Pontificia accademia delle scienze sociali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′15″N 12°27′10″E / 41.904167°N 12.452778°E41.904167; 12.452778

Cortile dell'Accademia

La Pontificia accademia delle scienze sociali è una accademia vaticana nata con lo scopo di promuovere lo studio e il progresso delle scienze sociali. L'Accademia, tramite il suo operato, fornisce alla chiesa gli elementi da impiegare per lo sviluppo della dottrina sociale e permette di studiare gli effetti dell'applicazione di quest'ultima nella società contemporanea. È ufficialmente autonoma pur mantenendo stretti contatti con il Pontificio consiglio della giustizia e della pace.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Pontificia accademia delle scienze sociali è stata istituita il 1º gennaio 1994 da papa Giovanni Paolo II, I tre temi che sono stati finora dominanti negli studi dell'Accademia sono stati il lavoro e lo sviluppo, la democrazia e la dimensione sociale della globalizzazione.

La sede dell'accademia si trova nella Casina di Pio IV, insieme a quella della Pontificia accademia delle scienze, nel cuore dei giardini Vaticani.

L'attuale presidente della Pontificia accademia delle scienze sociali è la docente di Sociologia Margaret Archer, la quale ha ricevuto l'incarico il 12 aprile 2014 da papa Francesco.

L'attuale cancelliere della Pontificia accademia delle scienze sociali è l'arcivescovo Marcelo Sánchez Sorondo.

Membri dell'Accademia (al 2013)[1][modifica | modifica sorgente]

Accademici ordinari[modifica | modifica sorgente]

Accademici onorari[modifica | modifica sorgente]

Ex Accademici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.pass.va/content/scienzesociali/it/academicians.html Sito web ufficiale

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]