Plinio Corrêa de Oliveira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Plinio Corrêa de Oliveira

Plinio Corrêa de Oliveira (San Paolo, 13 dicembre 1908San Paolo, 3 ottobre 1995) è stato uno storico, politico, filosofo e giornalista brasiliano e un cattolico tradizionalista. È noto per esser il fondatore dell'associazione Tradizione, Famiglia e Proprietà (TFP), nota ufficialmente come "Società Brasiliana per la Difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà" (in portoghese "Sociedade Brasileira de Defesa da Tradição, Família e Propriedade").

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini aristocratiche - i Corrêa de Oliveira erano membri dell'aristocrazia rurale dello stato di Pernambuco e i Riberos dos Santos, la famiglia della madre Lucilia, discendevano dai fondatori della città di San Paolo, i cosiddetti "paulisti di quattrocento anni" - a 10 anni entrò nel liceo «San Luigi», una scuola diretta dai padri Gesuiti, e in seguito si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza dell'università della sua città.

A 24 anni fu eletto all'Assemblea costituente nella lista della Lega Elettorale Cattolica, divenendo il deputato più giovane e più votato del paese.[1] Successivamente gli fu affidata la cattedra di docente di Storia moderna e Contemporanea nella facoltà di Filosofia, Scienze e Lettere della Pontificia Università Cattolica di San Paolo. Nel 1928 entrò a far parte delle Congregazioni Mariane, allora fulcro del movimento cattolico, delle quali divenne presto un leader.

Dal 1935 diresse il settimanale cattolico "O Legionário", che poi sarebbe diventato l'organo ufficioso dell'arcidiocesi di San Paolo, portandolo a diventare il maggior settimanale cattolico brasiliano. Nel 1940 fu nominato presidente dell'Azione Cattolica di San Paolo e tre anni dopo scrisse il pamphlet In Difesa dell'Azione Cattolica, nel quale denunciava l'esistenza in questa organizzazione di correnti cattolico-democratiche e "neomoderniste"[2] che in campo socio-economico incoraggiavano la lotta di classe e sminuivano l'autorità della Chiesa. Il libro, sebbene venne approvato dal clero locale e anche dalla Santa Sede,[3] trovò diverse opposizioni, provenienti soprattutto dagli stessi ambienti cattolici, che determinarono nel 1947 l'allontanamento di Corrêa dalla direzione de O Legionário.[4] Successivamente contribuì alla nascita del mensile "Catolicismo" e scrisse anche per alcuni quotidiani e settimanali locali.

Nel 1959 scrisse il saggio di teologia della storia che lo rese famoso, Rivoluzione e Contro Rivoluzione, nel quale analizzava la "grande crisi secolarizzante" dell'Occidente cristiano fino ai nostri giorni e delineava un programma di "restaurazione dell'ordine", inteso come "la pace di Cristo nel regno di Cristo, ossia la Civiltà Cristiana, austera e gerarchica, fondamentalmente sacra, anti-egualitaria e antiliberale".[5] Nel 1960 fondò la Società Brasiliana per la Difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà (TFP), cui si sarebbe dedicato completamente sino alla morte.

Il 2 febbraio 1975 rimase ferito in un incidente stradale.

Il 18 aprile 1985 la Conferenza Episcopale Brasiliana dichiarò in un comunicato stampa che per "il carattere esoterico, il fanatismo religioso, il culto nei confronti del capo e fondatore, l'abuso del nome di Maria Santissima" il movimento Tradizione, Famiglia e Proprietà, fondato e presieduto da Corrêa, non era in comunione con la Chiesa cattolica.[6]

Morì il 3 ottobre 1995 a San Paolo, dopo aver ricevuto la benedizione pontificia.[1] Sulla sua tomba dispose che fosse scritta l'epigrafe: «Plinio Corrêa de Oliveira, vir totus catholicus et apostolicus, plene romanus» ("Plinio Corrêa de Oliveira, uomo totalmente cattolico e apostolico, pienamente romano").

Di lui, oltre i numerosi libri e scritti, è rimasto il Testamento spirituale, in cui ringrazia "la Madonna del favore di aver vissuto fin dai miei primi giorni, e di morire, come spero, nella Santa Chiesa, alla quale ho votato, voto e spero di votare fino all’ultimo anelito, assolutamente tutto il mio amore".

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • In difesa dell'Azione Cattolica (1943)
  • Rivoluzione e Contro Rivoluzione (1959)
  • Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo (1965)
  • Il crepuscolo artificiale del Cile cattolico (1973)
  • La libertà della Chiesa nello Stato comunista. La Chiesa, il decalogo e il diritto di proprietà (1978)
  • Via crucis. Due meditazioni (1991)
  • Nobiltà ed élites tradizionali analoghe nelle allocuzioni di Pio XII al patriziato ed alla nobiltà romana (1993)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giovanni Cantoni, "Plinio Corrêa de Oliveira", in Dizionario del pensiero forte pubblicato sul sito di Alleanza Cattolica.
  2. ^ L'espressione voleva richiamare la corrente teologica del modernismo che propugnava la conciliazione tra filosofia moderna e la teologia cristiana e che venne condannata come eretica da papa Pio X nel 1907.
  3. ^ Lettera di encomio a nome di papa Pio XII, inviata dall'allora Mons. Giovanni Battista Montini
  4. ^ Scheda sul sito dell'Associazione Tradizione, Famiglia e Proprietà.
  5. ^ Plinio Corrêa de Oliveira, Rivoluzione e Contro-rivoluzione, 1959.
  6. ^ XXIII assemblea nazionale della Conferenza Episcopale Brasiliana, Itaici, 18 aprile 1985.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 106969793 LCCN: n81058330