Point of Entry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Point Of Entry
Artista Judas Priest
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 febbraio 1981
Durata 37 min : 48 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Hard rock
Hard & heavy
Heavy metal
Pop metal
Etichetta Columbia Records
Produttore Tom Allom / Judas Priest
Registrazione Ibiza Sound Studios 1981
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti[2]
(vendite: 500 000+)
Judas Priest - cronologia
Album precedente
(1980)
Album successivo
(1982)

Point Of Entry è il settimo studio album della heavy metal band britannica Judas Priest, uscito nel 1981.

Il Disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album presenta i Priest con le classiche sonorità heavy metal che li contraddistinguono, ma tutto l'album, in particolare alcune tracce come You Say Yes, All The Way o Turning Circles, ha una direzione più commerciale rispetto ai soliti standard della band. Nonostante non sia uno degli album più memorabili del gruppo, le vendite furono comunque buone, visto che Point Of Entry succede ad un classico, British Steel, che l'anno precedente riscosse un ottimo successo. Alcuni pezzi come Heading Out To The Highway, Hot Rockin' e Desert Plains sono spesso suonati dalla band dal vivo. Nella versione rimasterizzata del brano sono presenti anche Thunder Road, la cui melodia è stata in parte ripresa nella stesura di Johnny B. Goode, canzone presente nell'album Ram It Down, e una versione live proprio di Desert Plains.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce sono state scritte da K.K. Downing/Rob Halford/Glenn Tipton tranne Thunder Road, scritta da Rob Halford/Glenn Tipton.

  1. Heading Out To The Highway - 3.47
  2. Don't Go - 3.18
  3. Hot Rockin' - 3.17
  4. Turning Circles - 3.42
  5. Desert Plains - 4.36
  6. Solar Angels - 4.04
  7. You Say Yes - 3.29
  8. All The Way - 3.42
  9. Troubleshooter - 4.00
  10. On The Run - 3.47

Remastered Bonus Tracks:

  1. Thunder Road - 5.12
  2. Desert Plains (live) - 5.06

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1981) Posizione
massima
Canada[3] 42
Germania[4] 19
Norvegia[5] 32
Regno Unito[6] 14
Stati Uniti[7] 39
Svezia[8] 14

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1981) Posizione
Stati Uniti[9] 94

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Judas Priest" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (EN) Gold & Platinum Database – Point of Entry, Recording Industry Association of America. URL consultato il 2 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 34, No. 23, May 16 1981 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 maggio 2015.
  4. ^ (DE) German Charts – Judas Priest – Point of Entry su offiziellecharts.de.
  5. ^ (EN) Norwegian Charts – Judas Priest – Point of Entry su norwegiancharts.com.
  6. ^ (EN) Chart Archive – Judas Priest – Point of Entry, Chart Stats. URL consultato il 2 maggio 2015.
  7. ^ (EN) Allmusic (Judas Priest charts and awards), All Media Network.
  8. ^ (EN) Swedish Charts – Judas Priest – Point of Entry su swedishcharts.com.
  9. ^ Billboard.BIZ: Top Pop Albums of 1981, billboard.biz, 31 dicembre 1981. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2012).


Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal