Pneumatomachia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Corrente di pensiero teologica del primo Cristianesimo d'Oriente del IV secolo e poi ritenuta eretica, che trattava del mistero della Trinità, in particolar modo della subordinazione dello Spirito Santo rispetto al Padre e al Figlio

Il nome deriva dal greco, e vuol dire letteralmente la lotta dello spirito.

Il concetto di pneuma, e cioè soffio, respiro, mutò infatti, nel suo profondo significato descrittivo filosofico, da significato di semplice anima-soffio individuale o respiro/soffio divino-pneuma, a vero e proprio pneumata, e cioè ad indicare una precisa entità metafisica indipendente ed ultraterrena (ad esempio come gli angeli e i demoni).

La pneumatomachia non è da confondersi con la pneumatologia, scienza filosofica che invece tratta in generale delle cose spirituali, ed in particolar modo ripresa dal Cristianesimo, come una branca teologica che studia lo Spirito Santo.

La pneumatomachia riteneva che lo Spirito Santo non fosse la terza persona della Santissima Trinità, quindi non di pari dignità e divinità del Padre e del Figlio. Per gli pneumatomachi, lo Spirito Santo era una creatura di Dio, superiore sì agli angeli, ma non consustanziale a Dio, quindi subordinato al Padre e al Figlio. Venne indicata anche con il nome di Macedonianismo, in quanto Macedonio di Costantinopoli, vescovo morto attorno al 360, ne fu uno dei primi divulgatori, pur provenendo da un pensiero cristologico ariano.

La pneumatomachia fu ritenuta eretica sia dai cristiani di Oriente, sia dai cristiani Occidente, a partire dal Primo Concilio di Costantinopoli del 381, che approvarono l'ancora oggi valido credo o simbolo niceno-costantinopolitano.

Poco o nulla è rimasto scritto su questa teoria. Quello che si conosce è dedotto dagli scritti di confutazione di tale idea. In particolare gli scritti di Atanasio di Alessandria, con le sue lettere a Serapione di Thmuis e dei documenti del Sinodo di Alessandria del 362. Morto Atanasio, furono in particolare i presbiteri Didimo il Cieco e Basilio il Grande a proseguire il dibattito attorno a questo tema.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]