Pontresina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontresina
comune
Pontresina – Stemma
Pontresina – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Graubünden matt.svg Grigioni
Distretto Maloggia
Amministrazione
Lingue ufficiali Romancio, Tedesco e Italiano
Territorio
Coordinate 46°30′N 9°54′E / 46.5°N 9.9°E46.5; 9.9 (Pontresina)Coordinate: 46°30′N 9°54′E / 46.5°N 9.9°E46.5; 9.9 (Pontresina)
Altitudine 1.777 m s.l.m.
Superficie 118,19 km²
Abitanti 1 985 (2005)
Densità 16,79 ab./km²
Frazioni Bernina Suot, Morteratsch
Comuni confinanti Lanzada (IT-SO), La Punt-Chamues-ch, Livigno (IT-SO), Madulain, Poschiavo, Samedan, Zuoz
Altre informazioni
Cod. postale 7504
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 3784
Targa GR
Nome abitanti Pontresinesi (Pontresiner)
Circolo Alta Engadina (Oberengadin)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Pontresina
Pontresina – Mappa
Sito istituzionale

Pontresina (Puntraschigna in romancio) è un comune svizzero del Canton Grigioni di 1.882 abitanti.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Pontresina è situata in Alta Engadina, sulla sponda destra del fiume Inn, all'inizio della Val Bernina. Dista 7 km da Sankt Moritz, 50 km da Tirano, 79 km da Coira e 131 km da Lugano. È servito dalle stazioni ferroviarie della Ferrovia Retica Pontresina, Surovas, Morteratsch, Bernina Suot, Bernina Diavolezza e Bernina Lagalb, sulle linee del Bernina e dell'Engadina.

Il comune di Pontresina comprende alcune delle cime più alte di tutto il cantone: il Pizzo Bernina (4049 m s.l.m.) con il ghiacciaio di Pers, sul confine con Samedan, il Piz Zupò (3996 m), sul confine con Lanzada, il Piz Argient (3945 m), sul confine con Lanzada ed il Piz Palü (3905 m), sul confine con Lanzada e Poschiavo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è stato menzionato per la prima volta nei documenti in latino come pontem sarasinam nel 1137, successivamente come ponte sarracino nel 1303. Alcuni storici lo traducono in Il ponte dei Saraceni, tesi che trova fondamento nelle invasioni arabe del X secolo. In seguito Pontresina fu annessa alla Confederatio Helvetica, l'attuale Svizzera. Nel 1934 il comune ha adottato lo stemma attuale, con un ponte bianco ad arco inserito in uno sfondo giallo-dorato e nero.

La chiesa di Santa Maria

.

Il paese e menzionato nel film comico con Stanlio e Ollio Avventura a Vallechiara del 1938 ma solo nella versione originale dal momento che nel doppiaggio italiano è stato appunto ridenominato con il nome fittizio Vallechiara.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente nel paese si parlava il Puter, una lingua Retoromanza, ma con lo sviluppo del turismo si sono diffuse rapidamente altre lingue. Nel 1880 solo il 45,7% degli abitanti parlano il romancio come lingua madre. Nel 1900 la percentuale di romanci si riduce a 33,61%, per un totale di 164 parlanti su 488 (di cui 252 tedeschi). Nel 1941 la popolazione romancia si riduce al 26,7%, nel 1970 a 16,22%, nel 2000 a 7,94%. Oggi, oltre al romancio, è divenuta lingua ufficiale anche il tedesco. Esiste inoltre una consistente minoranza di lingua italiana (16,5%).

Lingue a Pontresina
Lingue Censimento del 1980 Censimento del 1990 Censimento del 2000
Numero Percentuale Numero Percentuale Numero Percentuale
Tedesco 990 57,36 % 993 61,91 % 1264 57,69 %
Romancio Putér 250 14,48 % 194 12,09 % 174 7,94 %
Italiano 362 20,97 % 290 18,08 % 353 16,11 %
Abitanti 1726 100 % 1604 100 % 2191 100 %

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa di Santa Maria.
  • La chiesa di San Niculò.
  • La stazione ferroviaria del Morteratsch.
  • La stazione ferroviaria di Pontresina.
  • Museo Alpino, nell'antica Chesa Delnon.
  • Lo Schlosshotel.
  • I resti della rocca Pontresina-Spaniola.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Stazione sciistica, ha ospitato alcune tappe della Coppa del Mondo di sci alpino e della Coppa del Mondo di sci di fondo.

Personaggi famosi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000.

Fotografie[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]