Polyprionidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Polyprionidae
Hapuka.jpg
Polyprion oxygeneios
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Polyprionidae
Gigantesco individuo di Stereolepis gigas catturato in California nel 1930.

I Polyprionidae sono una famiglia di pesci ossei marini appartenenti all'ordine Perciformes.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Frequentano le acque temperate e temperato fredde di entrambi gli emisferi. Nel mar Mediterraneo si trova la specie Polyprion americanus o cernia di fondale.

Si trovano soprattutto ad una certa profondità, nel piano circalitorale o ancora più a fondo. I giovani di alcune specie stazionano volentieri all'ombra di oggetti galleggianti in alto mare.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono simili ai Serranidae (di cui erano in passato considerati una sottofamiglia) da cui si distinguono soprattutto per la presenza di creste ossee ben visibili sulla testa e per avere due spine arrotondate sull'opercolo branchiale. La pinna dorsale è unica. La linea laterale è continua.

Raggiungono dimensioni molto grandi, fino a 250 cm la specie Stereolepis gigas.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Poco nota, sono carnivori.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Le carni sono ottime e la pesca eccessiva ha portato la specie Stereoleps gigas sull'orlo dell'estinzione.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975 (come sottofamiglia dei Serranidae)
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci