Pohnpei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pohnpei
stato federato
Pohnpei State
Pohnpei – Bandiera
Localizzazione
Stato Micronesia Micronesia
Amministrazione
Capoluogo Kolonia
Governatore Johnny P. David
Territorio
Coordinate
del capoluogo
6°57′N 158°12′E / 6.95°N 158.2°E6.95; 158.2 (Pohnpei)Coordinate: 6°57′N 158°12′E / 6.95°N 158.2°E6.95; 158.2 (Pohnpei)
Superficie 372 km²
Abitanti 35 023 (2008)
Densità 94,15 ab./km²
Distretti 2
Municipalità 11
Altre informazioni
Lingue Inglese, Pohnpeiano[1]
Fuso orario UTC+11
ISO 3166-2 FM-PNI
Cartografia

Pohnpei – Localizzazione

Pohnpei – Mappa

Lo Stato di Pohnpei (fino al 1984 Ponape) è uno degli Stati Federati di Micronesia. Posto fra Chuuk e Kosrae comprende numerose isole dell'arcipelago delle Caroline. In lingua pohnpeiana il nome dello stato significa "su (pohn) un altare di pietra (pei)".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Testimonianza più antica dei primi abitanti sono le rovine di Nan Madol situate nella parte sud-est dell'isola principale. Le rovine risalenti (secondo un test parziale del C14) al 1180 d.C., sono composte da una serie di isole artificiali con strade ed edifici parzialmente sommersi e sulla cui origine si sa ben poco. I primi occidentali a visitare le isole furono i portoghesi nel 1595. Come tutte le isole Caroline, ha fatto parte delle Indie orientali spagnole fino al 1899, dell'Impero coloniale tedesco e dal 1914 dell'Impero giapponese. Con la sconfitta dell'impero nipponico, il territorio di Pohnpei fece parte, (insieme alle altre isole Caroline, Marshall e Marianne), del Territorio fiduciario delle Isole del Pacifico dal 1947 al 1990, anno dell'indipendenza.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La baia di Kolonia

Lo stato è composto dall'omonima isola (con una superficie di 347 km²) appartenente alle isole Senyavin, e da numerosi atolli con una superficie complessiva di 372 km². Sull'isola Pohnpei sorge Palikir, capitale della Federazione.

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Densità: 94,10 per km²

Etnie[modifica | modifica sorgente]

  • Pohnpeiani,
  • Chuukesi,
  • Kosraesi,
  • Yapesi,
  • Di altre isole di Yap,
  • Asiatici,
  • Polinesiani,
  • Altri

Religione[modifica | modifica sorgente]

Cattolici, protestanti e animisti.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Le lingue ufficiali sono l'inglese e il pohnpeiano.[1] Altre lingue parlate a Pohnpei sono il nukuoro e il kapingamarangi.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica sorgente]

Municipalità dell'isola Pohnpei

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Pohnpei è suddivisa amministrativamente in due distretti, l'isola principale e tutte le altre. In base alla Costituzione ufficiale è composta da undici municipalità[2].

Distretti[modifica | modifica sorgente]

Municipalità[modifica | modifica sorgente]

Kapingamarangi · Mokil · Nukuoro · Pingelap · Sapwuahfik · Kitti · Kolonia · Madolenihmw · Nett · Oroluk · Sokehs · Uh

Istituzioni[modifica | modifica sorgente]

L'organizzazione statale è composta da tre branche: legislativa, esecutiva, e giudiziaria. Quella legislativa emana le leggi e crea servizi per la popolazione. La branca esecutiva applica le leggi e amministra vari servizi governativi. Quello giudiziario si occupa di interpretare le leggi e mantenere l'ordine pubblico. La sede è nello State Capital Hill di Kolonia. L'organo dello stato è il Consiglio, composta da 23 membri fra cui il Portavoce ed il vice Portavoce.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Come gli altri stati federati, Pohnpei dipende in larga parte dagli aiuti economici forniti dagli USA. Le principali esportazioni sono la copra e il pepe. La valuta ufficiale è il dollaro USA non esistono valute locali.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Il principale scalo aereo è il Pohnpei International Airport. Ubicato vicino a Kolonia, è stato realizzato su una piccola isola al largo della costa settentrionale dell'isola Pohnpei.

Rovine del complesso megalitico di Nan Madol

Aree archeologiche[modifica | modifica sorgente]

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Le rovine di Nan Madol, hanno ispirato il Ciclo di Cthulhu, un romanzo fantastico dello scrittore Howard Phillips Lovecraft, il romanzo The Moon Pool, di Abraham Merritt e Deep Fathom di James Rollins.

Tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Festività[modifica | modifica sorgente]

Le festività dello Stato di Pohnpei sono dieci[3].

Feste Nazionali
Festa Nome Note
1 gennaio Anno nuovo
10 maggio Giorno degli FSM Anniversario della Costituzione
10 e 11 settembre Giorno della liberazione di Pohnpei
3 novembre Giorno dell'indipendenza Anniversario della fine del protettorato.
25 dicembre Natale

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Pohnpei Constitution Article 13. URL consultato il 12-12-2012.
  2. ^ Pohnpei Constitution Article 14
  3. ^ Events - Pohnpei Visitors Center

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Lamendola, Le gigantesche rovine di Nan Madol, nelle isole Caroline, sono delle vestigia della civiltà Mu?
  • Oliver Sacks, L'isola dei senza colore, Adelphi 2004

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]