Ponte di Salcano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ponte di Salcano
Nova Gorica Solkan Eisenbahnbruecke ueber die Soca 120720069 1600x1062 88.jpg
Stato Slovenia Slovenia
Attraversa Isonzo
Coordinate 45°58′44.31″N 13°39′06.75″E / 45.978974°N 13.651875°E45.978974; 13.651875Coordinate: 45°58′44.31″N 13°39′06.75″E / 45.978974°N 13.651875°E45.978974; 13.651875
Mappa di localizzazione: Slovenia
Tipo ponte ad arco
Materiale pietra
Lunghezza 222 m
Luce max. 85 m
Altezza 36 m
Costruzione 1900-1906
 

Il ponte di Salcano (in sloveno Solkanski most) è un ponte ferroviario sopra il fiume Isonzo presso Salcano (frazione di Nova Gorica) alle pendici del monte Sabotino in Slovenia.

Venne edificato nei pressi di Gorizia (allora sotto l'Impero Austroungarico) per consentire il passaggio sul fiume Isonzo della linea ferroviaria Jesenice – Trieste, inaugurata nel 1906, che faceva parte del complesso della ferrovia Transalpina: un secondo collegamento ferroviario tra Trieste e il resto dell'Austria, alternativo alla linea Meridionale. Distrutto durante il primo conflitto mondiale dalle truppe austriache in ritirata e ricostruito durante il periodo fascista, dopo un breve periodo in cui fu temporaneamente rimpiazzato da una struttura architravata in ferro, è considerato tutt'oggi un capolavoro di ingegneria. È il ponte ad arcata unica in pietra tagliata più lungo del mondo, con i suoi 85 m di estensione. Oltre all'enorme luce si presentò il problema del momento che si poteva generare dall'entrata e uscita sbieca della ferrovia rispetto all'asse del ponte.

Durante la sua costruzione venne edificato un pilastro centrale nell'alveo del fiume per consentire la realizzazione dell'enorme centina a struttura alberiforme, anch'essa oggetto di un preventivo studio ingegneristico.

Il nuovo ponte – ancor oggi esistente e praticabile – si differenzia dalla prima realizzazione per il numero di archi che raccordano il piano ferrato alla campata, prima cinque e ora quattro.

Le ragioni per cui venne riedificato nonostante la funzionale - ed economica - soluzione in ferro si devono probabilmente addurre al contesto storico-politico: dopo la prima guerra mondiale la zona giuliana (Gorizia compresa) diventò territorio italiano e, nella stessa logica di monumentalizzazione dei luoghi della Grande Guerra, la ricostruzione di questo ponte in particolare era simbolo di pari abilità tecnica da parte degli italiani verso gli austriaci.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferruccio Businari, Memoria sulla ricostruzione del ponte ferroviario sull'Isonzo detto di Salcano, ad arco in pietra di m. 85 di luce, per la ferrovia Gorizia-Piedicolle, in "Rivista tecnica delle ferrovie italiane", annata XVII, vol. XXXIV, n. 3 (15 settembre 1928), pp. 89-109.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]