Pompeo Biondi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pompeo Biondi (Firenze, 1 gennaio 19022 giugno 1966) è stato un giurista e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Cesare Biondi e Paolina Biondi, vinse il concorso per insegnare procedura civile. Fu docente di procedura civile in varie università[1].

Nel 1939 fu chiamato a ricoprire la cattedra di dottrina generale dello stato all'"Istituto Cesare Alfieri" di Firenze.[2]. Fu il fondatore e primo direttore della Rivista di studi politici internazionali.

Tra le opere pubblicate Studi sul potere, Un'esperienza democratica (1958) e La crisi del potere nella società marxista (1964).

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Studi sul potere
  • La teoria generale della discrezionalitá nella dottrina dello stato moderno (1933)
  • La perizia giuridica. (Concetto e teoria generale) (1935)
  • La politica di Constant (1954)
  • Un'esperienza democratica (1958)
  • La crisi del potere nella società marxista (1964)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Politica e diritto in Silvano Tosi.
  2. ^ Il "Cesare Alfieri" da Istituto a Facoltà di Scienze Politiche.