Pinsk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pinsk
comune
Пінск
Pinsk – Stemma
Pinsk – Veduta
Dati amministrativi
Stato Bielorussia Bielorussia
Voblasc' Brėst
Distretto Pinsk
Territorio
Coordinate 52°07′N 26°05′E / 52.116667°N 26.083333°E52.116667; 26.083333 (Pinsk)Coordinate: 52°07′N 26°05′E / 52.116667°N 26.083333°E52.116667; 26.083333 (Pinsk)
Superficie 46,5 km²
Abitanti 130 600 (2010)
Densità 2 808,6 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 225700, 225716, 225745
Prefisso +375 145
Fuso orario UTC+2
Targa 1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Bielorussia
Pinsk
Sito istituzionale

Pinsk (Пінск in bielorusso, Пинск in russo, traslitt. Pinsk, Pinscum in latino) è una città di 130.000 abitanti della Bielorussia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Pinsk è situata nella regione geografica della Polesia, a sud-ovest di Minsk, ed è attraversata dal fiume Pina da cui deriva il nome. Amministrativamente fa parte della voblasc' di Brėst. La città si trova al centro delle vaste paludi del Pripyat.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La piazza del Mercato di Pinsk nel 1930.

Le prime tracce documentate della città risalgono al 1097 in alcune cronache del tempo, dove si parla di una cittadina di nome Pinesk appartenente al territorio di Svjatopolk II di Kiev, sovrano del Principato di Turov e Pinsk. Data la sua posizione, stretta fra i principati di Galizia-Volinia e Navahrudak, venne a lungo combattuto tra queste due entità statali ma, nel 1320, venne conquistata dalle forze del Granducato di Lituania. Nel 1640 la rivolta dei Cosacchi guidati da Bohdan Chmel'nyc'kij arrivò anche a Pinsk, che venne conquistata dai ribelli. Quando i polacchi la ripresero, 24.000 dei suoi abitanti vennero uccisi e 5.000 case vennero date alle fiamme. Otto anni dopo venne di nuovo bruciata, questa volta dai russi, nel corso della Guerra russo-polacca (1654-1667). I polacchi, guidati da Janusz Radziwiłł, la riconquistarono con notevole difficoltà. Nel 1793 con la terza spartizione della Polonia, Pinsk entrò a far parte dell'Impero russo. Secondo un censimento russo del 1897 la popolazione cittadina ammontava in quegli anni a 28.400 unità, 21.100 dei quali ebrei. Dopo la fine della guerra sovietico-polacca, che vide tra l'altro Pinsk essere teatro di massacri contro la popolazione ebraica, la città passò alla Polonia. Sotto il governo di Varsavia venne qui istituito il quartier generale della Flottiglia fluviale Polacca e la popolazione ebraica aumentò al 90% della popolazione cittadina totale. Durante l'occupazione nazista, durata dal 1941 al 1943, quella che fu una delle più fiorenti comunità giudache dell'est Europa venne cancellata nel giro di pochi mesi nel 1942.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Centro industriale attivo nella costruzione di barche per la navigazione dei fiumi locali, Pinsk si trova in una zona molto fertile dal punto di vista agricolo. Nell'ambito della voblasc' è la terza città dopo Brėst e Baranavičy.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Pinsk[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]