Polystachyinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Polystachyinae
Polystachya subdiphylla 4.jpg
Polystachya subdiphylla
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Vandeae
Sottotribù Polystachyinae
Schltr., 1914
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Generi

Le Polystachyinae Schltr., 1914 sono una sottotribù di piante della famiglia delle Orchidaceae (sottofamiglia Epidendroideae) che comprende oltre 200 specie in 4 generi.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La sottotribù comprende specie sia terricole che epifite.
Hanno fusti a crescita prevalentemente sinpodiale. Alcune specie sono dotate di pseudobulbi. Si caratterizzano per la presenza di quattro pollinii.[2]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte delle specie si riproducono per impollinazione entomofila ad opera di insetti apoidei. Alcune specie, tra cui Polystachya concreta, possono praticare l'autoimpollinazione.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Le Polystachyinae sono distribuite principalmente nella fascia tropicale di Africa e America, con alcune specie in Asia.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Nella classificazione delle Orchidaceae di Dressler (1993) la sottotribù delle Polystachyinae era assegnata alla vasta tribù delle Epidendreae[4]. Freudenstein e Rasmussen nel 1999 evidenziarono una relazione filogenetica con il raggruppamento delle Vandeae[5], dato confermato anche da successivi studi basati su evidenze molecolari [6].

La classificazione più recente (Chase et al., 2003) accogliendo tali osservazioni colloca le Polystachyinae tra le Vandeae e assegna loro 4 generi:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chase M.W., Freudenstein J.F. & Cameron K.M., DNA Data and Orchidaceae systematics: a new phylogenetic classification in K. W. Dixon, S. P. Kell, R. L. Barrett, & P. J. Cribb (eds.), Orchid Conservation, Kota Kinabalu, Sabah, Natural History Publications, 2003, pp. 69-89.
  2. ^ Carlsward BS, Whitten WM, Williams NH and Bytebier B, Molecular phylogenetics of Vandeae (Orchidaceae) and the evolution of leaflessness in American Journal of Botany 2006; 93: 770-786.
  3. ^ Cingel NA, An atlas of orchid pollination: America, Africa, Asia and Australia, CRC Press, 2001, p. 128. ISBN 978-90-5410-486-5.
  4. ^ Dressler R.L., Phylogeny and Classification of the Orchid Family, Portland, OR, Dioscorides Press, 1993. ISBN 978-0-931146-24-4.
  5. ^ Freudenstein JV & Rasmussen FN, What does morphology tell us about orchid relationships? A cladistic analysis in American Journal of Botany 1999; 86: 225-248.
  6. ^ van den Berg C, Goldman DH, Freudenstein JV, Pridgeon AM, Cameron KM, Chase MW, An overview of the phylogenetic relationships within Epidendroideae inferred from multiple DNA regions and recircumscription of the Epidendreae and Arethuseae (Orchidaceae) in American Journal of Botany 2005; 92: 613-624.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica