Pino sulla Sponda del Lago Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pino sulla Sponda del Lago Maggiore
frazione
Pino sulla Sponda del Lago Maggiore – Stemma
Veduta di Pino dal Verbano
Veduta di Pino dal Verbano
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Comune Maccagno con Pino e Veddasca-Stemma.png Maccagno con Pino e Veddasca
Territorio
Coordinate 46°06′05″N 8°44′22″E / 46.101389°N 8.739444°E46.101389; 8.739444 (Pino sulla Sponda del Lago Maggiore)Coordinate: 46°06′05″N 8°44′22″E / 46.101389°N 8.739444°E46.101389; 8.739444 (Pino sulla Sponda del Lago Maggiore)
Altitudine 289 m s.l.m.
Superficie 7,11 km²
Abitanti 224[1] (31-12-2010)
Densità 31,5 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 21061
Prefisso 0332
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012112
Cod. catastale G677
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 524 GG[2]
Nome abitanti pinesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pino sulla Sponda del Lago Maggiore
Posizione dell'ex comune di Pino sulla Sponda del Lago Maggiore nella provincia di Varese
Posizione dell'ex comune di Pino sulla Sponda del Lago Maggiore nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Pino sulla Sponda del Lago Maggiore, fino al 1863 Pino (in dialetto varesotto Pin) è una frazione e, amministrativamente, un municipio del comune italiano di Maccagno con Pino e Veddasca, in provincia di Varese.

Fino al 4 febbraio 2014 era un comune autonomo di 224 abitanti; in tale data, a seguito della legge della regione Lombardia del 30 gennaio precedente[3], fu soppresso e unificato a Maccagno e Veddasca a formare il citato comune.

Prima della soppressione era un comune frontaliero con la Svizzera sulla sponda orientale del Verbano nonché il più settentrionale della provincia di Varese; con 30 caratteri deteneva anche il singolare primato, insieme a San Valentino in Abruzzo Citeriore, di essere il comune italiano dal nome più lungo.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Pino sorge nella Regione agraria n. 1 - Montagna dell'Alto Verbano Orientale. Dal punto di vista altimetrico, il territorio va dai 193 m s.l.m. del lungolago ai 1.375 m s.l.m.

Sorge su un promontorio roccioso detto Sasso di Pino.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione sismica: zona 4 (sismicità irrilevante)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio era abitato sin dal V secolo d.C. dai Celti, di cui è stata ritrovata una tomba[4]. Nell'Alto Medioevo faceva parte del Comitato del Seprio nel momento della sua più ampia espansione[5]. In seguito passò sotto l'autorità viscontea, venne unito alla vicina Tronzano e diventò parte del Distretto o Contado di Angera, costituito da Gian Galeazzo Visconti, che congiunse i territori del Lago Maggiore in un unico organo amministrativo. In seguito, nel 1416, sotto Filippo Maria Visconti Pino venne compreso nel territorio delle Quattro Valli, in un feudo detto Valtravaglia, di cui attualmente fa parte la zona tra il "Sasso di Pino" e la Rocca di Caldè. Nel 1439 venne affidato alla famiglia comasca dei Rusca che divisero il feudo in cinque "squadre": Squadra del Consiglio Maggiore, Squadra della Valle Marchirolo, Squadra della Valtravaglia, Squadra Valveddasca e Squadra di mezzo, della quale faceva parte Pino. Nel 1583 passò alla famiglia Marliani, che mantenne il proprio controllo fino al 1784 quando subentrarono i Crivelli. Questi guidarono il feudo fino al 1799, anno in cui venne abolito il sistema feudale e fu costituita la Repubblica Cisalpina.[4]

Stemma del paese.

Stemma e Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Blasonatura Stemma: "Scudo: accartocciato d'argento al pino, fiancheggiato da due leoni controrampanti, tutto al naturale"[6].

Lo stemma civico riporta un simbolo molto antico riferito al paese: su un architrave in pietra del XVI secolo in via Tomasina si può vedere una delle prime rappresentazioni di un albero con rami spioventi abbinato ad una croce di S. Andrea. Questo tipo di rappresentazione è inusuale per l’araldica civica italiana e non è previsto nella relativa normativa: probabilmente le figure rappresentate sono un ricordo dei passati casati feudali.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di S. Maria Assunta. Originariamente era una cappella romanica. Già presente nel XIII secolo, è stata ampliata e restaurata nel XVIII secolo.
  • Chiesa di S. Quirico. Anch'essa di origine romanica è ristrutturata nel 1500 e nel 1780. È situata sul "sasso di Pino", il promontorio roccioso che sovrasta il lago.
  • Santuario della Madonna delle Grazie di Zenna. Risale al XVII secolo.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Torre medievale. Probabilmente risalente ai secoli XI - XII, faceva parte di una fortificazione più ampia, oggi perduta, che metteva in comunicazione l'area con il territorio elvetico. È un importante testimonianza del passato feudale; nel 1874 è stata ristrutturata per ospitare gli uffici comunali.

Ritrovamenti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964 all’interno di una casa lungo la strada che conduce a Tronzano, è stata ritrovata una tomba di origine celtica risalente al V secolo d.C. Al suo interno diversi reperti dimostrano una particolare abilità nell’arte della ceramica e del cesello, anelli di bronzo, una spilla in rame e un manico di bronzo lavorato.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Pino-Tronzano

Presente la stazione di Pino-Tronzano, sulla linea Cadenazzo-Luino. I treni sono gestiti dalla società TiLo, che gestisce il trasporto ferroviario in Ticino e sui confini della Lombardia. L'infrastruttura è gestita dalle Ferrovie Federali Svizzere[senza fonte], con segnali e regolamenti svizzeri. Il capostazione invece è un dipendente RFI.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2010 e popolazione residente al 31 dicembre. Comune: Pino sulla Sponda del Lago Maggiore, ISTAT. URL consultato il 17 luglio 2014.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Legge regionale 30 gennaio 2014 - n. 8 : Istituzione del comune di Maccagno con Pino e Veddasca, mediante la fusione dei comuni di Maccagno, Pino sulla sponda del Lago Maggiore e Veddasca, in provincia di Varese in Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, Supplemento Ordinario, nº 30, Milano, Regione Lombardia, 3 febbraio 2014, p. 8.
  4. ^ a b www.itinerariesapori.it
  5. ^ www.varese.net
  6. ^ www.araldicacivica.it
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]