Pola (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stemma dei conti Pola

I Castropòla o, più semplicemente, Pola o de Pola sono una nobile famiglia di origini istriane.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Noti inizialmente come Sergi (e per questo ritenuti discendenti della romana gens Sergia), furono una delle casate più influenti di Pola e dell'Istria e traevano il nome proprio dal castrum Polae, il castello cittadino di cui furono feudatari.

Rafforzatisi notevolmente con l'assunzione, specie nella seconda metà del XIII secolo, di numerose cariche e possedimenti, all'inizio del XIV secolo i Castropola si fecero portavoce degli interessi della città, desiderosa di affrancarsi dal patriarca di Aquileia e dalle ingerenze della Repubblica di Venezia. Nel 1310 riuscirono a divenirne signori incontrastati con il titolo di capitani generali e perpetuali, ma rimasero al potere per poco tempo. Respinti dalla Serenissima e dai conti di Gorizia nel tentativo di estendere i propri domini lungo la costa e verso l'interno dell'Istria e travolti dal malcontento per il loro governo tirannico, nel 1331 vennero cacciati durante una sommossa popolare aizzata dalla fazione cittadina rivale guidata dalla famiglia dei Gionatasi. A questo evento, non riuscendo la città a governarsi come libera repubblica causa le lotte interne e le pressioni esterne, seguì la spontanea dedizione a Venezia.

I superstiti della famiglia si trasferirono allora esuli a Treviso, dove figurano nel locale Consiglio nobile sin dal 1401. Nel 1607 Filippo Cristoforo si trasferisce in Boemia e dà inizio al ramo boemo della famiglia Pola i cui discendenti vivono tutt’oggi tra Praga ed il castello di Bukovec di cui sono proprietari.

Il 1º agosto 1819 il ramo trevigiano fu riconosciuto nobile dall'Impero Austriaco.

La famiglia è legata a molte importanti famiglie nobiliari: Caetani, Collalto, Colloredo, della Torre.

Membri della famiglia[modifica | modifica sorgente]

Conte Paolo Pola

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Urettini: La lacrimevole istoria del conte Titta Pola, Treviso 2007
  • Alteniero Degli Azzoni Avogadro: 1796 - 1803 - Vita privata e pubblica nelle Provincie venete (da memorie e documenti inediti) (it), Libreria editrice Canova, Treviso 1954, S. 249
  • Camillo De Franceschi: Il Comune polese e la signoria dei Castropola, AMSI 1904
  • B. Benussi: Povijest Pule u svjetskih municipalnih ustanova do 1918, Pula 2002

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]