Platée

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Platée
Jélyotte by Coypel.jpg
Il tenore Pierre Jélyotte nei panni della ninfa Platea
Lingua originale Francese
Genere Comédie lyrique
Musica Jean-Philippe Rameau
Libretto versione originale: comédie lyrique di Adrien-Joseph Le Valois d’Orville (accessibile on-line in Gallica, Bibliothèque nationale de France;
versione 1749: ballet-bouffon, revisione di Ballot de Sauvot
(accessibile on-line in Rameau Le Site[1])
Fonti letterarie (comédie-)ballet di
Jacques Autreau (o Hautreau) (accessibile on-line in edizione d'epoca, in books.google), tratta dalla Periegesi della Grecia
(libro IX, La Beozia, cap. III),
di Pausania (il Periegeta)
Atti 3, oltre al prologo
Prima rappr. 31 marzo 1745
Teatro Théâtre de la Grande Écurie di Versailles
Versioni successive

9 febbraio 1749 - Académie Royale de Musique di Parigi

Personaggi
  • Thespis (haute-contre)
  • Momus (basso, nel prologo; baritenore o basso, nel resto dell'opera)
  • Thalie (soprano)
  • Amour (soprano)
  • Un satiro (basso)
  • Due vendemmiatrici (soprani)
  • Cithéron (basso)
  • Mercure (haute-contre)
  • Platée (haute-contre)
  • Clarine (soprano)
  • Una naiade (soprano)
  • Jupiter (basso)
  • La Folie (soprano)
  • Junon (soprano)
  • Iris (personaggio muto)
  • satiri, menadi, vendemmiatori con mogli e figli, naiadi, aquiloni, serventi di Momo, serventi della Follia di carattere gioioso e di carattere serio, satiri e driadi, altro gruppo di satiri, serventi di Momo sotto forma di Grazie, campagnoli con mogli e figli

Platée è un'opera lirica in un prologo e tre atti di Jean-Philippe Rameau (1683-1764), su libretto di Adrien-Joseph Le Valois d’Orville, tratto dal lavoro Platée ou Junon jalouse di Jacques Autreau, a sua volta derivato dal terzo capitolo del nono libro (sulla Beozia) della Periegesi della Grecia del geografo antico Pausania.

La prima dell’opera fu rappresentata a Versailles al Théâtre de la Grande Écurie, in occasione delle nozze del delfino Louis, figlio di Luigi XV, con Maria Teresa di Spagna, il 31 marzo 1745.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Tipologia vocale Interpreti della prima[2]
31 marzo 1745
(Direttore: - )
Interpreti della seconda versione[3]
9 febbraio 1749
(Direttore: - )
Prologo: La Naissance de la Comédie/ La nascita della commedia
Thespis/ Tespi, inventore della commedia haute-contre (tenore acuto) La Tour (scritto anche Latour)[4] François Poirier
Momus/ Momo, dio della satira basse-taille (basso-cantante) Albert[4] Lamarre (scritto anche La Marre)[4]
Thalie/ Talia, musa della commedia soprano Marie Fel Marie-Angélique Coupé
Amour/ Amore soprano (in travesti) Marie-Angélique Coupé
(scritto anche Couppé o Coupée)
M.lle Rosalie[4]
Un satiro basso-cantante Benoit[4] Person[4]
Vendemmiatrici soprani M.lles Cartou e Dalman[4] M.lle Cartou[4] e Marie Madeleine Jendrest, m.lle Chefdeville
Coro/corpo di ballo: satiri, menadi, vendemmiatori con mogli e figli
Balletto (comédie lyrique)
Cithéron/ Citerone, re della montagna omonima basso-cantante François Le Page (scritto anche Lepage) François Le Page
Mercure/ Mercurio, il messaggero degli dèi haute-contre Jean Antoine Bérard François Poirier
Platée, ninfa di una grande palude ai piedi del Citerone haute-contre (in travesti) Pierre Jélyotte La Tour
Clarine, fonte, serva di Platée soprano M.lle Bourbonnais (scritto anche Bourbonnois)[4] Marie-Angélique Coupé
Una naiade, altra serva Platée soprano M.lle Metz[4] M.lle Metz[4]
Jupiter/ Giove, re degli dèi basso-cantante Claude-Louis-Dominique Chassé de Chinais Person
La Follia soprano Marie Fel Marie Fel
Junon/ Giunone, sposa di Giove soprano Marie-Jeanne Fesch, "m.lle Chevalier Louise Jacquet
Momus/ Momo taille (baritenore)
o basso-cantante
Louis-Antoine Cuvillier
(scritto anche Cuvilliers o Cuvelier)
Lamarre
Iris figurante
Coro/corpo di ballo: naiadi, aquiloni, serventi di Momo, serventi della Follia di carattere gioioso e di carattere serio, satiri e driadi, altro gruppo di satiri, serventi di Momo sotto forma di Grazie, campagnoli con mogli e figli

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'opera consiste in un prologo e tre atti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ accessibile anche in livretsbaroques.fr
  2. ^ Secondo il libretto originale pp. 3 e 14.
  3. ^ secondo Le magazine de l'opéra baroque (consultato il 3 ottobre 2010)
  4. ^ a b c d e f g h i j k nome proprio sconosciuto

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Libretto originale (1745): Platée, Ballet Bouffon en Trois Actes, Précédé d'un Prologue, Représenté devant le Roi, en Son Château de Versailles, Le mercredi 31 mars 1745, Parigi, Ballard, 1745 (accessibile gratuitamente on-line in Gallica, Bibliothèque Nationale de France)
  • Jacques Autreau, Platée, Ballet en trois actes avec un prologue, in Œuvres de Monsieur Autreau, tomo quarto, Parigi, Briasson, 1749, pp. 49 e segg. (accessibile gratuitamente on-line in books.google)
  • Graham Sadler, Platée, in Sadie Stanley (a cura di), The New Grove Dictionary of Opera (III, pp. 1030-1032), New York, Grove (Oxford University Press), 1997 (ISBN 978-0-19-522186-2)
  • Dizionario dell'Opera (voce: Platée), «MyWord.it»

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica