Poiana richardsonii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Linsango africano
Em - Poiana richardsonii 2.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Carnivora
Famiglia Viverridae
Sottofamiglia Viverrinae
Genere Poiana
Specie P.richardsonii
Nomenclatura binomiale
Poiana richardsonii
Thomson, 1842

Il Linsango africano od Oyan (Poiana richardsonii Thomson, 1842) è un carnivoro della famiglia dei Viverridi diffusa in Africa centrale[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Carnivoro di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 288 e 332 mm, la lunghezza della coda tra 300 e 380 mm e un peso fino a 700 g.[3]
Le parti superiori variano dal grigio-brunastro chiaro al giallo ruggine. Su ogni fianco sono presenti 4-5 file di macchie scure rotonde, che lungo le spalle e la schiena spesso si uniscono fino a formare delle strisce continue. Le parti ventrali sono bianche. Le orecchie sono piccole. La coda è più lunga della testa e del corpo ed ha 12-14 anelli più scuri di ampiezza variabile. Le piante dei piedi hanno una sottile striscia di pelle nuda. Le femmine hanno un paio di mammelle.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie notturna e arboricola. Costruisce nidi sferici d'erba fresca a circa 2 metri dal suolo nei quali diversi individui si rifugiano per alcuni giorni, per poi spostarsi e costruirne degli altri.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di semi di Cola, parti vegetali, insetti e giovani uccelli.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine danno alla luce 2-3 piccoli due volte l'anno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nell'Africa centrale, dal Camerun fino all'Uganda.

Vive nelle foreste di pianura e in quelle montane.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, l'habitat pressoché intatto e la popolazione abbastanza comune, classifica P.richardsonii come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Van Rompaey, H., Gaubert, P. & Hoffmann, M. 2008, Poiana richardsonii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Poiana richardsonii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Novak, 1999, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jonathan Kingdon, The Kingdon Field Guide to African Mammals, A&C Black Publishing, London, 1997, ISBN 9780713665130.
  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi