hanno perso indipendentemente l'una dall'altra l'attitudine al volo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il takahē è il membro vivente più grande dei Rallidae; la sua lunghezza può superare i 63 cm. È un uccello tozzo, con ali ridotte, zampe robuste e becco massiccio.

Il takahē adulto è di colore generalmente azzurro-viola, con il dorso e la faccia interna delle ali verdastri. Ha uno scudo frontale rosso ed un becco rosa con la base rossa. Le zampe sono rosa. I sessi sono simili, anche se la femmina è leggermente più piccola, ma i giovani hanno un piumaggio generalmente bruno pallido. È una specie rumorosa che emette un sonoro clowp.

Da notare il grosso becco e lo scudo frontale

Distribuzione ed habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è ancora presente nella zona delle montagne Murchison dove è stata riscoperta. Alcuni esemplari sono stati inoltre trasferiti con successo su quattro isole libere dai predatori, Tiritiri Matangi, Kapiti, Maud e Mana, dove vengono esposti al pubblico. Inoltre, dei takahē in cattività si possono vedere nei centri naturali di Te Anau e di Mt Bruce. Nel giugno 2006 una coppia di takahē è stata trasferita nell'area di restaurazione ecologica di Maungatautari.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La quasi estinzione del takahē è dovuta ad un certo numero di fattori: la caccia sconsiderata, la distruzione dell'habitat e l'introduzione dei predatori hanno giocato tutti un ruolo importante. Dal momento che la specie è molto longeva, si riproduce lentamente, impiega diversi anni a raggiungere la maturità ed aveva un vasto areale che nel giro di poche generazioni si è ridotto drasticamente, un problema significativo per questi uccelli è anche la depressione da inincrocio. Gli sforzi di recupero vengono ostacolati specialmente dalla bassa fertilità degli uccelli rimasti; le analisi genetiche sono state indirizzate verso la selezione di un gruppo riproduttivo in cattività allo scopo di preservare la massima diversità genetica.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Il takahē vive nei prati alpini. Si nutre di una grande varietà di piante e la sua dieta è simile a quella del pukeko (pollo sultano viola), il più stretto parente del takahē e del moho. Spesso il takahē può essere visto strappare un gambo di erba delle nevi, tenerlo tra gli artigli e nutrirsi solamente delle tenere parti inferiori che costituiscono il suo cibo preferito. Il resto viene scartato.

Un adulto nutre un pulcino

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie costruisce un rozzo nido sotto i cespugli e gli arbusti e depone due uova marroncine. È territoriale. La sopravvivenza del pulcino è assicurata nel 73-97% dei casi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Porphyrio hochstetteri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli