Pompeo Fabri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pompeo Fabri (Roma, 1874Roma, 1959) è stato un pittore italiano.

Figlio di Pio Fabri e di Guendalina Castellani, visse in un clima culturale ed artistico molto rilevante: il padre e la sorella, Emma, erano dei ceramisti, il nonno materno, Augusto Castellani, orafo e collezionista, ricoprirà la carica di direttore dei Musei Capitolini. Il bisnonno, Luigi Fabri era stato editore di Bartolomeo Pinelli ed incisore lui stesso.

Da giovane rivolge i suoi interessi verso la pittura. Il suo primo maestro fu Giacomo Maes, un artista di origine belga attivo a Roma nel periodo.

Più tardi diviene allievo dello zio Onorato Carlandi. Con lo zio entra tra i fondatori nel gruppo dei XXV della campagna romana con i soprannome di Filuggello.

Espose nel 1903 a Roma e nel 1910 a Londra. Ottenne dal Ministero della Pubblica Istruzione l'incarico di responsabile del restauro degli gli affreschi di Castel Sant'Angelo, restauro che diresse tra il 1902 ed il 1913. Al Castello ha dedicato una serie di acquarelli attualmente esposti al Castello stesso.

Il suo talento si espresse maggiormente negli acquarelli e nei suoi “sogni pittorici”.

Suoi lavori sono al Museo di Roma (Palazzo Braschi), al MACRO ed in altri musei della capitale.