Popolo Mentawai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mentawai in una foto del 1895

I Mentawai sono le tribù autoctone dell'isola di Siberut, tra le isole Mentawai, in Indonesia, le loro tracce sono presenti sull'isola sin dal 1500 a.C.

A causa dell'avanzare della civiltà moderna, sono stati costretti a spostarsi nel cuore della foresta pluviale. La modernizzazione ha inoltre strappato molti membri della tribù allo stile di vita indigeno, in favore di quello moderno.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Tali tribù hanno instaurato uno stretto legame spirituale con la natura, tanto che sono animisti e accompagnano tutte le battute di caccia con dei riti propiziatori.

Tutti i membri del clan hanno uguali tatuaggi, che guadagnano di volta in volta nel corso della loro vita, come quando ad esempio uccidono per la prima volta una scimmia. I loro tatuaggi non sono infatti legati al passaggio all'età adulta, a differenza di altre tribù.

Gli sciamani sono particolarmente orgogliosi dei loro tatuaggi, in quanto credono che da essi scaturisca la loro forza spirituale; gli sciamani inoltre sono soliti limarsi i denti, per renderli più appuntiti. Tale pratica è oggi proibita dal governo indonesiano per le conseguenze (rapido degrado dei denti) che essa comporta.

Vivono in palafitte di legno e bambù con tetti di palma talmente resistenti da durare anche 20 anni.

Si nutrono di allevamento di maiali e galline, coltivano inoltre una serie di vegetali compatibili con il suolo fangoso delle Mentawai come banana, tapioca, durian, jackfruit, rambutan, e sagol, un alimento ottenuto tramite la lavorazione della polpa di un tipo di palma con consistenza tipo pane. Cacciano inoltre selvaggina in particolari occasioni ad esempio scimmie, cinghiali, varani ed alcuni ungulati. Raccolgono inoltre larve, miele e di sostanze derivate da particolari alberi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]