Poesia visiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Ogni parola, in quanto , è una generalizzazione[1] »

La poesia visiva, nasce da tutte quelle sperimentazioni artistiche e letterarie compiute nel clima della Neoavanguardia, a partire dagli anni sessanta del XX secolo.

Anche se, tuttavia, è dalla rinascita culturale del secondo dopoguerra che le ricerche verbo-visive hanno il loro punto di partenza, come presa di posizione critica sulla cultura, sulla società e sul linguaggio attraverso il quale si esprime la nuova realtà modernizzata e industrializzata del secondo dopoguerra. Sono gli anni in cui gli intellettuali si specializzano negli ambiti della cultura e si fanno più pragmatici e coinvolti nell'interpretazione dei grandi mutamenti della società e nella partecipazione attiva alla critica militante, culturale e sociale. Attività intellettuali che rispecchiavano il desiderio di rinnovamento e, quindi, di svecchiamento della cultura italiana, ancora ancorata all'estetica romantica e simbolista, all'idealismo crociano e gentiliano.

La Neoavanguardia - all'interno della quale si sviluppano le ricerche verbo-visuali - si qualifica come uno strumento di analisi, come azione sul piano della cultura, come interpretazione della realtà e, di conseguenza, come analisi dell'intreccio fra Arte e Cultura, caratteristico dei dibattiti intellettuali degli anni Sessanta. Le ricerche linguistiche ed estetiche della Poesia Visiva nascono in questi contesti - facili definire - di "eclettismo" culturale. Solo analizzando la cultura e le ideologie dell'epoca si può avere una chiara percezione della complessità dei dibattiti e del perché la Poesia Visiva abbia avuto uno sviluppo simultaneo a livello mondiale, collocandosi a metà fra i generi artistici e i generi letterari, essendo essa un fenomeno ibrido di Arte e Letteratura.[2].

Le ricerche verbo-visuali delle seconde avanguardie[modifica | modifica sorgente]

A partire dalla prima metà degli anni cinquanta e per tutto il seguente decennio, le ricerche verbo-visuali delle cosiddette seconde avanguardie furono segnate da alcune tappe fondamentali:

Una cultura visiva[modifica | modifica sorgente]

La Poesia Visiva, agli inizi degli anni Sessanta, si presentava come strumento operativo, come modalità alternativa di interpretazione, come sintesi di critica ideologica e teoria artistica la cui unica possibilità d'espressione poteva manifestarsi soltanto attraverso le tendenze visive e iconografiche della cultura di massa. Fu l'intreccio fra Arte e cultura – degli anni Sessanta e Sessanta – a caratterizzare la ricerca verbo–visuale come unione di prassi e teoria, affermando sistematicamente il nuovo carattere gnoseologico ed ermeneutico dell'Arte. Si trattava, dunque, per gli intellettuali di interpretare artisticamente il riflesso incondizionato che la società di massa aveva avuto sulla società e, nello stesso tempo, di evidenziare la necessità di un'Arte che fosse espressione della cultura di massa.

Lamberto Pignotti ha parlato, infatti, di "cultura del neo-ideogramma" intendendo proprio la nuova civiltà dell'immagine, della tecnologia e dei mass-media, in cui l'Arte e la Letteratura divenivano un semplice messaggio, uno strumento dell'informazione e della comunicazione, a vantaggio del contenuto e del significato. È nella cultura del neo-ideogramma che la poesia diviene un segno, più precisamente un segno culturale e semiologico. Nel corso dei dibattiti intellettuali che in questi anni tentano una storicizzazione della crisi della capacità comunicativa del sistema letterario, furono molti i temi presi in considerazione che allargarono la questione della morte dell’Arte, divenendo di dominio comune e tutti incentrati più o meno sull'esigenza di un linguaggio adatto alle mutate istanze culturali. Si sottolineava così la crisi della rappresentazione: la parola per sottrazione di senso diviene, nelle ricerche verbo-visuali, autoreferenziale, matericità e parola-oggetto. Nella stagione dell'espansione della comunicazione, segno linguistico e segno visivo si contaminavano in operazioni osmotiche come prova linguistica empirico-razionale di decostruzione e destrutturazione del discorso poetico, e come tentativo di traduzione della caoticità oggettiva del mondo, attraverso l'uso di una semantica realistica. Si trattava, in sostanza, della proposta e della presa di coscienza del nuovo obiettivo delle arti e della cultura, ossia dell'acquisizione di una nuova esperienza artistica come creazione di nuovi territori della parola, di forme espressive adeguate alla nuova estetica tecnologica. La letteratura giungeva a un confronto critico con il senso comune della società. Confrontandosi con la cultura l'Arte della Poesia Visiva affondava le proprie radici nell'ambito del sistema linguistico.

Una nuova concezione del linguaggio[modifica | modifica sorgente]

Nell'analizzare il gran numero di artisti coinvolti nelle ricerche verbo-visuali, si evidenzia una diversa concezione del linguaggio. In quegli anni, società, lingua e cultura furono unite in un continuo processo di rinnovamento e consolidamento delle strutture approvate. La lingua, in quanto sistema di segni, può essere esaminata come struttura] di relazioni significative, nello stretto rapporto che si instaura fra il codice linguistico della collettività (langue) e l'attuazione individuale delle potenzialità del medesimo codice (parole) come è stato affermato da De Saussure. In tale sistema di relazioni, la lingua si caratterizza per la propria referenzialità, a partire dalla nascita della lingua nazionale, qualificandosi come riflesso indiscusso della realtà sociale. La massificazione della comunicazione e dell'informazione, prodotta dalla società industriale e del consumo, generò, in tal modo, nuovi modelli di lingua, aprendo i confini della linguistica ai nascenti concetti di lingua trasmessa, formale/informale, settoriale/tecnica e di sottocodice. Alla fine degli anni Cinquanta, infatti, l'elemento tecnologico, analizzato in senso critico, assume un peso considerevole nelle attività artistico-culturali. I poeti verbo-visivi tentano, in questi anni, di strutturare un codice linguistico alternativo, mettendo in evidenza le contraddizioni della nuova era tecnologica e dei nuovi linguaggi mass-mediatici, e riflettendo, quindi, sui rapporti arte e tecnologia e arte e comunicazione. Segno verbale e segno visivo assumono un rapporto reciproco di equilibrio senza subordinarsi a vicenda, avendo lo stesso peso nell'insieme dell'opera d'arte. Si tratta in sostanza del 'potenziamento espressivo' di una prassi artistica che si muove al di là del canone tradizionale. Analizzando i rapporti fra "arte e comunicazione" e "arte e tecnologia", i poeti visivi hanno distinto il linguaggio propriamente detto dai sottocodici prodotti dalla civiltà industriale. Non a caso l'allargamento lessicale – iniziato già con le avanguardie storiche – e la simultaneità dei codici espressivi nell'ambito dello stretto legame che si crea fra forma e referente, fra significante e significato, si configura, ancora oggi, come una risposta culturale – di matrice artistica – alla complessità del rapporto fra comunicazione verbale e comunicazione visiva, caratteristico dell'espansione mediatica della società di massa. Si può fare riferimento, per esempio, alla tecnica del collage, del fotomontaggio o all'assemblage – intesi come recupero di tecniche già usate storicamente dalle arti minori – in cui il reale viene percepito in concreto senza ricorrere all'illusione pittorica con l'intento di dar vita a una tecnica pittorica in cui l'Arte possa competere con i mezzi di comunicazione. In tal senso è significativo ricordare la tecnica dell'affiche e del manifesto, in quanto rispondono all'esigenza degli artisti di stabilire una presa diretta con il pubblico. In questo contesto s'inseriscono i ready-made di Duchamp, i poèmes-objet di Breton, i fotomontaggi dadaisti, i collage prettamente pittorici dei futuristi e dei cubisti.

Il rapporto tra parola e immagine[modifica | modifica sorgente]

Le pratiche di visualizzazione del materiale verbale si fanno promotrici di un'intensificazione del segno grafico, proprio attraverso la convergenza e l'associazione di altri tipi di segni, e le modalità con cui il messaggio ‘poetico’ viene espresso pongono l'accento sulla semanticità del segno: l'estrinsecazione del significato si attua in relazione a un trattamento pluriartistico delle potenzialità espressive e comunicative del significante, sia esso fonico o iconico. Si è trattato, in definitiva, del riscatto estetico – nella pratica operativa – della parola poetica che va incontro a una radicale trasformazione verso le forme della ‘scrittura visuale’, ibrida linguisticamente. «La scrittura verbo–visiva», come hanno dimostrato Stefania Stefanelli e Lamberto Pignotti – può essere considerata come la modalità espressiva che ha teso alla comprensione

« «[…] sia quelle forme di comunicazione verbale che intendono anche frasi vedere

[…], sia quelle forme di comunicazione visiva che intendono anche farsi leggere [nella] consapevolezza che fra Letteratura e Arti visive, fra Pagina e Quadro, fra Parola e Immagine, non ci sono frontiere precise e neppure occasionali sconfinamenti, ma piuttosto sistematiche sovrapposizioni e integrazioni nel segno della continuità»[4] »

