Plotosus lineatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pesce gatto dei coralli
Plotosus lineatus 1.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Siluriformes
Famiglia Plotosidae
Genere Plotosus
Specie P. lineatus
Nomenclatura binomiale
Plotosus lineatus
Thunberg, 1787
Nomi comuni

Pesce gatto lineato
Pesce gatto marino
Siluro dei coralli

Plotosus lineatus Thunberg, 1787, noto in italiano come pesce gatto dei coralli, è uno dei pochissimi membri dell'ordine Siluriformes completamente adattato alla vita nell acque marine.

Distribuzione ed habitat[modifica | modifica sorgente]

È diffuso nelle regioni tropicali degli oceani Pacifico e Indiano dal Madagascar e le coste dell'Africa orientale al Giappone del sud, all'Australia e la Polinesia. Recentemente è immigrato nel mar Mediterraneo orientale lungo le coste israeliane dal Mar Rosso.

Il suo habitat è esclusivamente marino, si ritrova sia nelle zone coralline che sulle praterie di Fanerogame e Alghe fino agli estuari ed alle pozze di marea. Raramente può penetrare in acque completamente dolci.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica più notevole di questa specie è nelle pinne, infatti la seconda dorsale, la caudale e l'anale sono fuse assieme come nell'anguilla. Per il resto è piuttosto simile ai pesci gatto appartenenti alle famiglie di acqua dolce: la bocca è circondata da 8 barbigli, 4 sulla mascella superiore e 4 sulla inferiore. La prima pinna dorsale e le pinne pettorali sono dotate di un aculeo velenoso.
La livrea è bruna con fasce longitudinali color crema o, nei giovani, bianco brillante. Raggiunge i 30 cm di lunghezza.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di crostacei, molluschi, policheti ed altri invertebrati che cerca incessantemente nella sabbia.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Oviparo con uova demersali e larve planctoniche.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I giovani vivono in gruppi molto serrati di fino a 100 esemplari mentre gli adulti sono sedentari o, al massimo, possono ritrovarsi in branchetti di una ventina di individui.

Branco di giovani
Plotosus lineatus.

Pericolo per l'uomo[modifica | modifica sorgente]

Le spine delle pinne pettorali e della prima dorsale sono velenose e possono avere conseguenze gravi, in rari casi, persino letali.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

I giovani vengono spesso allevati in grandi vasche degli acquari pubblici. È una specie che ama vivere in branchi, quindi difficilmente un privato può disporre di vasche sufficientemente grandi. Gli adulti, invece, sono più solitari ed anche una vasca più piccola può essere adatta.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tortonese E. Ambienti e pesci dei mari tropicali, Calderini, 1983

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci