Piyale Pascià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Piyale Pascià (1515Istanbul, 21 gennaio 1578) è stato un ammiraglio ottomano.

Capo supremo della flotta (Kapudanpaşa) all'epoca del sultano Solimano il Magnifico. La leggenda (peraltro controversa) narra che Piyale Pascià fosse un neonato ritrovato su un vomere di aratro alla periferia della sua città natale, Belgrado, in Serbia.

Portato a Istanbul ed allevato come gazi del Sultano, si distinse come marinaio prima e come stratega poi durante le incursioni portate dalla flotta ottomana e dai suoi alleati algerini lungo tutte le coste del Mediterraneo cristiano.

Secondo alcuni storici, potrebbe essere stato lui a mettere a morte per tradimento l'ammiraglio ottomano Piri Reis, autore delle famose e discusse carte geografiche delle Americhe (e, per qualcuno, addirittura dell'Antartide di 13.000 anni fa).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]