I rapporti di sovrapposizione e sintesi fra comunicazione verbale e le altre forme di comunicazione hanno dato il via all'interrogarsi sui linguaggi dell'arte. La Poesia Visiva ha continuato a impiegare il mezzo espressivo caratteristico del canone letterario, benché il segno verbale si affrancava ai quei vincoli artistici che la letteratura aveva da sempre ignorato. Si operò una «ricerca sulla parola oltre la parola», precisando sotto il profilo linguistico-formale un «riscatto» della concretezza, della materialità e della fisicità del linguaggio.[5] La promozione del significante sul significato presuppone, infatti, uno sfruttamento intensivo del corpo grafico che può essere visualizzato secondo modalità di incidenza semantica diverse di volta in volta: la pertinenza linguistica del segno può essere azzerata, ridotta oppure anche annullata del tutto, approdando sia a forme di «multigrafia» che di «agrafia» rispetto a quella tipografica tradizionale nell'intento di sfruttare «le potenzialità visuale insite nella parola segno[6] La ricerca di modalità espressive capaci di intensificare, dilatare e forzare visualmente il segno – in relazione alla dimensione valorizzata del significante – rispondeva al soddisfacimento delle finalità e delle esigenze degli intellettuali impegnati a una resa estetica della complessità del sociale, nell’intento di sottrarre il sistema linguistico al circolo economico del sistema neocapitalistico, che attraverso i mass media, trasfigurava passivamente il sistema linguistico, alienandolo dalla sua funzione principale di essere veicolo informativo e comunicativo. Per Lamberto Pignotti si è trattato in sostanza di una serie di «riesami di riscoperte del tragitto percorso dalla cultura alfabetica occidentale che ha un lungo processo di semplificazione (ma anche di impoverimento) ha portato dalla figura del pittogramma, all’ideogramma e infine alla lettera[7] Di fatto, la sperimentazione verbo-visuale affonda le sue radici nella ‘poesia figurata’ dell'antichità classica e del medioevo, e anche nel corso dell'Età Moderna si sono registrati ricorsi all'artificio grafico, al non-sense linguistico-letterario e alla visualizzazione fisica del testo poetico[8]

Il legame tra il segno come materia e il suo significato è stato studiato fin dai primi anni Sessanta da Ugo Carrega che giunge all'ipotesi che tra i vari elementi esista una vera simbiosi. Egli fa riferimento da una parte all'esempio di personalità letterarie come Ezra Pound, James Joyce, Jorge Luis Borges e dall'altra cerca di ridare al concetto il suo corpo fisico in modo da evidenziare il contatto necessario tra la mente e la mano. Viene pertanto formulata l'ipotesi che la scrittura non debba necessariamente possedere un campo preciso né essere inteso come fine, ma piuttosto come strumento e mezzo che evoca un significato e, così come per l'immagine, metafora di un atteggiamento verso il fare artistico. Rifacendosi al concetto di metafora Carrega scrive:

« Accettata linguisticamente la metafora per cui significante e significato sono le due facce di una stessa moneta, proviamo a lanciare per aria la nostra moneta: le probabilità di estrarre significante o significato sono uguali; ma quante sono le probabilità che la moneta rimanga ritta di taglio?[9] »

In questo modo significato e significante finiscono per fondersi tanto che il segno iconico e quello scrittorio arrivano a possedere una stessa finalità tecnica.

La poetica della Poesia Visiva tende, in sostanza, alla riscoperta di quel messaggio poetico - che si era perso a seguito dell'incomunicabilità dell'ermetismo e della nuova società industrializzata - attraverso il recupero fisico e materiale del grafema e la realizzazione pittorico del significante. Tutto ciò avviene grazie a vari procedimenti, tra cui:

  • l'intensificazione della presenza verbale
  • l'associazione del segno verbale con altri segni extra-linguisti e non verbali
  • combinazione della semanticità fra parola e immagine
  • associazione di elementi fonetici o grafici della lingua all'immagine

Il risultato di tali procedimenti è un 'interlinguaggio' capace di sottolineare il passaggio da un significato connotativo della 'parola industrializzata' a quello denotativo, sono ad arrivare a privilegiare il significante.

Di conseguenza leggere le Poesie Visive non è semplice, infatti tali pratiche separano la percezione linguistica da quella iconica. Al lettore è richiesto un approccio sintetico e globale, e una 'lettura simultanea' del quadro, dove il tutto prevale sulle singole parti.

La Poesia Visiva in Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia la Poesia Visiva nacque all'interno delle riflessioni intellettuali e culturali delineate, ma a livello più concreto si può generalizzare ripercorrendo le tappe fondamentali delle dispute estetiche e artistico/linguistiche dalle sperimentazioni linguistiche e poetiche de "I Novissimi" del "Gruppo 63" e del "Gruppo 70" e più in generale dall'ambito delle pratiche della Poesia Totale.

  • A Firenze la “Poesia Tecnologica” (definizione coniata da Lamberto Pignotti in un articolo pubblicato a Milano sulla rivista “Questo e altro”, n. 2 del 1962) del gruppo fiorentino: Lamberto Pignotti, Eugenio Miccini, Lucia Marcucci, Giuseppe Chiari che diede vita al “Gruppo 70”. Le prime manifestazioni sono due convegni organizzati a Firenze sul tema "Arte e comunicazione" nel 1963 e l'anno successivo su "Arte e tecnologia". Ai convegni, oltre ai fondatori Eugenio Miccini (sua l'invenzione del termine "poesia visiva"), Giuseppe Chiari e Lamberto Pignotti, Sylvano Bussotti, parteciperanno anche Luciano Anceschi, Eugenio Battisti, Bortolotto, Gillo Dorfles, Umberto Eco, Aldo Rossi, Roman Vlad, Mauricio Kagel, Antonio Bueno, Alberto Moretti, Silvo Loffredo Pietro Grossi. Intellettuali vicini al “Gruppo 63” (fondato a Palermo nell'ottobre 1963 dai poeti dell'antologia “I Novissimi”: Alfredo Giuliani, Elio Pagliarani, Edoardo Sanguineti, Nanni Balestrini, Antonio Porta insieme agli studiosi di estetica e critica letteraria Renato Barilli e Umberto Eco) e alla rivista “Marcatré”, già divenuta la più influente rivista della neo-avanguardia italiana.A partire dal 1963 il “Gruppo 70” mette in scena un happening itinerante dal titolo “Poesie e no” basato sull'interazione tra pubblico, poeti e musicisti. La prima rappresentazione ha luogo al Gabinetto Viesseux di Firenze, l'azione viene ripetuta in diversi spazi in toscana e nel resto del paese, coinvolgendo in scena Bueno e Marcucci e successivamente anche Emilio Isgrò e Ketty La Rocca e ampliando l'azione con registrazioni di poesia sonora e proiezioni video.Nel novembre 1964 viene proposta dalla rivista “Malebolge”, fondata da Corrado Costa, Adriano Spatola e Giorgio Celli, la seconda riunione del “Gruppo 63” a Regio Emilia. Vengono invitati a partecipare, oltre il “Grippo 70”, i napoletani Achille Bonito Oliva, Gian Battista Nazzaro, Antonino Russo (poeta e scrittore), e gli altri che fanno capo alla rivista “Linea Sud” diretta da Luca (Luigi Castellano), Stelio Maria Martini e Luciano Caruso. Al convegno parteciperà Pignotti come portavoce del “Gruppo 70”. Del 1965 sono le prime esposizioni del “Gruppo 70” alla galleria “La Vigna Nuova” e alla galleria “Numero” di Firenze. Alle mostre parteciparono, oltre agli esponenti del gruppo, molti artisti legati a Fluxus: George Brecht, Dick Higgins, Philip Corner, John Cage, Yoko Ono, Wolf Wostell, Toshi Ichiyanagi, e Nam June Paik. Nel 1966, poco dopo la tragica alluvione di Firenze, il “Gruppo 70” organizza alcune azioni performative in spazi pubblici della città, tra cui la Libreria Feltrinelli. In quegli stessi anni Eugenio Miccini dà vita al centro culturale “Tèchne” (1969) e all'omonima rivista (pubblicata tra il 1967 e il 1976). Nel suo centro ospita le allora nascenti compagnie di teatro Magazzini Criminali (allora Il Carrozzone) e del Teatro Jarry (Mario e Maria Luisa Santella).
  • A Genova, grazie alle sperimentazioni di Luigi Tola e del "Gruppo Studio" (Ziveri, Miles e altri) nascono le “poesie murali” e contemporaneamente si sviluppa la ricerca “verbovisuale” di Martino Oberto che riunisce attorno alla sua rivista "Ana eccetera" Ugo Carrega, Corrado D’Ottavi, Lino Matti e altri[10].
  • A Napoli, invece, è attorno alla figura di Luca (Luigi Castellano) e alla sua rivista "Documento Sud" che fioriscono le esperienze di Luciano Caruso, Mario Diacono e Stelio Maria Martini.
  • In questo periodo nasce anche, per opera di Tola, il circolo culturale “Il Portico” di Via Cantore (poi trasferitosi in Via Avio 5) a Sampierdarena, primo gruppo di ricerca e discussione d'arte composto da Tola e da alcuni giovani amici: studenti di liceo, universitari, operai. Il gruppo stampa a ciclostile “Dibattiti” che costituisce il primo vero opuscolo/giornalino fondato e diretto da Tola. Oltre a questo giornalino che raccoglie gli interventi dei vari membri del gruppo del “Portico”, vengono stampati anche una serie di supplementi dedicati alla poesia. Tra questi va sicuramente ricordato il supplemento dedicato alle poesie di Nazim Hikmet, prima traduzione in italiano della sua poesia. Attorno al circolo culturale “Il Portico” nascono le prime poesie murali, poesie destinate ad essere affisse ai muri delle fabbriche, delle scuole e delle università sull'esempio dei giornali di fabbrica e sindacali che utilizzano lo stesso metodo di diffusione.
  • Oltre a “Il Portico” di Tola, alla fine degli anni Cinquanta, sono attive a Genova altre straordinarie realtà culturali d'avanguardia. Si ricordano: la galleria/circolo culturale “Il Deposito” animato dal pittore Eugenio Carmi a Boccadasse, “La Bertesca” centro culturale coordinato dagli editori di “Modulo” Francesco Masnata e Nicola Trentalance, “La Polena” con uno specifico interesse all'arte concreta e ottica, “Il Vicolo” del futurista Alf Gaudenzi.
  • Nel 1958 Luigi Tola aderisce al “Gruppo Studio” di Guido Ziveri, Olga Casa, Daniela Zampini Kalepyros, Maurizio Guala, Piero Taverna, Rodolfo Vitone, il giovanissimo Germano Celant, Danilo Giorgi, Bruno Lo Monaco, Claudio Tempo, Lella Carretta, Paola Campanella, Francesco Vaccarone.
  • "Trerosso" nasce invece come organo del “Gruppo Studio” di Genova. Il numero zero esce nell'ottobre del 1965. Il numero 2, terzo ed ultimo fascicolo pubblicato, è del giugno/agosto 1966. L'intento è quello di dare visibilità a tutte quelle attività estetiche che lavorano sul rapporto tra arte e comunicazione. Trovano quindi ampi spazi le sperimentazioni di Poesia Visiva del gruppo genovese e di altri poeti visivi italiani e stranieri come Lucia Marcucci, Eugenio Miccini, Lamberto Pignotti, Luciano Ori, Jiri Kolar, etc.).

