Poesia religiosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La poesia religiosa è un tipo di poesia tipica della religione cristiana nel periodo dell'XI secolo, ossia quando si afferma la lirica italiana. Si sviluppa nell'Italia centrale, scritta infatti in volgare umbro. Il componimento tipico è la lauda: ovvero una metrica semplice e schematica caratterizzata da elementi ripetuti e ritornelli.

Caratteristico di questo tipo di poesia è l'espressione della fede e/o l'insegnamento di precetti fondamentali di essa, in ogni caso destinata ad un pubblico vasto.

La poesia religiosa è considerata la prima forma di letteratura italiana e sarà destinata a diventare la prima forma di teatro definita da dialoghi presenti anche nel componimento poetico.

Di questo movimento i massimi esponenti sono Francesco d'Assisi (1182 - 1226), Iacopone da Todi (1236 - 1306), entrambi di origine umbra, e il loro epigono Bianco da Siena (1350 circa - 1399).

Il primissimo esempio di poesia religiosa cristiana può essere considerato l'Anonymi carmen De laudibus Domini, componimento in 148 esametri risalente alle origini del Cristianesimo e precedente all'apologetica latina.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]