Polo Liberal Democratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polo Liberal Democratico
Leader Adriano Teso, Carlo Usiglio
Stato Italia Italia
Fondazione 3 febbraio 1994
Dissoluzione 1994 (confluito in Forza Italia)
Ideologia Liberaldemocrazia
Collocazione Centro-destra
Coalizione Polo delle Libertà, Polo del Buon Governo
Seggi massimi Camera 2
(massimo raggiunto nel 1994)

Il Polo Liberal Democratico (PLD) era un piccolo partito politico italiano, fondato da Adriano Teso e Carlo Usiglio, dopo la loro uscita dal Patto Segni il 3 febbraio 1994.

Usiglio e Teso spingevano infatti per alleanze con il centrodestra e la rottura con quanti, con Mariotto Segni, si erano alleati con il Partito Popolare Italiano e che, in vista delle elezioni politiche del 1994, sarebbero entrati a far parte dello schieramento centrista del Patto per l'Italia.

Il PLD partecipò alla consultazione elettorale nello schieramento del Polo guidato da Silvio Berlusconi. Teso e Usiglio furono eletti deputati nel Polo delle Libertà (rispettivamente, nei collegi Milano 3 e Paterno Dugnano); tuttavia i simboli del PLD furono presenti soltanto nei collegi maggioritari in cui si presentava il Polo del Buon Governo (al centro-sud). La coalizione di centrodestra vinse le elezioni e Teso venne nominato Sottosegretario di Stato per il Lavoro e la Previdenza Sociale nel primo Governo Berlusconi.

Dopo brevissimo tempo il PLD si sciolse confluendo in Forza Italia, che aveva nel proprio statuto principi ed obiettivi simili.

Contrassegno[modifica | modifica wikitesto]