La rivista pubblica anche testi poetici sperimentali lineari, testi di poesia concreta, riproduzioni di opere pittoriche e numerosi articoli teorici.

Tra gli anni 80 e gli anni 90 si crea un'area di ricerca che sperimenta tra scrittura, visualità e nuovi media, sviluppando in modo molto differenziato temi del Futurismo, della poesia concreta, della poesia sonora e visiva. La produzione è varia e spazia dal video analogico a quello digitale, dalla computer grafica all'elaborazione digitale acustica, all'installazione. Nasceranno la videopoesia, la computer poetry, CD ROM di poesia e vari ambienti interattivi e ipermediali, anche on line. Tra gli autori rilevanti a livello internazionale: Gianni Toti, Philadelpho Menezes e Wilton Azevedo, Arnaldo Antunes, Akenaton, Jim Andrews, Jean-Pierre Balpe, Caterina Davinio, Augusto de Campos, Reiner Strasser.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lev S. Vygotskij, Pensiero e parola, in Pensiero e linguaggio, (Mosca-Leningrado 1934) Universitaria-La Barbèra, Firenze, 1934
  2. ^ Citando solo alcuni esempi: in Brasile con il Gruppo Noigandres; a Parigi con il poeta cecoslovacco surrealista Heisler; in Svizzera con Eugen Gomringer. Tra le ricerche internazionali si annoverano: le combinazioni di Marcel Broodthaers, le scritture di Henry Chopin, gli assemblage di George Brect, di Jochen Gerz, di Robert Filiou
  3. ^ Si tratta di un movimento artistico-letterario che venne fondato da Isidore Isou e Maurice Lemaître nel 1945
  4. ^ S. STEFANELLI – L. PIGNOTTI, La scrittura verbo–visiva. Le avanguardie del Novecento tra parola e immagine, Editoriale L’Espresso, 1980, pp. 9–10.
  5. ^ Sul tema del riscatto della parola si vedano: P. FAVARI, Oltre la parola, in «D’Ars», 70, 1974; V. ACCAME, L’uso della parola nei vari tipi di poesia visuale, in «Testuale», 7, 1987; ID., L’uso della parola in pittura, in «Il Verri», 7, 1988; R. BARILLI, Il riscatto del significante, nel cat. mostra Fra significante e significato, Università di Pavia, Collegio Cairoli, 1975.
  6. ^ Si confrontino i saggi contenuti nei cataloghi: Multigrafie, a cura di L. Pignotti, Pinacoteca Comunale, Loggetta Lombardesca, Ravenna, 1980; La forma della scrittura, a cura di A. Spatola, Galleria d’Arte Moderna, Bologna, 1977. Si veda anche: V. ACCAME, Il segno poetico, cit., p. 50.
  7. ^ L. PIGNOTTI, Fra parola e immagine, Padova, Marsilio, 1972, p. 73.
  8. ^ Si ricordino per esempio i technopaegnia alessandrini, i versus intexti e i carmina figurata di autori tardo latini e carolingi. Si veda in tal senso; L. SIMONINI, F. GUALDONI, Carmi figurati greci e latini, Pollenza, La Nuova Italia Foglio, 1978; L. CARUSO, La poesia figurata nell’Alto medioevo (poetica e storia delle idee), Napoli, I.S.E., 1968; G. POZZI, La parola dipinta, Milano, Adelphi, 1982. Non sono da dimenticare in tal senso gli artifici grafici di L. Sterne in Vita e opinioni di Tristam Shandy (1760) o gli Illuminated book di W. Blake, il sonetto Voyelles di Rimbaud. E ancora A. Holz e Ch. Morgenstern, i Calligrammes di Apollinaire.
  9. ^ V. Accame, U. Carrega. V. Ferrari, C. D'Ottavi, L. Landi, R. Mignani, M. Oberto, A. Oberto, Fra significante e significato (Manifesto della Nuova Scrittura), con un testo di R. Barilli, Mercato del Sale - Collegio Cairoli, Milano - Pavia 1975
  10. ^ Inizialmente Genova, dove nel 58 uscì il primo numero di "Ana Eccetera". Il 10 luglio 1958, Ezra Pound arrivò a Genova dopo essere stato scarcerato dal suo lungo periodo di ricovero forzato al St. Elizabeth Hospital di Washington. Ad accoglierlo ci sono, tra gli altri, Anna e Martino Oberto che gli porgono come omaggio il numero zero della loro neonata rivista "Ana Eccetera" contenente la traduzione di un Canto di Pound. Pound si stabilirà per un breve periodo a Rapallo, dove affascinerà molti dei giovani artisti genovesi sia per il suo mito che per la sua enorme e curiosa cultura. È così che attorno alla rivista di Oberto e, contemporaneamente, presso il Gruppo Studio, sorta di circolo culturale operaio-studentesco, iniziarono le prime sperimentazioni poetiche di alcuni pionieri della poesia visiva italiana. Dalla rivista, o meglio il bollettino, che fu l'espressione di un gruppo d'intellettuali ed artisti italiani, coordinati da Anna e Martino Oberto nasce "Tool Quaderni di scrittura simbiotica", dalle cui pagine ciclostilate Lino Matti e Rodolfo Vitone, coordinati da Ugo Carrega, cercarono di sviluppare secondo un preciso programma i nuovi assunti estetici mutuati dalla poesia poundiana. Esperienza che confluì nella successiva rivista di Carrega, M. Diacono e L. Landi: "Aaa azioni off kulchur" costituita da fogli raccolti in busta da lettera che nel titolo rinvia ancora chiaramente all'influenza poundiana.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV., 7 domande sulla poesia, in «Nuovi Argomenti», 55-56, 1962.
  • Arte e comunicazione, in «Dopotutto 1», estr. da «Letteratura», 67-68, Roma, 1963.
  • Poesie e no (pieghevole), Livorno, Centro Artistico Il Grattacielo, 1964.
  • Gruppo 70. Arte e Tecnologia, in «Leader», 10-11, 1964.
  • Gruppo 63. La nuova letteratura, a cura di N. Balestrini e A. Giuliani, Milano, Feltrinelli, 1964.
  • Arte e tecnologia. Comunicazioni e interventi al convegno del Gruppo 70, in «Marcatré», n. 11-12-13, ottobre-dicembre, Milano, 1964.
  • Tecnologica, cat. mostra, a cura di A. Bueno, G. Chiari, L. Pignotti, Firenze, Galleria Quadrante, 1964.
  • Arte e comunicazione, in «Dopotutto», 1, estr. da «Letteratura», n. 67-68, 1964.
  • «Linea Sud», 2, II, 1965.
  • Antonio Bueno, in «I documenti di Numero», 7, 1965.
  • Inchiesta sull'avanguardia, in «Dopotutto» estr. da «Letteratura», 73, 1965.
  • La letteratura oggi, in «La Battana», II, 4, 1965.
  • Poesie e no, in «Marcatré», 16-18, 1965.
  • Tavola rotonda sulla poesia visiva, in «Trerosso», n. 1, 1965.
  • 3 Festival del Gruppo 70 (manifesto), Galleria La Vigna Nuova, Galleria Numero, Firenze, 1965.
  • Gruppo Settanta. Arte e tecnologia, Atti del Convegno, in «Marcatré», n. 11-12-13, febbraio, Milano, 1965.
  • Proposte di poesia tecnologica, in «Il Portico», 6, 1965.
  • Proposte e testi del gruppo 70, in «Nuova presenza», VIII, 19-20, 1965.
  • Between Poetry and Painting, London, 1965. Catalogo
  • Il modello della poesia, Milano, Schewiller, 1966.
  • Avanguardia e neo-avanguardia, Milano, Sugar, 1966.
  • Dibattito sulla poesia tecnologica e sulla poesia visiva, in «Dopotutto», estr. da «Letteratura», 82-83, 1966.
  • Poesia e pittura tecnologica, in «Dopotutto», estr. da «Letteratura» n. 88/90, Roma, 1966.
  • Proposte e testi del gruppo 70, in «Nuova Presenza», 19-20, 1965-1966.
  • Avanguardia fra leggibilità illegalità o no, in «Trerosso»,2, 1966.
  • Gruppo 63. Il romanzo sperimentale, a cura di N. Balestrini, Milano, Feltrinelli, 1966.
  • Antologia di poesia visiva, in «Il Portico», 7, 1967.
  • Parola e immagine, mostra nazionale di Poesia Visiva, cat.mostra, a cura di Gruppo 70, in collaborazione con «Il Portico», Galleria La Soffitta, Colonnata (Firenze), 1967.
  • Ancora sulla poesia tecnologica e visiva, “Dopotutto”, estr. da “Letteratura”, n.88/90, 1967.
  • La poesia oggi, Incontri Culturali Mitteleuropei, Gorizia, 1967.
  • Dichiarazioni di poetica, sul manifesto della mostra, L'immagine contestata, Napoli, Gall. Carolina, 1968.
  • Lo sperimentalismo negli anni 60, in «Arte e poesia», III, 11-14, 1970.
  • Nuovi aspetti della poesia visiva, in «La Battana», n. 27, Fiume, 1971
  • Internazionale poesia visiva, cat. mostra, Galleria Jeanne Buytaert, Antwerpen, 1972.
  • Poesia e/o poesia: situazione della poesia visiva in Italia, a cura di Eugenio Miccini, Brescia-Firenze, SARMIC, 1972.
  • Cinque domande sulla poesia, in «Le Arti», 9-10, 1972.
