Pontificio consiglio della giustizia e della pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontificio consiglio della giustizia e della pace
Pontificium consilium de iustitia et pace
Emblem of the Holy See usual.svg
mira a far sì che nel mondo siano promosse la giustizia e la pace secondo il Vangelo e la dottrina sociale della Chiesa (Pastor Bonus, 142)
Eretto 6 gennaio 1967
Presidente cardinale
Peter Kodwo Appiah Turkson
Segretario vescovo Mario Toso, S.D.B.
Emeriti cardinale
Roger Etchegaray,
cardinale
Renato Raffaele Martino
(presidenti emeriti)
Sede Piazza S. Calisto, 16 - 00153 Roma
Sito ufficiale www.justpax.it
dati catholic-hierarchy.org
Santa Sede · Chiesa cattolica
I Dicasteri della Curia Romana

Il Pontificio consiglio della giustizia e della pace (in latino Pontificium consilium de iustitia et pace) è un dicastero della Curia romana.

Papa Paolo VI istituì, con il motu proprio Catholicam Christi Ecclesiam del 6 gennaio 1967, la Pontificia commissione "Justitia et Pax" che, con papa Giovanni Paolo II, il 28 giugno 1988 divenne un pontificio consiglio e cambiò denominazione in quella attuale. Il 24 ottobre 2009 papa Benedetto XVI ne ha nominato presidente il cardinale ghanese Peter Kodwo Appiah Turkson.

Cronotassi dei presidenti[modifica | modifica sorgente]

Cronotassi dei vicepresidenti[modifica | modifica sorgente]

Cronotassi dei segretari[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Presbitero dell'arcidiocesi di Dublino, il 5 dicembre 1998 fu eletto vescovo titolare di Glenndálocha.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Sito ufficiale del Pontificio consiglio della giustizia e della pace
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo