Pista ciclabile del Mincio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pista ciclabile del Mincio
Il ponte visconteo a Borghetto (Valeggio sul Mincio), una delle località attraversate dalla ciclabile
Il ponte visconteo a Borghetto (Valeggio sul Mincio), una delle località attraversate dalla ciclabile
Numero 1
Stato Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Lombardia Lombardia
Inaugurazione 2006
Inizio Peschiera del Garda
Fine Mantova
Lunghezza 43,5 km
Fondo stradale Asfalto
Dislivello Praticamente nullo
Luoghi di interesse attraversati
Tracciato della pista
Tracciato della pista

Coordinate: 45°13′08.4″N 10°43′08.4″E / 45.219°N 10.719°E45.219; 10.719


Grafico passaggi Peschiera-Mantova 2009.png

La pista ciclabile del Mincio (o ciclovia Mantova-Peschiera) è una pista ciclabile di 43,5 km, che transita lungo le alzaie del fiume Mincio, tra le città di Peschiera del Garda e Mantova.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una pista ciclabile bidirezionale con un modesto dislivello. Completata nel 2006 e interamente asfaltata, ripercorre uno dei lati del famoso quadrilatero fortificato che gli austriaci realizzarono nella prima metà del 1800.

La partenza, se si segue il tragitto nord-sud, è presso il viadotto ferroviario di Peschiera del Garda. La pista inizia sul lato destro del Mincio, passando nel lato sinistro subito prima del paese di Monzambano, presso la diga di Salionze.

Poco dopo si arriva a scorgere il castello scaligero di Valeggio sul Mincio e si raggiunge Borghetto sul Mincio, borgo caratteristico per i molti mulini ad acqua e per le rovine del ponte visconteo.

Da qui si prosegue, costeggiando sempre il Mincio, fino a Pozzolo, dove possiamo trovare una variante per Volta Mantovana.

Ora la pista inizia a discostarsi dal fiume prosegnedo lungo i canali della pianura mantovana.

Dopo circa 40 km si giunge nella città di Mantova, qui si raggiunge facilmente la stazione ferroviaria ma è consigliato proseguire sulla stradina ciclopedonale che corre lungo il lago di mezzo fino a raggiungere il palazzo Ducale.

L'intera pista è ben segnalata e con diversi punti di appoggio. Molto frequentata soprattutto in primavera (vedi tabella e grafico in basso).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]