  • Tra rivolta e rivoluzione, immagine e progetti, Ente Bolognese Manifestazioni Artistiche, Bologna, 1972.
  • Poésie visuelle, numero speciale, in «Delo», XXVIII, 4, 1972.
  • Poesia visiva internazionale, cat. mostra, Richard Foncke Gallery, Gent, 1973.
  • Poesia visiva internazionale, cat. mostra, ICC, Antwerpen, 1973.
  • Firenze verifica 1945/1965. XXI Premio del Fiorino. Biennale Internazionale D'Arte, cat. mostra, Fortezza da Basso, Firenze, 1973.
  • «Ovum 10», numero speciale per Exposicion exhaustiva de la Nueva Poesia, 1973.
  • «Quaderni di critica», numero speciale sulla Neoavanguardia, 1, 1973.
  • Art 4 ’73, IV Mostra Internazionale D’arte, cat. mostra, Basel, 1973.
  • Poésie visuelle, in «Opus International», numero speciale 40-41, 1973.
  • Archivio Denza della poesia visiva. Selezione internazionale 1969-71, cat. mostra, Studio d'Arte Il Moro, Firenze, 1974.
  • Il pubblico della poesia, a cura di A. Berardinelli e F. Cordelli, Cosenza, Lerici, 1975.
  • Gruppo 63. Critica e teoria, a cura di R. Barilli e A. Guglielmi, Milano, Feltrinelli, 1976.
  • «Quaderni del Verri», 1, 1976 (numero monografico su L. Pignotti).
  • La scrittura, cat. mostra, a cura di F. Menna, I. Mussa e L. Pignotti, Roma, 1976.
  • Poesia e realtà ’45-’75, a cura di G. Majorino, Roma, Savelli, 1977.
  • Parola immagine e scrittura, II esposizione nazionale, a cura di M. D’Ambrosio, Urbino, 1978.
  • La parola innamorata, a cura di G. Pontiggia e E. Di Mauro, Milano, Feltrinelli, 1978.
  • 6.a Biennale Internazionale della Grafica d'Arte. La spirale dei nuovi strumenti, cat. mostra, Palazzo Strozzi, Firenze, 1978.
  • Manoscritti originali a Firenze. Inchiostro, carta e sgorbi, per fabbricare tanta poesia, in «La Nazione», 12 gennaio, 1979.
  • La poesia in Toscana dagli anni Quaranta agli anni Settanta, a cura di F.Maniscalchi e L.Marcucci, Messina-Firenze, D'Anna, 1981.
  • Linee della ricerca artistica in Italia 1960 – 1980, cat. mostra, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 1981.
  • Revija Za kulturo v vseh odlikah letnik XXI, in «Dialoghi», n. 9, 1985
  • XI Quadriennale d'Arte, cat. mostra, Roma-Eur, Palazzo dei Congressi, Roma, 1986.
  • Figure scritture su certi segni delle arti e dei mass-media, Udine, Campanotto Editore, 1987.
  • Fra libro. Libri e pagine d'artista in Italia, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Firenze, Ed. Centro di, 1989.
  • Archivio della Grazia di Nuova Scrittura, cat. collezione, Milano, 1989.
  • visiva: un genere artistico in divenire, in «Le Lettrisme», Ravenna, Ed. Essegi, 1989.
  • Poesia e pittura tecnologica, in Firenze anni Sessanta, cat. mostra, Firenze, Ed. Il Ponte, 1989.
  • Firenze la storia. La poesia visiva un percorso internazionale, Firenze, Ed. Opus Libri, 1990.
  • Artefax, cat. mostra, Galleria Comunale d'Arte Moderna, Bologna, 1990.
  • Presenze delle avanguardie storiche a Firenze dal ’47 a oggi, Firenze, Centro d’Arte Spaziotempo, 1991.
  • XVI Premio Nazionale Città di Gallarate, Parola immagine per l'aggiornamento di un museo, cat. mostra, Civica Galleria d’Arte Moderna, Gallarate (Varese), 1991.
  • Scrittura verbo-visiva e sinestetica, in Scrittori, tendenze letterarie e conflitto delle poetiche in Italia (1960-1990), Ed. Longo, Ravenna, 1993.
  • Istruzioni per l’uso degli ultimi modelli di poesia, in «Testuale», 15-16, 1993.
  • Calligrafia ovvero la scrittura dipinta, cat.mostra, Capua, Palazzo Fazio, Firenze, Centro d'Arte Spazio Tempo, Caserta, 1995
  • Il Gruppo 70 tra parola e immagine, a cura di S. Stefanelli, Firenze, Società Editrice Fiorentina, 2004.
  • V. ACCAME, Visualizzazione del fare poetico, in «Uomini e idee», 3-4, 1966; Ipotesi sulla visualizzazione del fare poetico, in «Marcatré», 26-29, 1966; Nuove tecniche poetiche, in «Le Arti», 5, 1968; Lo sperimentalismo negli anni 60, in«Arte e poesia», III, 11-14, 1971; Poesia e impegno sociale, in «Le arti», 3, 1973; Della ricerca poetica e del libro come luogo di ricerca, in «Il Verri», 2,1973; La nuova scrittura poetico-visuale, in «Le Arti», 1, 1974; Nuova scrittura e nuova poesia, in «Arte Mercato», 5-6, 1974; Nuova poesia e «nuova scrittura», in «Documenti oggi», 2-3, 1975; Il segno poetico. Riferimenti per una storia della ricerca poetico-visuale e interdisciplinare, Milano, Ed. Spirali, 1981; De la poesie visuelle à la novelle ècriture./ From visual poetry to the new writing, in «Cimaise», XXIX, 156-157, 1982; Quale segno. Arte scrittura comunicazione, Milano, 1993; Scrittura e arte, in «Titolo», IV, 14, 1993.
  • ALTAMIRA, Linguaggio-immagine, Archivio di Nuova Scrittura, Milano 1993.
  • A. ALTAMIRA, V. FAGONE, Poesia visiva: Poesia simbiotica 2, cat. mostra, Studio Santandrea, Milano, 1977.
  • A. ALTAMIRA, V. FAGONE, Poesia visiva: Poesia concreta 3, cat. mostra, Studio Santandrea, Milano, 1977.
  • L. ANCESCHI, Italian Visual Poetry (1912-1972), in «Il Verri», 2, 1973.
  • Autonomia ed eteronomia dell'arte, Firenze, Vallecchi, 19361, 1959.
  • R. APICELLA, Alcune tesi sulla poesia visiva, in «Lotta Poetica»,.17-19, 1972.
  • Visual poetry in the 72th, in «Lotta Poetica», 13-14, 1972.
  • La poesia internazionale dalla monoglossia alla praxiglossia, in «Lotta Poetica», 20-21-22, 1973
  • Poesia visiva 1972-1973, in «Flash Art», 43,1973.
  • (a cura di), Poesia internazionale 1/2/3, cat. mostra, Studio Inquadrature 33, Firenze, 1973.
  • La poesia visiva nella diacronia del linguaggio poetico, in «Techne», 14-15-16, settembre 1975.
  • G. C. ARGAN, Uno scrive l'altro cancella, in «L'Espresso», 26-27, 1976.
  • A. ARMIDELLI, E. MICCINI, A. PICCHI, (a cura di), Manifestazioni artistiche fiorentine, cat. mostra, I Tigli, Firenze, 1971.
  • D'A. S. AVALLE, Ragioni minime delle avanguardie, in «Strumenti Critici», 3, 1967.
  • M. T. BALBONI, La pratica visuale del linguaggio: dalla poesia concreta alla nuova scrittura, Pollenza-Macerata, La Nuova Foglio, 1977.
  • N. BALESTRINI, Altri procedimenti, Milano, 1964.
  • Gruppo 63. Il romanzo sperimentale, Milano, 1966.
  • La rivoluzione dei pifferi, in «Quindici», 17, 1969.
  • Prendiamoci tutto, Milano, Feltrinelli, 1972.
  • P. BALDELLI, Politica culturale e comunicazione di massa, Pisa, 1968.
  • L. BALLERINI, La piramide capovolta. Scritture visuali e d'avanguardia, Venezia, Marsilio, 1975.
  • (a cura di), Scrittura visuale in Italia 1912-1972, cat. mostra, Galleria Civica D'Arte Moderna, Torino, 1972.
  • (a cura di), Italian Visual Poetry, cat. mostra, Finch College Museum, New York, 1973.
  • G. BALLO, La poesia visiva entra nei musei, in «Ottagono», 32, 1974.
  • Altri sviluppi della poesia visiva, in «Ottagono», 36, 1975.
  • G. BARBERI SQUAROTTI, La poesia tecnologica, in «Paese Sera/Libri», Roma, 7 agosto 1964.
  • R. BARILLI, Marinetti e il nuovi sperimentalismo, in «Il Verri», 33-34, 1970.
  • «Il Libro come luogo di ricerca» alla XXXVI Biennale di Venezia, in «Le Arti», 11, 1972.
  • Il riscatto del significante, in La nuova scrittura, cat. mostra, Bologna, Gall. 2000, 1975.
  • La Neoavanguardia italiana. Dalla nascita del «Verri» alla fine di «Quindici», Bologna, Il Mulino, 1995.
  • Tra presenza e assenza, Milano, Bompiani, 1974.
  • Parlare e scrivere, Macerata, La Nuova Foglio Editrice, 1977.
  • Viaggio al termine della parola. La ricerca intraverbale, Milano, Feltrinelli, 1981.
  • Poesia visiva, poesia sonora, nuova scrittura, in «Tracce», 7, 1984.
  • L'arte contemporanea. Da Cezanne alle ultime tendenze, Milano, Feltrinelli, 1984.
  • Informale, Oggetto, Comportamento, vol.2, Milano, 1988..
  • Pop art e oggetto: artisti italiani degli anni sessanta, Milano, 1996.
  • R. BARILLI, A. DEL GUERCIO, F. MENNA, Arte in Italia dal 1960-1977, cat. mostra, Galleria Civica d'Arte Moderna, Torino, 1977.
