Pontefract

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontefract
parrocchia civile
Pontefract – Veduta
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Yorkshire e Humber
Contea Unofficial Flag of West Yorkshire.svg West Yorkshire
Distretto City of Wakefield
Territorio
Coordinate 53°41′N 1°18′W / 53.683333°N 1.3°W53.683333; -1.3 (Pontefract)Coordinate: 53°41′N 1°18′W / 53.683333°N 1.3°W53.683333; -1.3 (Pontefract)
Abitanti 35 000 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale WF8
Prefisso 01977
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Pontefract

Pontefract è una città nella contea del West Yorkshire, Inghilterra, vicino alla A1 road (conosciuta anche come Great North Road), ed a Castleford. È una delle cinque città del distretto della City of Wakefield ed ha una popolazione di circa 35.000 persone. Il motto cittadino è Post mortem patris pro filio, latino, che suona come "Dopo la morte del padre, supporta il figlio" frutto di un'allusione alla guerra civile inglese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Pontefract deriva dal latino Pontus Fractus, cioè "Ponte rotto". La città è situata su un'antica strada romana (che ora porta il nome di A639), che passava a sud verso Doncaster. Sebbene Pontefract non appaia nel Domesday Book, vi è presente un'area della città, conosciuta come Tanshelf.

Il castello di Pontefract risale al tempo dei Normanni, quando era conosciuto come Pomfret. Fu costruito attorno al 1070, da Ilbert de Lacy. Il re Riccardo II fu assassinato dentro le mura del castello nel 1400. La tragedia Riccardo III di Shakespeare menziona l'incidente:

(EN)

« Pomfret, Pomfret! O thou bloody prison,
Fatal and ominous to noble peers!
Within the guilty closure of thy walls
Richard the second here was hack'd to death;
And, for more slander to thy dismal seat,
We give thee up our guiltless blood to drink. »

(IT)

« Pomfret, Pomfret! Oh tu maledetta prigione,
Fatale e sinistra ai nobili pari!
Al colpevole interno delle tue mura
Riccardo secondo qui venne decapitato;
E, a maggior ingiuria della tua triste sede,
Ti consegniamo il nostro innocente sangue da bere. »

(William Shakespeare, Riccardo III, Atto 3º, Scena III)

Pontefract risentì della guerra civile inglese. Tre assedi dei parlamentari lasciarono la città impoverita e spopolata. Alla fine del terzo assedio (24 marzo 1649), gli abitanti di Pontefract, temendone un quarto, fecero una petizione al parlamento per demolire il castello. Secondo il loro punto di vista, il castello era una calamita per le disgrazie. Il 5 aprile 1649, la demolizione ebbe inizio; nonostante gli sforzi, le rovine di arenaria del castello rimangono tuttora e possono essere visitate.

La città oggi[modifica | modifica wikitesto]

Pontefract è stata una città di mercato almeno dal medioevo; i principali giorni di mercato sono mercoledì e sabato, con un mercato più piccolo il venerdì. C’è inoltre un mercato coperto, aperto tutto il giorno, tranne il giovedì pomeriggio e la domenica. Il giovedì pomeriggio è giorno di chiusura a Pontefract. La città è chiamata Ponte oppure Ponty dai suoi cittadini ed a volte scherzosamente si riferiscono a Ponte Carlo, alludendo a Monte Carlo.

Pontefract è rinomata per il suo gran numero di pub; uno degli edifici più vecchi, risale al 16esimo secolo e precedentemente era usato come negozio, è stato trasformato in pub negli anni ’80 e chiamato Counting House.

Diversamente da molte città della stessa grandezza, Pontefract ha tre stazioni ferroviarie: Pontefract Baghill, sulla Dearne Valley Line, che collega York e Sheffield; Pontefract Monkhill e Pontefract Tanshelf, che passa per Leeds e Wakefield.

Alla periferia della città si trova un parco con ippordomo[1]. Più vicino al centro trovano spazio i Valley Gardens, con una voliera ed un viale di ciliegi, da ammirare specialmente in primavera, durante la fioritura. Sebbene gli alberi continuino ad attrarre ammirazione, i giardini sono stati danneggiati e la voliera vandalizzata.

Il membro locale del parlamento, Yvette Cooper appartiene al partito laburista e rappresenta sia Pontefract, sia Castleford.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il suolo sabbioso della città rappresenta uno dei pochi luoghi in Inghilterra dove la liquirizia può crescere fruttuosamente. Pontefract ha un’industria di dolci alla liquirizia, in cui vengono prodotti anche i famosi “Pontefract Cakes”. Le due fabbriche della città sono di proprietà di Haribo (precedentemente conosciuta come Dunhills) e Monkhill Confectionery (parte del Cadbury's Group, precedentemente conosciuto come Wilkinson's). Ogni anno, inoltre, si tiene il festival della liquirizia ed il poeta Sir John Betjeman scrisse un poema intitolato "The Liquorice Fields at Pontefract".

Nelle vicinanze si trova la stazione carbonifera di Ferrybridge.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.pontefract-races.co.uk/home.htm

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito