Polidoro (re di Sparta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Polidoro
Re di Sparta
In carica Dal 700 al 665 a.C. circa
Predecessore Alcamene
Successore Euricrate
Nome completo Πολύδωρος
Morte 665 a.C. circa
Casa reale Agìadi
Padre Alcamene
Figli Euricrate

Polidoro (in greco antico Πολύδωρος, traslitterato in Polýdoros; Sparta, ... – 665 a.C. circa) è stato un re di Sparta della dinastia degli Agìadi.

Secondo Pausania[1] ed Erodoto[2] era figlio del predecessore Alcamene e padre del successore Euricrate.

Sotto il suo regno, secondo Pausania[3], gli Spartani avrebbero fondato le colonie di Crotone e Locri Epizefiri: una notizia non confermata dalle altre fonti, nata probabilmente dai rapporti che queste città (colonie rispettivamente achea e locrese) avevano avuto con il mondo dorico.

Polidoro, insieme al collega Teopompo, della dinastia Euripontide, proseguì la prima guerra messenica e accrebbe i poteri dei re e della gherusia a danno dell'apella[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, IV, 7, 7; XV, 3.
  2. ^ Erodoto, Storie, VII, 204.
  3. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, III, 3, 1.
  4. ^ Plutarco, Vita di Licurgo, VI, 4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Predecessore Re Agiade di Sparta Successore
Alcamene dal 700 al 665 a.C. circa Euricrate