  • R. BARILLI, E. FRANCALANCI, B. REALE, Tavola rotonda sulla poesia visiva, in «Nac», 1, 1972.
  • R.BARTHES, Il grado zero della scrittura, Milano, Lerici, 1960.
  • Elementi di semiologia, Torino, Einaudi, 1966.
  • L'impero dei segni, Torino, Einaudi, 1970.
  • Mythologies, trad. It. Miti d'oggi, Torino, Einaudi, 2005.
  • E. BATTISTI, U.CARREGA, Poesia oltre la scrittura, in «Il Bimestre»,18-19, 1972.
  • G. BELLORA (a cura di), Segno e poesi, cat.mostra, Milano, Centro Culturale D'Arte Bellora, Lecco, 1987.
  • G. BELLORA, F. MENNA, E. MIGLIORINI, Poesia visiva: Poesia tecnologica1,cat.mostra, Studio Santandrea, Milano, 1977.
  • G. BELLORA, P.FAVARI, V.FAGONE, Poesia visiva: il gesto poetico 4, cat. mostra, Studio Santandrea, Milano, 1977.
  • G.BELLORA, P. FAVARI, V. FAGONE, Poesia visiva: verso un concetto globale 5, cat. mostra, Studio Santandrea, Milano, 1977.
  • W. BENJAMIN, L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, Torino, 1966.
  • M. BENTIVOGLIO, Materializzazione del Linguaggio, Biennale di Venezia, 1978.
  • Parola Immagine Oggetto, Istituto Italiano di Cultura di Tokio, Ed. Shimizu, 1976
  • A. BENEDETTI, Intellettuali di Firenze, in «La Stampa», Torino, febbraio 1965.
  • BERENICE, Gruppo 70, in «Paese Sera/ Libri», Roma, 26 giugno 1964.
  • G. BERINGHELLI, In modo polemico dal rotocalco un modo nuovo di fare poesia, in «Il Lavoro Nuovo», 22 ottobre 1965.
  • L. BERIO, S.BUSSOTTI, J.CAGE, Musica Visiva, Firenze, 1987.
  • L. BERNARDI, Arte cronaca 1971/73 a Vinci, in «Nac», 6-7, 1976.
  • G. BERTINI, SARENCO, Poesia visiva e conceptual art: un plagio ben organizzato, in «Lotta Poetica»,1-2-3, 1971.
  • V. BIGGINI, Notizie del Gruppo 70, in «Paese Sera/Libri», Roma, 7 agosto 1964.
  • J. BLAINE, L'erotisme dans la poésie materielle, in «Approche», 2, 1966.
  • G. BLEUS, 1899 GeZeLLe 1999, Poesia Visiva, De Hallen, CD-ROM, Belford, Bruges, 1999.
  • B. BLISTÈNE (a cura di), Poésure et Peintrie,“ d’un art, l’autre”, cat. mostra, Centre de la Vieille Charité, Marseille-Paris, 1993.
  • A. BONITO OLIVA, La poesia visiva, Galleria Tunnel, Roma, 1966.
  • La poesia visiva, in «Avanti!», 21/03/1968.
  • L'alternativa tecnologica, in «Letteratura/Dopotutto», 82-83, 1966.
  • Un esempio di antologia critica della poesia visiva, in «Il Cittadino», maggio 1968.
  • Poesia visiva, in «Press Sud», ottobre 1968.
  • (a cura di), La parola totale, una tradizione futurista 1909-1986, cat.mostra, Gall. Fonte d'Abisso, Modena, 1986.
  • J. F. BORY, Once again, New Direction Press, New York, 1968.
  • G. BONURA, Per una teoria della poesia visiva, in Tecniche dell'inganno, Guaraldi, Firenze, 1974.
  • B. BOWLER, The word as image, Studio Vista, London, 1967.
  • V. BRUNI, Correnti Alternate, un itinerario dal ’47 al ’68, Firenze, 1998.
  • A. BUENO, Homo technologicus, in«Linea Sud», 2, 1965.
  • J. BURGOS-E. SANGUINETI, Per una critica dell'avanguardia poetica in Italia e in Francia, Torino, Bollati Boringhieri, 1995.
  • P. A. BUTTITA, La neoavanguardia, in «Almanacco Bompiani», Milano, 1968.
  • O. CALABRESE, Parola, immagine, ideologia, scienza dei segni: alla ricerca del codice della poesia visiva, in «Es», n. 3, 1977.
  • I. CALVINO, Una pietra sopra. Discorsi di letteratura e società, Milano, Mondadori, 2002
  • O. CALABRESE, La parola estende i confini dell'arte, in «L’Unità», 26 novembre, 1981.
  • Parola, immagine, ideologia, scienza dei segni: alla ricerca del codice della poesia visiva, in «Es», 3, 1977.
  • O. CALABRESE-L. PIGNOTTI, Il supernulla. Ideologia e linguaggio della pubblicità, Firenze, Guaraldi, 1974.
  • M. CALVESI, Le due avanguardie, Milano, Lerici, 1966.
  • F. CAMON, Lamberto Pignotti e Edoardo Sanguineti, in Il mestiere di poeta, Milano, Lerici, 1965.
  • R. CAPOZZI, La scrittura verbo-visiva, in «Quaderni di italianistica», University of Toronto, III, 2, 1982
  • U. CAPPELLETTI, Una mostra di poesia visiva a Firenze, in «Avanti!», Roma, 3 dicembre 1964.
  • D. CARA, Poesia concreta e visiva, in «Crisi della letteratura», marzo 1968.
  • U. CARREGA, Poesia visiva, parole da guardare, in «Notiziario dello Studio Marconi», 1966-76: dieci anni in Italia, ottobre, 1976.
  • F. CAROLI – L. CARAMEL, Testuale. Le parole e le immagini, cat. mostra, Milano, Mazzotta, 1979.
  • L. CARUSO, A proposito della poesia visiva, in «Corriere dell’Adda», 09/11/1968.
  • Il gesto poetico, in Uomini e idee, Napoli, 1968.
  • Continuum, Contributi per una storia dei gruppi culturali in Italia, 1966-1976, Napoli, 1983.
  • L. CARUSO, Il colpo di glottide. La poesia come fisicità e materia, Firenze, Vallecchi, 1980.
  • L. CARUSO, S. M. MARTINI, Tavole parolibere futuriste (1912-1944), 2 vol., Napoli, 1977.
  • Scrittura visuale in Italia 1912-1972, in «Nac», 11, 1973.
  • L. CENTI, (a cura di), Libro-opera. Aspetti della sperimentazione a Firenze 1970-1976, cat. mostra, Biblioteca Thouar, Firenze, 1976.
  • L. CERCHI, La situazione poetica 1958/1968, Ed. del Naviglio, Milano, 1970
  • C. CERRITELLI (a cura di), Musica e no, cat. mostra, Siena Santa Maria della Scala, Certaldo (Firenze), 1998.
  • M. CLAURA, Y. LAMBERT, Libri e dischi d'artista, in AA.VV., Contemporanea, cat. mostra, Parcheggio Villa Borghese, Roma, 1973.
  • C. CIONI (a cura di), Inserto arti visive in Toscana, in «NAC», III, n.1, gennaio, 1973.
  • N. COCCIA, La poesia visiva, una merce respinta al mittente, in «Avanti!», 14 aprile 1967.
  • M. CONTI – L. PIGNOTTI, Il nuovo in poesia, in «Zeta», 9, 1986.
  • M.CORGNATI, Autoredonna, cat. mostra, Castello Pasquini, Castiglioncello (Li), Firenze, 1998.
  • M. CORTI, Metodi e fantasmi, Milano, Feltrinelli, 1969.
  • Principi della comunicazione letteraria, Milano, Bompiani, 1976.
  • Il viaggio testuale, Torino, Einaudi, 1978.
  • E. CRISPOLTI, Multimedialità ed extra-medialità, in La Pittura in Italia. Il Novecento, vol.3, Milano, 1991.
  • F. CURI, Ordine e disordine, Milano, Feltrinelli, 1965.
  • La «distruzione del modello lineare» e la letteratura d'avanguardia, in «Lingua e stile», 3, 1970.
  • Poetica del nuovo terrore, in «Il Verri», 32, 1970.
  • Metodo, storia, strutture, Torino, Paravia, 1971.
  • La forma, l'informe, il deforme, in «Lingua e Stile», 3, 1973.
  • Perdita d'aureola, Torino, Einaudi, 1977.
  • M. D'AMBROSIO, Una bibliografia critico-teorica per la poesia italiana d'avanguardia 1962/64, in «Rapporti», n. 4, 1974.
  • Dalla poesia “collage” alla poesia visiva, in «Annali della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli, vol. XVI, 1973/1974.
  • Poesia come semiosi logo-iconica, in «Es», n. 11, 1978.
  • Colage et poesia visiva: probléms de definition, lecture et analyse rhetorique, in «Revue d’estétique», 3-4, 1978.
  • (a cura di), Parola, immagine e scrittura, cat. mostra, Collegio Raffaello, Urbino, 1978.
  • Arte come scrittura, in XI Quadriennale di Roma, cat. mostra, Milano, Ed. Fabbri, 1986.
  • A. L. DE CASTRIS, La Neoavanguardia oggi, in «L’Unità», 29 giugno 1973.
  • E. DEBENEDETTI, J. NIGRO COVRE, Scrittura immagine. L'espressione verbo-visiva tra scrittura e pittura, Roma, 1992.
  • V. DEHÒ, 2001: l'immagine della parola, cat. mostra, Bologna, Gall. L'Ariete, Gall. De Foscherari, Studio Cavalieri, Otto Arte Contemporanea, Studio G7, Gall. Spazia, Sede Banca Popolare di Milano, Udine, 2000.
  • V.DEHÒ, A.VEZZOSI, Leonardo in Azione e Poesia, Leonardo in Action and Poetry, cat. mostra, Museo Ideale Leonardo da Vinci, Vinci (Firenze), 2000.
  • V. DEHÒ, D. GIUGLIANO, Belle lettere, Udine, 1995.
  • D. DELAS – J. FILLIOLIET, Linquistique et poétique, Paris, Larousse, 1973.
  • G. DELLA VOLPE, Critica all'idelogia contemporanea, Roma, 1967.
