Polo (abbigliamento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un classico esempio di polo della marca Lacoste.

La polo, comunemente conosciuta anche come maglietta da tennis o da golf, è una t-shirt dotata di un colletto chiuso da due o tre bottoni, e a volte dotata di un taschino. In alcuni casi i bottoni sono sostituiti da una cerniera, oppure non presenti affatto. Sono di solito realizzate in maglina con lavorazione a piqué di cotone o fibre sintetiche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel diciannovesimo e all'inizio del ventesimo secolo, si giocava a tennis vestiti con pantaloni, giacca e cravatta.[1][2][3] Ovviamente si trattava di un abbigliamento molto poco confortevole per lo sport.[2] Il tennista francese René Lacoste disegnò un nuovo tipo di abbigliamento consistente di una T-shirt (che lui chiamò jersey petit piqué) e che indossò per la prima volta nel 1926[1][2][4][3] Dal 1927 Lacoste applicò il disegno di un piccolo coccodrillo sulle sue magliette, al punto che i giornali soprannominarono il tennista "l'alligatore".[1][2][3]

Giocatori di polo, con la caratteristica maglietta.

Nel 1933, dopo essersi ritirato dal tennis professionistico, Lacoste, insieme all'amico André Gillier, cominciò a commercializzare le proprie creazioni in Europa e Nord America.[1][2][4] Insieme formarono l'azienda Chemise Lacoste, il cui simbolo distintivo rimarrà negli anni proprio il piccolo coccodrillo cucito sulle magliette.[1][2]

Il nome polo invece deriva dal fatto che i giocatori di polo utilizzassero tradizionalmente una casacca con colletto abbottonato, ma a maniche lunghe, rispetto alla creazione di Lacoste. Questo tipo di divise era stata prodotta dai fratelli Brooks, sin dal 1896.[5][6] L'azienda dei fratelli Brooks produce tuttora questo tipo di polo.[5]

Tuttavia già dagli anni cinquanta il termine polo era stato abbondantemente esteso alle magliette utilizzate per il tennis. Nel 1972 Ralph Lauren (all'epoca Ralph Lifschitz) incluse le sue "polo shirt" come parte importante della sua nuova linea di moda chiamata, appunto, Polo, consacrando definitivamente l'abbinamento del nome con quel tipo di indumento.[7] Nel corso degli anni le polo sono state adottate come divisa ufficiale anche nell'ambito del golf.

Al giorno d'oggi l'uso delle polo è diffuso in tutto il mondo occidentale. In particolare, in situazioni/contesti dove non è richiesto un abbigliamento formale, ma dove un abbigliamento totalmente casual potrebbe comunque risultare fuori luogo, l'uso di una polo, a manica corta o a manica lunga, abbinata a dei pantaloni in tessuto è generalmente ritenuta una valida soluzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Fashion Encyclopedia, "Lacoste Sportswear" (2007).
  2. ^ a b c d e f The Story of Lacoste. Retrieved from http://www.lacoste.com/library/pdf/LACOSTE_history_histoire.pdf.
  3. ^ a b c Style & Design: Lacoste. Time Magazine, Winter 2004. Retrieved from http://www.time.com/time/2004/style/111504/article/lacoste_on_a_lark_and_a08a.html.
  4. ^ a b The Brand Channel, Lacoste profile.
  5. ^ a b Official Brooks Brothers website.
  6. ^ Fashion Encyclopedia, "Brooks Brothers".
  7. ^ Official Ralph Lauren history website: "1972".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda