Piretoterapia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La piretoterapia o piroterapia è un protocollo terapeutico, ormai caduto in disuso, basato sull'induzione di febbre con lo scopo di trattare una malattia. I procedimenti si basavano sull'inoculo di microrganismi viventi o uccisi, di sostanze chimiche o di derivazione batterica e su metodiche elettrofisiche[1].

Il medico austriaco Julius Wagner-Jauregg ricevette il Premio Nobel per la medicina nel 1927 per l'ideazione del procedimento noto come malarioterapia, un trattamento della neurosifilide basato sull'inoculo di Plasmodium vivax nei pazienti affetti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piretoterapia sull'Enciclopedia Treccani
  2. ^ The Nobel Prize in Physiology or Medicine 1927 - Julius Wagner-Jauregg

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina