Plinio Nomellini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ragazza alla finestra, 1891-1893 (Fondazione Cariplo)

Plinio Nomellini (Livorno, 1866Firenze, 1943) è stato un pittore italiano della corrente divisionista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nomellini frequentò negli anni 1883 e 1884 la scuola comunale di Arti e Mestieri a Livorno e i corsi di disegno di Natale Betti, frequentò l'Accademia di Belle Arti di Firenze dove insegnava Giovanni Fattori, frequentò i macchiaioli Silvestro Lega e Telemaco Signorini.

Nel 1890 si trasferì a Genova e vi rimase fino al 1902. Partecipò alla Promotrice Genovese e fu l'animatore principale in quel periodo della pittura genovese. Attorno a lui si formò il gruppo di Albaro (Giuseppe Sacheri, Eugenio Olivari, Angelo Balbi, Edoardo De Albertis, Angelo Vernazza) che condivise un'impostazione artistica innovatrice. In questo periodo alternò un divisionismo di matrice sociale ad un altro di stampo paesaggistico.

Nel 1894 fu arrestato e processato per partecipazione a riunioni anarchiche, in quello che fu detto il "processo pallone", in quanto montatura ideata dal questore Sironi. A testimoniare in difesa di Nomellini, indagato per la sua amicizia con l'anarchico Luca Galleani, venne Telemaco Signorini. Nel periodo della sua prigionia l'artista eseguì alcuni disegni aventi come soggetto i carcerati nelle carceri di Sant'Andrea.

Partecipò all'Esposizione di Torino nel 1898 e dal 1899 regolarmente alla Biennale di Venezia.

Nel 1902 lasciò Genova per trasferirsi a Torre del Lago dove frequentò Giacomo Puccini, Galileo Chini, Eleonora Duse, Grazia Deledda, Gabriele D'Annunzio. Nel 1907 allestì la sala alla Biennale di Venezia "L'arte del sogno" con Chini, Gaetano Previati e De Albertis.

Nel 1919 si trasferì definitivamente a Firenze. Dal 1939 al 1943 fino alla morte nel 1943 fu presidente del Gruppo Labronico.

Negli anni venti aderì al Fascismo. Ciò si ripercosse nella sua attività pittorica: ad esempio, il dipinto Incipit nova aetas (Museo civico Giovanni Fattori di Livorno) rappresenta la venuta a Firenze delle camicie nere.

Sue opere si trovano nei più importanti musei italiani, nelle collezioni di varie fondazioni bancarie, alla Camera di commercio di Genova, all'Accademia di Ravenna. A Livorno, un'Annunciazione è ospitata nella Sala del Consiglio della Camera di Commercio (Palazzo della Dogana). Nomellini realizzò anche numerosi cartelloni pubblicitari. Tra i più importanti è possibile ricordare quelli per l'Olio Sasso (1908), e quelli per l'inaugurazione dei monumenti a Giuseppe Garibaldi a Sanremo (1908) e alla Spedizione dei Mille a Genova (1915).

Periodi artistici[modifica | modifica sorgente]

