Braccio di Ferro incontra Sinbad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Braccio di Ferro incontra Sinbad
Il cortometraggio integrale in lingua originale
Titolo originale Popeye the Sailor Meets Sindbad the Sailor
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1936
Durata 16 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, commedia, musicale, fantastico
Regia Dave Fleischer
Produttore Max Fleischer
Casa di produzione Fleischer Studios
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Animatori Willard Bowsky, George Germanetti, Edward Nolan, Lillian Friedman
Musiche Sammy Timberg, Bob Rothberg, Samuel Lerner
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Braccio di Ferro incontra Sinbad (Popeye the Sailor Meets Sindbad the Sailor) è un film del 1936 diretto da Dave Fleischer. È un cortometraggio d'animazione, il primo a colori, della serie Braccio di Ferro, prodotto dai Fleischer Studios e uscito negli Stati Uniti il 27 novembre 1936, distribuito dalla Paramount Pictures.

Il corto fu prodotto con un abbondante uso di effetti speciali sperimentali per l'epoca, come il processo Tabletop (versione avanzata della più celebre multiplane camera), che consisteva nel riprendere i rodovetri in combinazione con modelli tridimensionali in scala degli sfondi tramite una cinepresa orizzontale.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Braccio di Ferro e Sinbad

Sinbad il marinaio ("interpretato" da Bluto) si considera il più grande marinaio, avventuriero e amante del mondo, nonché l'uomo più forte del globo. Vicino alla sua isola passa la barca di Braccio di Ferro, che sta facendo una gita con Olivia Oyl e Poldo Sbaffini. Disturbato dalla loro presenza, Sinbad ordina a Rokh, il suo enorme Roc, di rapire Olivia e affondare la barca, costringendo Braccio di Ferro e Poldo a nuotare fino a riva. Mentre Poldo insegue invano un'anatra per macellarla, Braccio di Ferro si reca a salvare Olivia, che Sinbad sta obbligando a ballare. Sinbad quindi ordina a Rokh di gettare il marinaio guercio nel vulcano dell'isola, ma Braccio di Ferro si libera dall'uccello e lo fa arrosto sul vulcano. Sinbad allora getta Braccio di Ferro tra le braccia di un gigante a due teste di nome Boola, che tuttavia il marinaio riesce a sconfiggere. I due marinai si scontrano quindi di persona, e Sindbad mette alle strette Braccio di Ferro finché quest'ultimo non mangia il suo barattolo di spinaci, che gli dà la forza necessaria per battere l'avversario e diventare quindi il nuovo padrone dell'isola.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il corto fu doppiato in italiano negli anni novanta per la televisione. L'edizione italiana è piuttosto approssimativa, in quanto i dialoghi sono quasi interamente inventati e le canzoni non sono doppiate (fatta eccezione per le parti recitate di quella di Sinbad). Inoltre, non essendo stata registrata una colonna sonora senza dialoghi, nelle scene parlate la musica è alterata in varie modalità (nel finale, in un'occasione viene utilizzata parte della sigla dei corti anni cinquanta).

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il cortometraggio, essendo di pubblico dominio, è stato distribuito in versioni non ufficiali di pessima qualità audio e video in varie raccolte VHS e DVD. L'unica versione ufficiale e restaurata è inclusa nel disco 2 del cofanetto DVD Warner Bros. Home Entertainment: Collezione Oscar d'animazione, nel quale è anche visibile con il commento audio (non sottotitolato) di Jerry Beck, del disegnatore Leslie Cabarga e degli animatori Ray Pointer e Bob Jaques.

Riconoscimenti ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Ai premi Oscar 1937 il film ricevette una nomination per l'Oscar al miglior cortometraggio d'animazione, perdendo a favore de Il cugino di campagna della serie Disney Sinfonie allegre.[2] Parte di esso fu riutilizzata nel corto Famous Studios Grande cattivo Simbad (1952), in cui Braccio di Ferro racconta la vicenda ai tre nipoti. L'artista degli effetti speciali Ray Harryhausen affermò che Braccio di Ferro incontra Sinbad fu un'importante influenza per il suo lavoro nel film Il 7º viaggio di Sinbad.[3]

Nel 1994 il corto si classificò al 17º posto nel libro The 50 Greatest Cartoons (il più elevato tra i corti Fleischer), mentre nel 2004 fu ritenuto "culturalmente, storicamente o esteticamente significativo" dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti e selezionato per la conservazione nel National Film Registry.[4]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Commento audio nel secondo DVD di Warner Bros. Home Entertainment: Collezione Oscar d'animazione.
  2. ^ (EN) THE 9TH ACADEMY AWARDS - 1937 su oscars.org, Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  3. ^ (EN) Ray Harryhausen e Tony Dalton, Ray Harryhausen's Fantasy Scrapbook: Models, Artwork and Memories from 65 Years of Filmmaking, Londra, Aurum Press, 2011, ISBN 978-1845135577.
  4. ^ (EN) Sheryl Cannady, Librarian of Congress Adds 25 Films to National Film Registry su loc.gov, Biblioteca del Congresso, 28 dicembre 2004. URL consultato il 25 febbraio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]