Pontificio Collegio Leoniano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontificio Collegio Leoniano
Stato Italia Italia
Città Anagni
Motto Religioni et scientiae
Fondazione 1897
Tipo Seminario regionale
Rettore Gianni Checchinato
Studenti 61
Sito web www.leoniano.it
 

Il Pontificio Collegio Leoniano è stato fondato ad Anagni il 22 agosto 1897 per volontà di Papa Leone XIII per formare sacerdoti diocesani per le diocesi del Lazio meridionale, zone allora denominate Campagna e Marittima, affidandone la responsabilità ai Padri della Compagnia di Gesù. Dal 1931 è divenuto Seminario Regionale per il Lazio-sud e per le Diocesi Suburbicarie. Dal 2005 il Rettore è don Gianni Checchinato, sacerdote della diocesi di Latina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Leoniano fu inaugurato il 28 ottobre 1897 e venne edificato dove anticamente era situata la piccola chiesa della Madonna della Mercede. L'edificio fu progettato dall’architetto Bonanni: esso si sviluppa per 108 metri e consta di tre piani con all’interno sale per conferenze, teatro, una vasta biblioteca, un istituto teologico a servizio dello stesso e una grande cappella contenente un arazzo donato dalla diocesi di Ratisbona al seminario.

Il Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, venne fondato dal Pontefice Leone XIII (Vincenzo Gioacchino Pecci, nativo di Carpineto Romano) con la bolla Etsi paternam nell'agosto del 1897 come seminario per i Chierici scelti della campagna romana. Con la bolla ad Praeclaras laudes lo stesso giorno il Pontefice ne affidava la responsabilità alla Compagnia di Gesù. Sotto il pontificato di Pio X, divenne Seminario regionale per il Lazio e per le Diocesi Suburbicarie. Dal 1931 con l'inaugurazione del Seminario regionale di Viterbo, restò Seminario regionale delle Diocesi Suburbicarie e del Lazio Sud.

I Padri Gesuiti hanno diretto il Leoniano fino al 1984 quando ne hanno trasferito la responsabilità al Clero diocesano. Il 31 agosto 1986 il Pontefice Giovanni Paolo II, durante la sua visita pastorale ad Anagni visitò il Leoniano, festosamente accolto dai vescovi del Lazio, dai superiori e dagli alunni.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

L'edificio restaurato in occasione dei cento anni di fondazione (1997) risulta dai vari interventi edilizi che gradualmente hanno ingrandito il corpo primitivo progettato dall'Architetto Bonanni. Notevoli sono la Cappella maggiore (dove è venerato un preziosissimo arazzo raffigurante la Mater Salvatoris, donato dalla Diocesi di Ratisbona a Papa Leone XIII e da questi inviato al Leoniano) e il Salone delle feste a cui si accede attraverso una graziosa scalinata in stile Liberty.

Ex-alunni[modifica | modifica sorgente]

Tra i numerosissimi alunni che hanno frequentato il Leoniano sono da ricordare: il Beato Leonida Fedoroff (martire in Russia nel 1937), i Cardinali Angelo Felici e Vincenzo Fagiolo, il noto pubblicista P. Virginio Rotondi S.I. e tra gli alunni non divenuti sacerdoti il tenore Giacomo Lauri Volpi. Va ricordata inoltre la figura di P. Mario Rosin S.I, indimenticabile Padre Spirituale del Seminario, morto improvvisamente il 29 aprile 1991 durante le confessioni nel corso della celebrazione della Messa mattutina delle 7.

Rettori[modifica | modifica sorgente]

Dal momento in cui il Leoniano è stato fondato si sono avvicendati i seguenti Rettori (date d'inizio mandato considerate quasi sempre ineunte anno scolastico):

  • padre Luigi Caterini SJ: 1898-1900;
  • padre Lorenzo Lugani SJ: 1901-1903;
  • padre Ottavio Procacci SJ: 1904-1908;
  • padre Ermelindo Costa SJ: 1909-1911;
  • padre Roberto Gherardi SJ: 1912-1914;
  • padre Giovan Battista Natalini SJ: 1915-1919;
  • padre Lorenzo Ciuchini SJ: 1920-1921;
  • padre Paolo dell' Olio SJ: 1922-1927;
  • padre Raffaele Bitetti SJ: 1928-1933;
  • padre Ottorino Sivio Piccardi SJ: 1934-1939;
  • padre Anselmo Aru SJ: 1939-1945;
  • padre Raffaele Bitetti SJ (una seconda volta): 1946-1950;
  • padre Samuele Barbalato SJ: 1951-1956;
  • padre Adolfo Bachelet SJ: 1957-1959;
  • padre Samuele Barbalato SJ (una seconda volta): 1960-1963;
  • padre Luigi Gasperoni SJ: 1964-1970;
  • padre Pietro Velletrani SJ: 1970-1975;
  • padre Sergio Bianchini SJ: 1976-1979;
  • padre Cesare Iori SJ: 1979-1984.

Dal 21 giugno 1984 il Leoniano fu affidato al clero diocesano e si sono avvicendati come Rettori:

  • Mons. Lino Fumagalli, della diocesi di Porto-S. Rufina (già Vescovo di Sabina-Poggio Mirteto, attuale Vescovo di Viterbo): 1984-1993;
  • Mons. Francesco Lambiasi, della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno (già Vescovo di Anagni-Alatri, attuale Vescovo di Rimini): 1993-1999;
  • Mons. Giacomo Incitti, della diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino: 1999-2005;
  • don Gianni Checchinato, della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno: dal 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo