Podemos (Spagna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Podemos
Logo di Podemos.
Segretario Pablo Iglesias Turrión
Stato Spagna Spagna
Fondazione 17 gennaio 2014
Sede c/ Zurita 21
Madrid
Ideologia Alter-globalizzazione,[1]
Democrazia diretta,[1][2]
Socialismo democratico,[1]
Populismo,[3][2]
Euroscetticismo,[2]
Repubblicanesimo[4]
Collocazione Sinistra, Sinistra radicale[5][6][7][8]
Partito europeo nessuno
Gruppo parlamentare europeo Sinistra Unitaria Europea - Sinistra Verde Nordica
Affiliazione internazionale nessuna
Seggi Congresso
0 / 350
Seggi Senato
0 / 266
Seggi Europarlamento
5 / 54
 (2014)
Iscritti 277 740[9]
Sito web podemos.info

Podemos (in italiano: possiamo) è un partito politico spagnolo, fondato nel 2014 da attivisti di sinistra legati al Movimiento 15-M.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Podemos è stato fondato il 17 gennaio 2014 da alcuni attivisti di sinistra legati al Movimiento 15-M (noto anche come il movimento degli indignados).

Si è presentato quindi per la prima volta alle elezioni europee del 2014, ottenendo a sorpresa l'8% dei voti (quarto partito spagnolo) ed eleggendo cinque eurodeputati.[10]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Podemos, nato dalle proteste degli indignados, si propone come un partito contro la "casta", i privilegi della classe politica, e la corruzione.[10]

Tra le sue proposte ci sono il controllo pubblico delle banche,[10] l'introduzione di una Tobin tax sulle transazioni finanziarie,[10][11] l'inasprimento delle pene per i reati fiscali,[10][11] un tetto massimo alle rate dei mutui,[10] un referendum obbligatorio su tutti i temi importanti,[11] e l'introduzione del reddito di cittadinanza.[11]

Dopo le elezioni europee del 2014 ha deciso di aderire al gruppo parlamentare della Sinistra Unitaria Europea - Sinistra Verde Nordica.[11]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Risultati per regione
Voti % Seggi
Europee 2014 1 245 948 8,0 5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Wolfram Nordsieck, Spain in Parties and Elections in Europe, 2015. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  2. ^ a b c Oier Lobera Ezenarro, Late, but finally here: Anti-Euro left-wing populism rising in Spain, Brussels, Institute of European Democrats, 2014.
  3. ^ Hugo Dixon, Populists Challenge European Political Order in New York Times, 23 novembre 2014.
  4. ^ Juan Carlos makes ultimate sacrifice to save Spain’s monarchy - Financial Times; Extract: "Meanwhile, two of the biggest election winners – the United Left and newly-formed Podemos – are openly republican"
  5. ^ David Roman, Far-Left Party Podemos Surges to Lead in Spanish Opinion Polls in Wall Street Journal, 5 novembre 2014.
    «A populist, far-left party...».
  6. ^ Mike Bird, A New Far-Left Party That's Taking Spain By Storm Could Throw Europe Into Turmoil, Business Insider, 3 novembre 2014. URL consultato il 18 dicembre 2014.
    «... another far-left party has taken a polling lead in Europe. This time, it is Spain's Podemos ...».
  7. ^ Iglesias to head Spain's leftist Podemos party, The Local, 16 novembre 2014. URL consultato il 18 dicembre 2014.
    «Podemos, a fast-growing Spanish far-left party ...».
  8. ^ Pablo Iglesias elected to head Spain's leftist Podemos party, Agence France-Presse, 15 novembre 2014. URL consultato il 18 dicembre 2014.
    «... Podemos, a fast-growing Spanish far-left party set up in January ...».
  9. ^ Participa - Podemos.info
  10. ^ a b c d e f Marco Todarello, Europee 2014, in Spagna Podemos conquista gli anti-Casta, Lettera43, 26 maggio 2014. URL consultato il 30 maggio 2014.
  11. ^ a b c d e Andrea Lupi e Pierluigi Morena, Europee 2014: la Spagna di ‘Podemos’, Il Fatto Quotidiano, 27 maggio 2014. URL consultato il 30 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]