  • L. DEMATTEIS, G. MAFFEI, Libri d'artista in Italia, 1960-1998, Torino, 1998.
  • K. P. DENCKER, Text-bilder, visuelle poesie international, Koln, 1972.
  • A. DE PALCHI, Visual Poetry. New Italian Writing, n. speciale di «Chelsea», 18-19, New York, 1966.
  • J. DE SANNA, Nouveax aspects de la poésie en Italie, in «Opus International», 40-41, 1973.
  • J. DERRIDA, L'écriture et la difference, trad. It. La scrittura e la differenza, Torino, Einaudi, 1971.
  • De la gammatologie, trad. It. Della grammatologia, Milano, Jaca Book, 1969.
  • F. DE SAUSSURE, Corso di linguistica generale (1916), Bari, Laterza, 1967.
  • P. DE VREE, Poezie in fusie, Edizioni Lier, Anversa, 1968.
  • La poesia visiva in Olanda e Belgio, in «Lotta Poetica», .20-21-22, 1973.
  • P. DE VREE, E. MICCINI, SARENCO, (a cura di), Archivio Denza della poesia visiva, cat. mostra, Studio Santandrea, Milano, 1972.
  • P. DE VREE, SARENCO, Nuovi aspetti della poesia visiva, in «De Tafelronde», XVI, 2-3, 1971.
  • Editoriale. Dichiariamo il 1972 l'anno della poesia visiva, in «Lotta Poetica», 8, 1972.
  • M DIACONO – E. VILLA, Ex, in «Ex», 3, 1965.
  • G. DI GENOVA, Centomila anni dopo Croce, in «Notiziario del Centro Culturale G. Morandi», 8, 1978.
  • T. DI SALVO, G. ZAGARRIO, La cultura delle regioni: la Toscana, Ed. La Nuova Italia, Firenze 1970
  • J. DONGUY, Une génération, Paris, 1985.
  • G. DORFLES, Nuovi riti e nuovi miti, Torino, Einaudi, 1965.
  • Poesia concreta, visuale, trovata, tecnologica, sperimentale, in «Modulo», 1, 1966.
  • Il divenire delle arti, Torino, Einaudi, 1967.
  • Poésie visuelle et arts plastiques litteraires en Italie, in «L’œil», 14-15, 1967.
  • Arte e comunicazione, in «La Battana», 2, 1973.
  • Ultime tendenze dell'arte oggi, Milano, Feltrinelli, 1973.
  • Il divenire della critica, Torino, Einaudi, 1976.
  • La poesia visiva (1963/1979), presentazione al catalogo della mostra in PalazzoVecchio, Vallecchi, Firenze, 1979
  • L'intervallo perduto, Torino, Einaudi, 1980.
  • G. DORFLES – V. FAGONE – F. MENNA et al., La poesia visiva (1963-1979), cat. mostra, Firenze, Vallecchi, 1979.
  • U. ECO, Per un'indagine sulla situazione culturale, in «Rinascita», 5 ottobre 1963.
  • Modelli descrittivi e interpretazione, in «Rinascita», 12 ottobre, 1963.
  • Opera aperta: forma e indeterminazione delle poetiche contemporanee, Milano, Bompiani, 1964
  • Apocalittici e integrati, Milano, Bompiani, 1965.
  • La struttura assente: introduzione alla ricerca semiologica, Milano, Bompiani, 1968.
  • Segno, Milano, Isedi, 1974.
  • Trattato di semiotica generale, Milano, Bompiani, 1975
  • R. ESPOSITO, Ideologie della Neoavanguardia, Napoli, Liquori, 1976.
  • V. FAGONE, E. MICCINI, La spirale dei nuovi strumenti – La nuova scrittura, nel catalogo della Biennale della Grafica di Palazzo Strozzi a Firenze, 1978.
  • V. FAGONE (a cura di), Raccolta italiana di Nuova Scrittura, Mercato del Sale, Milano, 1977.
  • Arte italiana 1960-1977 a Torino, in «Paese Sera», 19 giugno, 1977.
  • Gruppo 70. Il cinema d'artista in Francia e in Italia, in AA.VV., Cine qua non, cat. mostra, Cappelle di Santa Apollonia, Il Concertino di Palazzo Capponi, Firenze, 1979.
  • Nuova scrittura. Arte italiana degli anni ’70 nella Collezione della Banca Commerciale a Milano, cat.collezione, Torino, 1990.
  • P. FAVARI, Poesia visiva, Enciclopedia Universale, 146, Fabbri, Milano, 1975.
  • Oltre la parola, in «D’Ars», 70, XV, luglio 1974.
  • Ma tutto ebbe inizio con un colpo di dadi, in «La Repubblica», 11 agosto, 1976.
  • D. FILIPPI, Poesie e no, in «La Nazione», Firenze, 26 maggio 1964.
  • P. FINIZIO, Arte e tecnologia, in «Arte Oggi», Roma, 21 settembre 1964.
  • G. FONTANA e A. SPATOLA (a cura di), Oggi Poesia Domani, catalogo della rassegna internazionale di poesia visuale e fonetica, Fiuggi, 1979.
  • In forma di libro. I libri di Adriano Spatola [a cura di G. FONTANA], catalogo, Ed. Biblioteca Civica d’Arte Luigi Poletti, Modena, 2008;
  • S. FROSALI, Poesia all'altoparlante, in «La Nazione», Firenze, 31 maggio 1964.
  • Arte e tecnologia, in «La Nazione», Firenze, 30 giugno 1964.
  • M. FOUCAULT, Les mots et les choses, trd. It. Le parole e le cose: un'archeologia delle scienze sociali, Milano, BUR, 2004.
  • F. GAMBARO, Invito a conoscere la Neoavanguardia, Milano, Mursia, 1993.
  • P. GARNIER, Spatialisme et poésie concréte, Paris, Gallimard, 1968.
  • G. GEROLA, Storia delle riviste letterarie fiorentine del dopoguerra, in «Il Contemporaneo», 79, 1964.
  • E. GIANNI', Poiesis. Ricerca poetica in Italia, Ed. Istituto Statale d'Arte, Arezzo, 1986.
  • G. GIGLIOTTI, Arte e società: la posizione della poesia visiva, in «Terzocchio», XVII, 2, 1991.
  • A. GIULIANI, Immagini e maniere, Milano, Feltrinelli, 1964.
  • Ideogrammi e poesie-collage, in «Corriere della Sera», 24 marzo 1965.
  • Autunno del Novecento, Milano, Feltrinelli, 1984.
  • R. GORGONI, Ai poeti visivi la parola non basta più, in «Panorama», 104, giugno 1968.
  • M. GRILLANDI, L'arte tecnologica brucia l'avanguardia, in «La Fiera Letteraria», 5 dicembre 1965.
  • A. GUGLIELMI, Avanguardia e sperimentalismo, Milano, Feltrinelli, 1964.
  • R. GUGLIELMI, E. PAGLIARANI, Manuale di poesia sperimentale, Milano, 1966.
  • E. ISGRO', I poeti visivi riuniti a Trieste, in «Il Piccolo», 1967.
  • Uomini e donne, Bologna, 1965.
  • (a cura di), Proletarismo e dittatura della poesia, cat.mostra, Studio Santandrea, Milano, 1971.
  • G. JACOVELLI, Carattere e ragione della poesia visiva, in «Il Cittadino», 22 gennaio 1968.
  • R. JAKOBSON, Saggi di linguistica generale (1963), Milano, Feltrinelli, 1966.
  • R. JENTSCH, I libri d'artista italiani del Novecento, Torino, 1993.
  • K. KATUE', Visual Poetry, in «Vou», 114, 1968.
  • J. KRISTEVA, Materia e senso. Pratiche significanti e teoria del linguaggio (1968), Torino, Einaudi, 1980
  • La rivoluzione del linguaggio poetico (1974),Venezia, Marsilio, 1979.
  • U. LA PIETRA, G. MORPURGO (a cura di), Il tempo del Museo Venezia, cat. mostra, XXXIX Biennale di Venezia, Magazzini del Sale, Venezia, 1980.
  • K. LA ROCCA, Crisi dell'arte e poetica toscana, in «Letteratura/Dopotutto», 82-83, 1966.
  • Processo ad un cartellone pubblicitario: Scoperta una poesia visiva, “Letteratura”, n.88-90, Roma, 1967.
  • F. LEONETTI, Pignotti e nuove cose, in «Paragone», 124, 1960.
  • Un'analisi semantica: Sanguineti, in «Paragone», 130, 1960.
  • C. LEVI-STRAUSS, Il pensiero selvaggio, Milano, Club degli Editori, 1964.
  • Antropologia strutturale, Milano, Il Saggiatore, 1966.
  • G. LISTA, Poesia Visiva, in «NAC»,11, 1972.
  • N. LORENZINI, Il presente della poesia: 1960-1990, Bologna, Il Mulino, 1992.
  • R. LUBICH, Arte d'avanguardia e mass media: la poesia visiva, Firenze, Techne, 1977.
  • S. LUCCHESI, Il cinema d'artista in Toscana 1964-1980, Prato, Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, 2004.
  • G. LUTI - C. VERBARO, Dal Neorealismo alla Neoavanguardia, Firenze, Le Lettere, 1995.
  • G. LUTI – P. ROSSI, Le idee e le lettere, Milano, Longanesi, 1976.
  • O. MACRÍ, Realtà e simbolo, Firenze, Vallecchi, 1968.
  • M. MACHIEDO, Orientamenti ideologici-estetici nella poesia italiana del dopoguerra (1945-1970), Zagreb, Filozofski Facultet, 1973.
  • G. MAFFEI - P. PETERLINI, Riviste d'arte d'avanguardia. Gli anni Sessanta e Settanta in Italia, Ed. Sylvestre Bonnard, Milano 2005
  • F. MANESCALCHI, Antologia di poesia visiva, in «Quartiere», 1966.
  • L'area fiorentina della quarta generazione, in «Quartiere», 1967.
  • Poesia e Firenze, in «Quartiere», Firenze, 1966
  • D. MARAINI, Il festival di Palermo, in «Il Mondo», 5 novembre 1963.
  • L. MARCUCCI, Poesie visive-manifesto, in «La Battana», 3, marzo, Rijeka (Fiume), 1965.
