Polonio (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polonio
Polonio
Polonio
Universo Amleto
Nome orig. Polonius
Lingua orig. Inglese
Autore William Shakespeare
Sesso Maschio
Professione ciambellano di Elsinore

Polonio (Polonius in lingua inglese) è un personaggio dell'Amleto di Shakespeare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Polonio è il ciambellano di Elsinore, reggia di Danimarca una volta residenza di Amleto padre, ed è inoltre il padre di Laerte e di Ofelia, la ragazza di cui Amleto è innamorato.

Polonio, per richiesta del nuovo re Claudio, usurpatore del trono, cui è prodigo nel dare consigli, indaga sulla presunta follia di Amleto. Per questo, in occasione di un incontro fra il principe e sua madre Gertrude, sposa ora di Claudio, Polonio decide di nascondersi dietro un arazzo nella stanza di lei per ascoltare la conversazione. Durante il dialogo le parole di Amleto divengono tanto dure verso l'usurpatore Claudio che Polonio chiama aiuto e, scoperto, finisce infilzato dal principe il quale pensa ci sia dietro l'arazzo il re stesso.

Per questo atto Ofelia impazzirà finendo con il suicidarsi e Laerte, per vendicare il padre e la sorella, aizzato da Claudio, sfiderà Amleto nel duello che condurrà entrambi alla morte.

Secondo Edith Sitwell (The Queens and the Hive, 1962), il personaggio Polonio sarebbe la caricatura di lord William Cecil barone di Burghley, segretario e tesoriere di Elisabetta I d'Inghilterra: era infatti un personaggio ambiguo soprannominato "La volpe", sempre raffigurato con il bastone del comando (in latino "Polus"). Il nome Polonio dunque sarebbe stato coniato da Shakespeare ispirandosi a "Polus".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]