Pithos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pithoi a Cnosso.
Pithos greco proveniente da Creta.

Il Pithos (plurale pithoi) è un'antica parola greca (πίθος, πίθοι) che significa grande giara per immagazzinamento avente una forma caratteristica. Originariamente veniva usato dagli archeologi classici occidentali per significare le giare scoperte negli scavi a Creta e in Grecia; attualmente il termine è stato preso nella lingua inglese americana in un senso più generale per significare una giara di immagazzinamento proveniente da un orizzonte culturale qualsiasi. [1]

Sebbene la parola sia greca, molti dei pithoi dell'antico Mediterraneo non furono prodotti dagli abitanti della Grecia continentale; per esempio, essi sono noti a Creta e nel Levante in contesti non-ellenici. Molti pithoi furono trovati nel Palazzo di Cnosso e nell'antico relitto dell'Uluburun. Anche l'antica cultura iberica di El Argar usava pithoi per sepolture nella sua fase B (1500-1300 a.C.).

Il pithos è meglio noto nella sua forma latina come fiscus, dove i fondi venivano immagazzinati. [2] Qualsiasi cosa potrebbe essere posta in un pithos; tuttavia, i pithoi furono usati principalmente per cereali, semi, vino ed olio; furono inoltre associati comunemente al centro amministrativo e commerciale, il quale trasportava, teneva o ne riceveva grandi quantità.

I pithoi furono quasi universalmente di ceramica, un materiale ideale che tiene fuori l'acqua, lo sporco, gli insetti e i roditori. La maggior parte erano tanto alti o più alti di un essere umano. La base era piatta in modo che essi avrebbero potuto essere sistemati in file in un magazzino o allineati lungo ogni conveniente corridoio o strada di passaggio, o anche sui gradini delle scale. I lug o più raramente i più fragili manici erano situati ai lati superiori per agevolarne il maneggiamento. Alcuni pithoi furono situati in buchi del pavimento. Essi venivano manovrati con funi. Alcuni vasi mostrano funi decorative in bassorilievo.

L'utilità di un pithos per immagazzinamento sfortunatamente era tutta troppo facilmente volta a vantaggio del nemico, il quale doveva soltanto urtare un pithos pieno di olio e toccarlo con una fiaccola per produrre una grande conflagrazione. La maggior parte dei palazzi dell'età del bronzo egea furono bruciati in una maniera o nell'altra proprio in questo modo.

Riguardo a più note positive, l'estesa area di superficie di un pithos era un campo allettante per la decorazione. Per esempio, i pithoi recuperati a Cnosso mostravano disegni in bassorilievo di funi simulate. [3] La migliore decorazione era riservata per il vasellame da tavola e servizio, ma la maggior parte dei pithoi hanno alcuni tipi di motivi o scene, molto spesso in bassorilievo, e ornati con bande intorno alla giara.

Come la ceramica delle vasche da bagno di alcuni periodi, la dimensione di un pithos lo rendeva adatto per una più conveniente cassa da morto, specialmente dove il legno scarseggiava. Esiste l'attestazione di sepolture nel Medio Elladico a Mycenae, a Thapsos e a Creta dove le ossa del defunto venivano poste dentro i pithoi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La parola non si trova nel "Terzo Dizionario Internazionale di Webster" (Webster's Third International Dictionary)
  2. ^ Ma non tutti accettano questa derivazione. Per esempio, se la qe-to della lineare B è pithos, allora l'origine probabilmente non porviene dalla radice stabilita (Ventris e Chadwick notano questo problema nella seconda edizione di Documenti in lingua greca-micenea; vedi all'indice sotto Pithos).
  3. ^ (EN) C. Michael Hogan, 854/knossos.html#fieldnotes Annotazioni sul campo a Cnosso, Modern Antiquarian (2007)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Grecia