  • Appunti per una poetica, in «Nuova Presenza», VIII, 19-20, 1965.
  • Poesie visive-manifesto, in «La Battana», 3, 1965.
  • Aggiornamento tecnologico, in «Dopotutto» estr. da «Letteratura», 82-83, 1966.
  • Materiali di lettura da verificare, in «Uomini e idee», 3-4, 1966.
  • Per una nuova grammatica del linguaggio filmico, in «Dopotutto», estr. da «Letteratura», 88 90, 1967.
  • Il diritto di essere poeti, in «La Battana», 18, 1969.
  • La “cinepoesia” e le tecniche del montaggio non lineare, in «Lotta Poetica», 11-14, 1971.
  • Poesia visiva, prefazione a Poesia visiva, Ed. Techne, Firenze, 1972.
  • La posizione dell'operatore di poesia visiva nella lotta di classe e nella guerriglia in Poesia e/o poesia. Situazione della poesia contemporanea,(supplemento a «Lotta Poetica»), Ed. SARMIC, 1972
  • Situazione della nuova poesia in Italia, in «Lotta Poetica», 11, 1972.
  • Poesia politica, in «Techne», 11-13, 1974.
  • Il guerrigliero androgino. La donna, l'opera, la poesia visiva, in Donne e scrittura, a cura di D. Corona, Palermo, 1990.
  • Sull'opera, in Miscellanea, cat. mostra, a cura di Lucia Marcucci, Firenze, Centro D'arte Spaziotempo, 1993.
  • H. MARCUSE, Critica della società repressiva, Milano, 1968.
  • R. MARGONARI, La poesia visiva, in «Il Portico», 6, 1966.
  • P. MARINO, Poesia visiva: ma cos'è?, in «La Gazzetta del Mezzogiorno», 9 febbraio 1968.
  • S. M. MARTINI, Poiorama, in «Linea Sud», A II, 2, aprile 1965.
  • E. MASCELLONI (a cura di), Poesia visiva e dintorni. L'ultima avanguardia, cat. mostra, Ex-Chiostri di San Domenico, Spoleto (Perugia),Verona, 1995.
  • E. MASCELLONI, SARENCO (a cura di), Poesia Totale, 1897-1997: dal colpo di dadi alla poesia visuale, 2 vol., cat. mostra, Mantova, Palazzo della Ragione,Verona, 1998.
  • F. MASINI, Il Gruppo 70 a Firenze, in «L’Unità», Roma, 5 luglio 1964.
  • L.V. MASINI, Ipotesi linguistiche intersoggettive, cat. mostra, Libreria Feltrinelli, Firenze, 1966.
  • I fiori non colti, “NAC”, 16, 1969.
  • Actualité artistique à Florence, in Atelier Italien, «Silex», 1, 1978.
  • P. MASNATA, Poesia Visiva. Storia e teoria, Presentazione di Mario Verdone, Roma, Bulzoni, 1984.
  • M. MC LUHAN, La comunicazione di massa, Firenze, 1966.
  • Gli strumenti del comunicare, Milano, 1967.
  • P. V. MENGALDO, Aspetti e tendenze della lingua poetica italiana del Novecento, in «Cultura e Scuola», 1970
  • La poesia italiana del Novecento secondo Sanguineti, in «Strumenti Critici», 14, 1971.
  • F. MENNA, Poeti-pittori alla Libreria Guida, in «Il Mattino», 14 marzo 1965.
  • Ancora sulla poesia visiva, in «Letteratura», n. 94/96, De Luca, Roma, 1968.
  • Neoavanguardia tecnologica, in «Paese Sera», 11/08/1972.
  • La linea analitica dell'arte moderna, Torino, Einaudi, 1975.
  • Poesia visiva, due strumenti per lanciare un messaggio, in «L’Unità», 19/05/1976.
  • L'arte come scrittura, in«Paese Sera», 16, 1978.
  • E. MESTROVICH, La poesia è morta, viva la poesia visiva, in «La voce del popolo», Fiume, 15/05/1965.
  • E. MICCINI, Arte e tecnologia, “La Battana”, 1, 1964.
  • Luna Park, in «Marcatre», 26-29, 1966.
  • Poesie in atto, in «Nuova Corrente», 45, 1968.
  • Arte come provocazione, in «La Battana», 18, 1969.
  • (a cura di), “Tèchne”, senza numero, dicembre, Firenze, 1969-1970.
  • Archivio di poesia visiva italiana, Firenze, 1970.
  • La poesia visiva e il presente futuro, in «Arte e poesia», 11-14, 1971
  • Poesia visiva, poesia politica, poesia pubblica, Firenze, Techne, 1972.
  • Poesia visiva, in «Iterarte», 6, II, 1975.
  • Arte e tecnologia, in «La Battana», 1, 1973.
  • (a cura di), Poesia visiva - Firenze estate, cat. mostra, Scuola di Sorgane, Firenze, 1976.
  • Poesia e no,1963-1984, Udine, 1985.
  • Poesia visiva e dintorni, Firenze, 1995.
  • E. MICCINI, SARENCO, La poesia degli anni ’70, Galleria Tèchne, Firenze, 1969.
  • E.MICCINI, L.PIGNOTTI (a cura di), Inchiesta sull’avanguardia, “Dopotutto” n 3 estr. da “Letteratura” n. 73, Roma, 1966.
  • N. MICIELI, Poesia Visiva. Voci e anticorpi in una collezione privata, cat.mostra,Villa Pacchiani Centro Attività Espressive, Santa Croce sull'Arno (Pisa), 1999.
  • F. MILLAN – J. G. SACHEZ, La ecritura en libertad. Antologia de poesia experimental, Madrid, Alianza Editorial, 1975, «Modulo», I, marzo 1966 (a cura di Lora Totino).
  • M. MININNI, Arte in scena. La performance in Italia 1965-1980, Ravenna, 1995.
  • A. MORAVIA, Lo scrittore prefabbricato, in «L’Espresso», 20 ottobre 1963
  • Metavanguardia e manierismo, in «Nuovi Argomenti», 6, 1967.
  • Illeggibilità e potere, in «Nuovi Argomenti», 7-8, 1967.
  • F. MORI, M. BINI (a cura di), Firenze/ricerca arti visive. Documenti dal dopoguerra ad oggi, Studio d'Arte il Moro, Firenze, 1985.
  • G. MORROCCHI, Scrittura visuale. Ricerche ed esperienze nelle avanguardie letterarie, Messina-Firenze, D'Anna, 1978.
  • E. MUCCI, Arte, comunicazione e ideologia, in «Factotum Art», 1, 1977.
  • Semiotic and Visual Poetry, in A Semiotic Landscape, Proceeding of the international Association for semiotic students, The Hauges, Mounton, 1979.
  • Eugenio Miccini. La manipolazione dei segni, cat. mostra, Castello di Portofino, 1980.
  • E. MUCCI, E. MIGLIORINI, E. PACI, Poesia visiva internazionale, cat. mostra, Studio Firenze, Firenze, 1974.
  • I. MUSSA, (a cura di) La scrittura, cat. mostra, Galleria Seconda Scala, Roma, Studio Santandrea, Milano, Galleria Unimedia, Genova, Roma, 1976.
  • F. MUZZIOLI, Teoria e critica della letteratura nelle avanguardie italiane degli anni Sessanta, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1982.
  • L. NANNI, Gruppo 70: operazione ‘200, in «Il Tarocco», II, 2, 1966.
  • Gruppo '70, in «Il Tarocco», Bologna, 02/04/1965.
  • G. NONVEILLER, Arte/iconografia politica, in «NAC», n.1, 1973.
  • L. ORI, Io c'era, Firenze, 1967.
  • (a cura di), La poesia visiva, 1963-1979, cat. mostra, Sala d'Arme Palazzo Vecchio, Firenze, 1978.
  • C. PADÌN, Numero monografico dedicato alla Poesia Visiva, «Ovum 10», n. 3, giugno, 1970.
  • T. PALOSCIA, La poesia visiva ha sedici anni, in «La Nazione», 2 gennaio, 1980.
  • Accadde in Toscana. L'arte visiva dal 1941 ai primi anni ’70, Firenze, 1997.
  • C, PARMIGIANI, Parole sui muri (3), Edizioni Geiger, Torino, 1968.
  • P. P. PASOLINI, Passione ideologia, Milano, Garzanti, 1994.
  • B. PENTO, Volenterosa presenza di Pignotti, in «Letteratura», 72, 1964.
  • Le riviste delle nuove avanguardie poetiche, in «Cultura e Scuola», 16, 1965.
  • M. PERFETTI, La poesia visiva, in «Corriere del Giorno», Taranto, 17/12/1967.
  • P. PETERLINI, Sarenco: le riviste, la lotta. Storia di un esploratore dell'avanguardia, Ed. Nomadnomad, Verona, 2006
  • …000+1. Poesie tecnologico-visive, Taranto, 1967.
  • Anarchismo contestazione e avanguardia culturale, in «Corriere del Giorno», 17/10/1968.
  • Cultura viva a Firenze, in «Corriere del Giorno», 17 dicembre 1968.
  • Aspectos de la poetica tecnologica, in «Ovum 10», n. 1, dicembre, 1969.
  • La poesia degli anni 70, in «Corriere del giorno», 27 ottobre 1970.
  • Poesia è violenza, in «Corriere del Giorno», settembre, 1971.
  • (a cura di), Poesia visiva internazionale 74, cat. mostra, Galleria Il Canale, Venezia, 1974.
  • Poesia visiva internazionale alla Galleria Il Canale di Venezia, in «Prospetti», .35-36, 1974.
  • La VI Biennale Internazionale della grafica d'arte a Firenze, in «Corriere del Giorno», 6 gennaio, 1978.
  • F. PIEMONTESE, La poesia visiva, in «II Contemporaneo», 12, 1965.
  • Esperimenti d'avanguardia e ultimi modelli di poesia, in «Paese sera», 07/07/1968.
  • Antologia di nuova poesia, “Paese Sera”, 16 maggio, 1969.
  • Poesia sonora, fisica e materiale a Firenze, in «Paese Sera», 6 aprile, 1980.
  • L. PIGNOTTI, La Poesia Tecnologica, in «Questo e altro», 2, 1962.