Dopo un’iniziale formazione macchiaiola, condotta all’insegna del maestro Giovanni Fattori, Nomellini si distacca, almeno parzialmente da quella tradizione. Il quadro che rappresenta ufficialmente il distacco è il “fienaiolo” del 1888, presentato alla promotrice di Firenze, che ottiene la stima incondizionata di Telemaco Signorini e lo scetticismo, se non addirittura il rancore, del caposcuola Giovanni Fattori, che lo informa del rischio di diventare “servo umilissimo di Pissarro e Manet”.[1] Questo ammonimento contiene del resto una verità: Nomellini, complice l’amico pittore Alfredo Muller, sta imboccando una strada diversa, sul crinale di una nuova arte che in Francia chiamano impressionismo. Il mecenate Diego Martelli battezzerà così Plinio Nomellini, Ferruccio Pagni, Francesco Fanelli, Giorgio Kienerk, come impressionisti livornesi. In realtà Nomellini in questo momento è soltanto un postmacchiaiolo[2] che sta portando avanti un proprio percorso, scevro di compromessi. Le ragioni per cambiare ci sono tutte: la Francia propone nuovi modelli che possono essere adattati all’ambiente artistico italiano. Nomellini diviene con Angelo Morbelli e Pellizza da Volpedo uno dei maggiori esponenti del divisionismo di stampo sociale. La sua militanza anarchica, come si sa, gli procurerà non pochi problemi, ma finì per fungere da viva ispirazione per la sua arte. Alla svolta degli anni ’90, condotta anche attraverso i moduli di un chiaro divisionismo di stampo paesaggistico con ambientazione ligure, segue quella del nuovo secolo, il XX, quando le istanze simboliste si fanno largo nella sua pittura. Rivaleggia in eleganza con Galileo Chini, prima che le sirene di una nuova epoca, densa di retorica, lo rapisse con il suo abbraccio. Dipingere il fascismo e i temi a questo cari non depone a suo favore, specialmente tra i posteri. Dopo la guerra l’ostracismo della critica si farà sentire per almeno vent’anni, prima che Carlo Ludovico Ragghianti in una celebre mostra del 1966 a Palazzo Strozzi lo sdoganasse, riportandolo nell’ambito più a lui congeniale e meritato: la storia dell’arte.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • L'uliveta ( Le fascinaie), 1886
  • Il fienaiolo, 1888, Museo civico Giovanni Fattori, Livorno
  • Lo sciopero, 1889, Tortona, Il Divisionismo, Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona
  • I mattonai, 1889
  • Marina ligure (o Il golfo di Genova) 1891, Tortona, Il Divisionismo, Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona
  • Mare di Genova 1891
  • Piazza Caricamento, 1891, Tortona, Il Divisionismo, Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona
  • Sotto il pergolato, 1891-93
  • La diana del lavoro, 1893
  • La sinfonia della luna, 1899, Galleria internazionale d'arte moderna di Venezia
  • La colonna di fumo ( Il fuoco), 1900, Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi, Piacenza
  • Nel divino del pian silenzio verde, 1900
  • Ultimo raggio di sole, 1900
  • San Rossore, 1900
  • Ditirambo, 1905, Galleria d'arte moderna Giannoni, Novara
  • Prime letture, 1906, Galleria d'arte moderna di Milano
  • Garibaldi, 1907, Museo civico Giovanni Fattori, Livorno
  • Baci di sole, 1908
  • Bambina 1910
  • La sorella minore, 1911, Galleria d'arte moderna, Roma
  • Pioggia imminente (Pioggia di primavera), 1912
  • Mezzogiorno, 1912
  • Grazia Deledda, 1912-1914,
  • Bambine al mare, 1912-1913
  • Festa di Pietrasanta 1912
  • Festa di Camaiore 1913
  • I cipressi di Volterra, 1914
  • Gioia Tirrena (Isadora Duncan), 1914
  • I pavoni, 1916
  • Tra sole e luna, 1919
  • Alle porte d'Italia, 1919
  • La villa di Tiberio a Capri, 1922
  • Incipit nova aetas, 1924, Museo civico Giovanni Fattori, Livorno
  • Primula, 1925, Civico museo Revoltella, Trieste
  • La difesa di Firenze, 1927
  • Calipso, 1927
  • Le rose di poggio imperiale, 1927
  • Il roseto, 1927
  • Saluto alla bandiera, 1927, Palazzo della Provincia, Livorno
  • Esodo, 1928
  • I bersaglieri, 1930
  • Il polledro, 1931
  • Illustrazioni della rivista "La Riviera Ligure" (opera grafica)

Plinio Nomellini nei musei italiani[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lettera di Giovanni Fattori a Plinio nomellini, riportata integralmente da Eleonora Barbara Nomellini nel testo "Plinio Nomellini tra mito e sogno", facente parte del catalogo alla mostra di Plinio Nomellini a Palazzo Pitti del 1998
  2. ^ I postmacchiaioli, testo della mostra del 1994 a Villa Mimbelli Livorno, a cura di Monti e Matteucci Edizioni de Luca

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michele Biancale, Plinio Nomellini, F.lli Palombi, 1946. Roma.
  • Gianfranco Bruno. La pittura in Liguria dal 1850 al Divisionismo. Genova, Cassa di risparmio di Genova e Imperia, 1981.
  • Giorgio Fioravanti. Il dizionario del grafico. Bologna, Zanichelli, 1993. ISBN 88-08-14116-0.
  • Laura Casone, Plinio Nomellini, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]