Piramide di Ahmose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 26°10′33″N 31°56′16″E / 26.175833°N 31.937778°E26.175833; 31.937778

Piramide di Ahmose
Piramide di Ahmose ad Abydos.
Piramide di Ahmose ad Abydos.
Utilizzo cenotafio
Epoca Nuovo Regno
Localizzazione
Stato Egitto Egitto
Governatorato Matruh
Altitudine n.d. m s.l.m.
Dimensioni
Superficie n.d.
Altezza 40 metri
Larghezza 52,5 metri=100 cubiti
Inclinazione 60 gradi
Amministrazione
Ente Ministry of State for Antiquities

La piramide di Ahmose venne fatta edificare da Ahmose, sovrano egizio fondatore della XVIII dinastia, ad Abydos, come cenotafio per sé.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Cronologicamente è l'ultima piramide regale costruita in Egitto.

Venne realizzata con sabbia e detriti litici: solo la consueta copertura in pietra calcarea conferiva una qualche stabilità alla struttura.
Aveva una base quadrata di 52,5 metri, pari a 100 cubiti,[1] ed un'altezza di circa 40 metri; doveva quindi apparire piuttosto "ripida", con un angolo di inclinazione di 60°. Allo stato attuale, di essa non rimane che un poggio di detriti alto una decina di metri.

L'edificio venne esplorato per la prima volta nel 1899 da Arthur Mace e Charles Trick Currelly. Nel 1993 Stephen P. Harvey condusse consistenti scavi archeologici nella zona circostante la piramide.

A riprova del fatto che si tratta di un cenotafio, non venne realizzata alcuna camera funeraria; nell'area circostante però vennero edificati alcuni templi ed un'altra piccola piramide con tempio funerario – anch'essa un cenotafio – dedicata alla nonna di Ahmose, la regina Tetisheri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Jànosi, Le piramidi, pag. 122

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lista delle piramidi egizie

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]