Plasticità (arte)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Campin, Trinità (1430-1432), un esempio di pittura fortemente "plastica".

La plasticità nelle arti figurative è la qualità di un'opera di articolarsi nello spazio, in maniera più o meno spiccata. Il termine ha avuto vari significati nel tempo, ma si possono tuttavia indicare due filoni fondamentali:

  • Plasticità in senso reale, intesa come capacità di plasmare, di dare corpo a una forma tridimensionale; tipica della scultura, è quella bravura nello sfruttare appieno la possibilità di sviluppare una forma nello spazio, in più di una direzione.
  • Plasticità in senso illusorio, intesa come capacità di ricreare un effetto di rilievo che in pratica non esiste, tramite vari stratagemmi; per la pittura ad esempio col chiaroscuro, per il rilievo tramite l'oculata variazione degli spessori, ecc.[1].

Scultura[modifica | modifica sorgente]

L'arte plastica per eccellenza è la scultura, dove si creano forme tridimensionali che si dispongono naturalmente nello spazio. La scultura a tutto tondo si definisce "plastica" quando il modellato riporta senza semplificarle le forme "naturali", mentre quando queste vengono quasi "disegnate" sulla pietra (con scuri solchi di trapano e altri effetti che si limitano a rappresentare la realtà) si può tutt'al più parlare di rilievo illusorio, simile a quello pittorico.

Una statua tridimensionale non è necessariamente definibile "plastica": a volte i giochi di luce e ombre creano linee e ritmi che niente hanno a che fare con la reale fisicità delle figure che ritraggono: si pensi ai panneggi delle Madonne gotiche che ne nascondono i corpi. Per parlare di plasticità serve un senso di concretezza, di vigore e slancio.

Nei rilievi si può ottenere un senso di plasticità anche con i soli giochi di luci ed ombre che, nonostante una variazione di spessore magari di pochi millimetri, riescano a trasmettere, se osservati in un certo modo (in genere frontalmente) la sensazione di tridimensionalità. Un esempio tipico è lo stile "stiacciato" di Donatello.

Altri significati[modifica | modifica sorgente]

Si parla di "posa plastica" quando una persona si atteggia con eleganza, come se fosse una scultura[2]. In vari contesti l'aggettivo "plastico" è semplicemente sinonimo di scultoreo: esempio con decorazione "plastica" di un edificio, si intende il suo abbellimento con statue e rilievi.

Pittura[modifica | modifica sorgente]

In pittura il concetto plasticità è legato al problema della resa dello spessore e del volume delle figure, pur disponendo di una superficie bidimensionale. Le fonti antiche ci tramandano come questo problema fosse stato già affrontato e superato dai pittori greci a partire dal V secolo a.C. L'illusione di tridimensionalità si ottiene essenzialmente tramite lo studio delle luci ed ombre e tramite l'apposizione di un efficace chiaroscuro; inoltre devono essere rispettati, almeno sommariamente, i rapporti dimensionali e spaziali tra le varie figure e tra di esse e lo sfondo[3].

Nella storia dell'arte occidentale, se nella pittura medievale prevalevano in genere caratteristiche di piattezza (che aumentavano un senso simbolico e astratto), a partire da Cimabue, alla fine del XIII secolo[4] in Italia, si tornò a porsi il problema di come la luce illumini realisticamente le figure, in modo da ottenere un maggiore realismo e, quindi, senso di rilievo[5]. Tali scoperte vennero poi pienamente sviluppate da Giotto[6] e ancora di più da Masaccio[7], per poi venire accolte e sviluppate dagli altri pittori rinascimentali, fino alla piena espressione volumetrica di Michelangelo[8] o di Raffaello[9].

Nel Nord-Europa fece invece scuola la produzione artistica alla corte del Duca di Borgogna, con l'esempio delle vigorose statue di Claus Sluter[10], alla cui massiccia fisicità attinsero pittori come Jean Malouel e poi Robert Campin e Jan van Eyck, fondatori della scuola fiamminga[11].

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Anche in architettura si può parlare di plasticità, intesa come qualità di un edificio di svilupparsi liberamente nello spazio, lasciando perfettamente visibile il suo volume e la ricchezza di forme articolate. Il concetto si applica tipicamente all'architettura barocca, dove le superfici appaiono spesso modellate come sculture. La plasticità è spesso data poi dal chiaroscuro e dal movimentato disporsi degli elementi architettonici. Il contrario è un effetto compatto e piano.

La plasticità di un edificio si percepisce meglio quando esso si trovi isolato nel contesto[12].

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Anche in letteratura si può parlare di "plasticità", in particolare legata ad effetti di particolare espressività e concretezza[13].

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]

Opere plastiche
Opere non plastiche

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Grande dizionario Garzanti della lingua italiana, Milano, 1988.
  2. ^ Il Grande dizionario Garzanti della lingua italiana, Milano, 1988.
  3. ^ Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999.
  4. ^ Si veda il Crocifisso di Santa Croce.
  5. ^ Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 1, Bompiani, Milano 1999.
  6. ^ Si veda la Madonna di Ognissanti.
  7. ^ Si pensi alla Vergine nella Sant'Anna Metterza.
  8. ^ Alla Cappella Sistina.
  9. ^ Nelle Stanze Vaticane.
  10. ^ Pozzo dei Profeti
  11. ^ Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999.
  12. ^ W. Müller e G. Vogel, Atlante di architettura, Hoepli, Milano 1992
  13. ^ Il Grande dizionario Garzanti della lingua italiana, Milano, 1988.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arte