  • Poesie visive, Antologia in 4 voll., Sampietro, Bologna, 1965.
  • Novità sull'arte: la poesia visiva, in «Rivista Italsider», 6, 1965.
  • Linguaggio poetico e linguaggi tecnologici, in «La Battana», II, 5, 1965.
  • Poesia visiva, antologia della poesia visiva, coll. Il Dissenso, Bologna, 1965.
  • (a cura di) Poesia della poesia, Bologna, Sampietro, 1965.
  • La suggestione di Gordon Flash, “Marcatre”, n. 11-13, 1965.
  • L'avanguardia letteraria oggi, in «La Nazione», 26-27 agosto e 1-4-9-16 settembre, 1965.
  • Un centrosinistra culturale con l'esclusione della neoavanguardia, in «Rinascita», 16, 1965.
  • Una forma di lotta, Milano, Mondadori, 1967.
  • Novità nell'arte: la poesia visiva, “Rivista Italsider” n.6, 1966.
  • (a cura di) Antologia di poesia visiva, in «Il Portico», 7, 1966.
  • Formazione del messaggio e letteratura della poesia visiva, in «Linea Struttura», .1-2, 1967.
  • Istruzioni degli ultimi modelli di poesia, Roma, Lerici, 1968.
  • Preistoria contemporanea, in«La Battana», 16-17, 1968.
  • La poesia nella società di massa: il “neovolgare”, la “superavanguardia” e la “poesia visiva”, in «Arte e Poesia», 11-14, 1971.
  • Fra parola e immagine, Padova, Ed. Marsilio, 1972.
  • Nuovi segni, con il contributo di Egidio Mucci, Padova, Marsilio, 1973.
  • Il secondo Gruppo 70, in «NAC», 1, 1973.
  • Il Supernulla. Ideologia e linguaggio della pubblicità, Firenze, Guaraldi, 1974.
  • Il neo-ideogramma. Dalla pubblicità alla poesia, in «Iconografia», 1, febbraio 1975.
  • Sine aesthetica sinestetica, Venezia, Marsilio, 1975.
  • Poesia visiva, in «Produzione e Cultura» , ottobre, 1975.
  • La civiltà del neo-ideogramma, in «Es», 6, 1977.
  • Le avanguardie espropriate, in «D’Ars», 83-84-85-86, 1977.
  • La poesia visiva da Firenze e Pechino, bloccando il traffico sull'autostrada del Sole, in «Terzocchio»,9, 1977.
  • Biografia: verso una comunicazione verbo-visiva, Firenze, Ediprint, 1978.
  • Il nuovo in poesia, in «Zeta», 9, 1986.
  • Figure scritture su certi segni delle arti e dei mass-media, Udine, 1987.
  • Sine aestetica, sinestetica: poesia visiva e poesia plurisensoriale, Roma, Empiria, 1990.
  • I sensi delle arti, sinestesie e interazioni estetiche, Bari, 1993.
  • L. PIGNOTTI-S.STEFANELLI, La scrittura verbo-visiva, Roma, L'Espresso, 1980.
  • L. PIGNOTTI, E. MUCCI, R. CARLA, Marchio e Femmina, La donna inventata dalla pubblicità, Firenze, 1978.
  • S. PINTO, Nuovi termini per il linguaggio artistico, cat. mostra, Galleria D'arte Moderna, Firenze, 1971.
  • G. POZZI, La parola dipinta, Milano, 1981.
  • A.C. QUINTAVALLE, Arte Italiana 1960-80 (cat.collezione), Coll. Banca Commerciale Italiana New York, Torino, 1984.
  • P. RAY, Moderni Italska Poesie, Cekoslovensky, Spisovatel, 1967.
  • S. RAMAT, Idillio e tecnologia, in «La Nazione», Firenze, 14 luglio 1964
  • B. REALE, Rassegna di poesia. Nuove tecniche poetiche. In «Sette Giorni», 5, 1967.
  • R. RICCHI, Arte e tecnologia, in «Avanti!», Roma, 3 luglio 1964.
  • A. ROMANO', Poesia tecnologica, in «La Fiera letteraria», Roma, 1 novembre 1964.
  • A. ROSSI – R. APICELLA, Michele perfetti, Roma, Carocci, 1975.
  • A ROSSI – M. T. BALBONI, Ugo Carrega, Roma, Carocci, 1976.
  • A ROSSI – G. DORFLES, Lamberto Pignotti, Roma, Carocci, 1976.
  • C. RUSSELL, Word and image, in «Paris Rewiew», vol 21, 75, 1979.
  • The avantgarde today. An international anthology, Urbana, Chicago, London, 1981.
  • L.SACCÀ, La poesia come immagine e come segno. Firenze: storia di una rivoluzione colta, 1961-1980, cat.mostra, Monsummano Terme (Pistoia), Villa Renatico Martini, Pisa, 2000.
  • Poesia Visiva, in Continuità: arte in Toscana 1945-2000, Regesto Generale, Pontedera, 2002.
  • R. M. SACKNER, Archive of concrete and visual poetry, Miami, 1985.
  • E. SANGUINETI, Antonio Bueno, Milano, 1975.
  • Ideologia e linguaggio, Milano, Feltrinelli, 19651, 2001.
  • SARENCO, La poesia visiva in Italia, cat. mostra, Galleria S. Chiara, Brescia, 1970.
  • Programma per una futura avanguardia/La poesia degli anni ’70, cat. mostra, Museo del Castello, Brescia, 1970.
  • Avanguardia artistica e avanguardia rivoluzionaria, in «Lotta Poetica», 2, 1971.
  • (a cura di), La poesia visiva in Italia. Collezione Archivio Denza, cat. mostra, Dilanino sul Garda, Villanova sul Clisi, Brescia, 1971.
  • (a cura di), Poesia e prosa delle avanguardie, Esperienza di una rivista; Lotta Poetica 1971-1975, cat.mostra, Verona Museo di Castelvecchio, Brescia, 1978.
  • (a cura di), Logomotives, cat. mostra, Genova, Galleria Unimedia, Napoli, Studio Morra, Roma, Galleria La Scala, Illasi (Verona), 1983.
  • E. SICILIANO, Prima della poesia, Firenze, Vallecchi, 1965.
  • G. SCOTTI, La poesia visiva e le avanguardie, in «La Voce del Popolo», Fiume, 1966.
  • E. SOLONOVIC, Italianskaja Lirica XX Bek, Progress, Mosca, 1968.
  • F. SOSSI, Arte e tecnologica, in «Corriere del Giorno», Taranto, 28/06/1967.
  • A.SPATOLA, Gruppo '70 apocalittico e integrato, in «Malebolge», n. 2, 1966.
  • Avanguardia in Italia, in «La Battana», n. 16/17, Fiume, 1968.
  • Antologia sperimentale, in «Geiger», 2, 1968.
  • (a cura di), La forma della scrittura, cat. mostra, Galleria d'Arte Moderna, Bologna, 1977.
  • Verso la poesia totale, Paravia, Torino, 1979.
  • A.SPATOLA, P.VANGELISTI, Italian Poetry, 1960-1980: from Neo to Post Avant-gard,cat. mostra, Invisible City, San Francisco, Los Angeles, 1982.
  • L. STEGAGNO PICCHIO, Crisi del linguaggio e avanguardie letterarie in Brasile, in «Paragone-Letteratura», 190, 1965.
  • A. TAGLIAFERRI, La nuova poesia italiana e la tradizione dell'avanguardia, in «Il Verri», XLII, 2-3, 1997, pp. 73–88.
  • S. STEFANELLI, Per una storia del Gruppo 70. Primo tempo: 1963-1965, in «Es», n. 6, gennaio-aprile, Napoli, 1977.
  • A. TODISCO, Le buone lingue di Firenze. Poesia con un linguaggio tecnologico, in «Corriere della Sera», Milano, 9 febbraio 1964; L'arte letteraria è finita?, in «Corriere della Sera», Milano, 8 marzo 1964; Poesia fatta a macchina e ispirazione a transistor, in «Corriere della Sera», Milano, 21 marzo 1964;I detersivi ci insegnano come si lancia una poesia, in «Corriere della Sera», Milano, 30 giugno 1964.
  • G. TOTI, La catena di montaggio per i poeti, in «Il Paese», Roma, 4 gennaio 1963.
  • E i benpensanti esplosero. Le fotopoesie irritarono i benpensanti, in «Vie Nuove», 46, 1964.
  • S. TURCONI, Vizuelna poezija I Italij, in «Polet», 5, 1967.
  • S. TURIONI, Poesia visiva 1962/1970, in «La Battana», n. 25, Fiume, 1975.
  • F. VACCARONE, La prima mostra di poesia visiva, in «L’Unità», 24 novembre 1965.
  • L. VERGINE, Gli anni ’60 – ’70. Poesia visiva e concreta, in «Nac», 1973.
  • Poesia visiva e concreta, in «NAC», 5, 1973.
  • Dall'informale alla body art. dieci voci dell'arte contemporanea 1960/1970, Torino, Studio Forma, 1976.
  • L'Arte in trincea. Lessico delle tendenze artistiche 1960-1990, Milano, 1996.
  • L. VETRI, Letteratura e caos. Poetiche della «neo-avanguardia» italiana degli anni Sessanta, Milano, Mursia, 1992.
  • C. VITIELLO, Teoria e tecnica dell'avanguardia, Milano, Mursia, 1984.
  • ZAGARRIO, Struttura e impegno: la poesia, in «Quartiere», 23-24, 1965.
  • Laboratorio, Ed. Sansoni, Firenze, 1977.
  • G. ZANCHETTI (a cura di), Text-Image. Ricerche visuali italiane e internazionali dalla Collezione dell'Archivio di Nuova Scrittura, cat.mostra,Musée des Beaux-Arts, La Chaux-de-Fonds, Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Bolzano, Museo d'Arte Moderna, Milano, 1999.
  • F. ZOCCOLI, La donna e il linguaggio, in «Segno», 9, 1978.
  • Antonino RUSSO, dalla poesia visiva all'Inipoesia, Edizioni ISSPE, Palermo, 2013

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]