Pompeo Probo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pompeo Probo (latino: Pompeius Probus; fl. 307-314; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano, legato alla corte d'Oriente.

Intorno al 307 fu inviato insieme a Licinio da Galerio presso Massenzio. Tra il 310 e il 314 fu prefetto del pretorio in Oriente. Essendo dunque legato alla corte d'Oriente, la sua nomina a console del 310 non fu riconosciuta né da Massenzio, che controllava Roma, né da Costantino I, che regnava sulle Gallie, e il suo potere fu effettivo, dunque, solo in Oriente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold Hugh Martin Jones, John Robert Martindale, John Morris, "Pompeius Probus 6", The Prosopography of the Later Roman Empire, volume 1, Cambridge University Press, 1971, ISBN 0521072336, p. 740.
  • Lieu, Samuel N., e Dominic Montserrat (a cura di), From Constantine to Julian: A Source History, Routledge, 1995, ISBN 041509335X, p. 53.
  • "Faltonia Proba", The Catholic Encyclopedia, Volume XII, 1911, New York, Robert Appleton Company.
Predecessore
Imperatore Cesare Marco Aurelio Valerio Massenzio Augusto II,
Marco Valerio Romolo II,
Imperatore Cesare Valerio Liciniano Licinio Augusto,
Imperatore Cesare Flavio Valerio Costantino Augusto
Console romano
310
con Imperatore Cesare Marco Aurelio Valerio Massenzio Augusto III
Tazio Andronico
Successore
Imperatore Cesare Gaio Galerio Valerio Massimiano Augusto VIII,
Imperatore Cesare Galerio Valerio Massimino Augusto II,
Gaio Ceionio Rufio Volusiano,
Aradio Rufino