Pinus mugo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pino mugo)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pino mugo
Latschenkiefer 01.jpg
Pinus mugo
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Pinus
Specie P. mugo
Nomenclatura binomiale
Pinus mugo
Turra, 1764
Sinonimi

Pinus montana (Mill.)

Nomi comuni

Pino mugo
Mugo
Pino montano

Sottospecie e Varietà

Il Pino mugo (Pinus mugo Turra, 1764), o anche semplicemente mugo, è un cespuglio aghiforme sempreverde, dal portamento prostrato, appartenente alla famiglia Pinaceae.[2]

Un bosco di pino mugo si chiama mugheto. Viene utilizzato per estrarre un olio dai rametti. È stato inserito nell'elenco delle piante officinali spontanee soggette alle disposizioni della legge 6 gennaio 1931 n. 99.[senza fonte] Dai suoi rametti verdi, non ancora lignificati, viene estratto l'olio essenziale di mugolio.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Un pianta di Pinus mugo
Portamento
generalmente arbustivo, ma molto variabile, da prostrato con rami ascendenti a cespuglioso fino ad alberello eretto a seconda delle varietà e delle condizioni ambientali. Piccolo e compatto, presenta rami caratteristici che nella parte inferiore possono crescere adagiati sul terreno nascondendo la base del tronco per non offrire resistenza al vento.
Corteccia
grigia scura a squame sottili.
Foglie
aghiformi lunghe 3–5 cm e riunite in mazzetti di due, di colore verde scuro.
Fiori
meglio indicati come sporofilli, maturano in aprile-maggio e presentano sessi separati.
  • Macrosporofilli: sono rosso-violacei e più piccoli dei fiori maschili. Sono riuniti in piccoli coni e spuntano in cima al fusto; una volta fecondati, diventano pigne color verde-rossastro.
  • Microsporofilli: numerosi, gialli, molto più vistosi dei femminili. Sono situati alla base dei rami e producono polline che viene diffuso dal vento.
Strobili
di forma ovale-conica, sono lunghi 3–5 cm. Contengono dei piccoli semi scuri muniti di un'ala membranosa che li fa volare lontano.
Fiori femminili e foglie Fiori maschili e foglie Strobilo
Fiori femminili e foglie
Fiori maschili e foglie
Strobilo

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Diffusione di Pinus mugo

Cresce spontaneo sulle montagne, tra i 1500 e i 2700 m (ha il suo "optimum" tra i 1600 e i 2300 m, ossia nel piano subalpino) spingendosi quindi oltre il limite della vegetazione forestale arborea. Amante della luce e del freddo, presenta aspetti morfologici molteplici e variati, accomunati tradizionalmente nel gruppo Pinus montana, di tal che se ne distinguono alcune sottospecie - da taluni autori descritte come specie a se stanti - che vanno dal pinus mugo, cespuglioso e prostrato, al pinus uncinata, conico-arboreo, con versioni intermedie fra i due (forma cd. frutescens erecta). Predilige suoli detritici parzialmente consolidati, ad esempio alla base di ghiaioni o di conoidi di deiezione (la forma pinus mugo in particolare è prevalentemente calcifila ed i suoi rami forniscono un'utile protezione contro valanghe e slavine, frenando lo scivolamento delle masse nevose sui fianchi più inclinati delle valli).

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Particolare di una pianta nel trentino alt. 1700 m

In Italia è presente, spontaneamente, sulle Alpi (soprattutto centro-orientali pinus mugo ed esclusivamente centro-occidentali pinus uncinata), sulle Prealpi calcaree e in alcune zone degli Appennini (Monte Nero Piacentino, Majella, Parco Nazionale d'Abruzzo), nella sola forma pinus mugo. In Europa si trova sui Pirenei (esclusivamente nella forma Pinus Uncinata), su tutta la fascia alpina, sui Carpazi e sui Tatra, sulla dorsale dalmata fino in Bulgaria. È usato come ornamentale in molte zone d'Italia, anche dove il clima è molto differente da quello d'elezione, per l'aspetto aggraziato e le dimensioni ridotte che lo rendono ideale per giardini rocciosi e piccoli giardini in genere.

Sottospecie e varietà[modifica | modifica sorgente]

Da un punto di vista tassonomico, Pinus mugo Turra veniva aggregata assieme a Pinus uncinata Miller sotto la specie collettiva Pinus montana Mill. Tuttavia, le differenze fra i due taxa sono tali che attualmente le più recenti flore li considerano specie separate. A Pinus mugo Turra sono da riferirsi, come sinonimi o come entità sottospecifiche: P. montana Mill. subs. mughus Heer, P. montana Mill. var mughus Willk., P. mughus Scop., P. mughus Scop. var mughus Zen., P. mugo Turra var. mughus Zen., P. mugo Turra var. pumilio Zen e P. pumilio Haenke. Pinus mugo var. pumilio è presente in alcune zone delle Alpi Occidentali; è difficile da distinguere. Il pino uncinato (Pinus mugo subsp. uncinata) ha molte caratteristiche in comune con il pino mugo, ma più facilmente di questo si sviluppa in forma arborea (albero con portamento piramidale alto fino a 10–12 m), inoltre, anche negli esemplari prostrati (prevalenti alle quote superiori del piano subalpino), i rami del pino uncinato si presentano eretti nella porzione terminale, le sue pigne sono infine maggiori (lunghe fino a 7 cm) e hanno base asimmetrica, questa entità è più diffusa nelle Alpi occidentali (dove Pinus mugo ssp. mugo è sporadico) ed è meno calcifila della subspecie nominale (adattandosi a vivere anche su ofioliti e perfino su substrati a debole reazione acida), la sua origine rimane incerta, si ipotizza sia un ibrido fissato tra Pinus mugo ssp. mugo (o forme analoghe già presenti sul territorio europeo occidentale durante la glaciazione Riss) e il Pinus sylvestris.

Ecologia[modifica | modifica sorgente]

È pianta pioniera e stabilizzatrice di terreni sterili, incoerenti e pietrosi, ove, frammentando il manto nevoso invernale, contribuisce anche a proteggere i fondovalle dalle slavine, quindi utilissima ancorché ecologicamente legata alle sole quote montane. Offre riparo e rifugio a molte specie animali, fra cui il gallo forcello e il crociere, fra gli uccelli, ed il camoscio, fra i mammiferi ungulati, che è pressoché semi-simbiotico con la specie, dei cui germogli ed aghi si nutre nelle stagioni più ingrate. Per l'elevata importanza ecologica e per le proprietà officinali (se ne ricava il mugolio, essenza largamente utilizzata in farmacologia ed erboristeria per preparati curativi delle affezioni bronchiali) è pianta che merita assoluta protezione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Farjon, A., 2013, Pinus mugo in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Pinus mugo in The Plant List. URL consultato il 15 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Boratynski, A., Jasinska, A., Boratynski, K., Iszkulo, G. and Piorkowska, M. 2009. Life span of needles of Pinus mugo Turra: Effect of altitude and species origin. Polish Journal of Ecology 57(3): 567-572.
  • Farjon, A. 2001. World Checklist and Bibliography of Conifers. 2nd edition. The Royal Botanic Gardens, Kew.
  • Farjon, A. 2010. Conifer Database (June 2008) In Species 2000 & ITIS Catalogue of Life: 2010 Annual Checklist (Bisby F.A., Roskov Y.R., Orrell T.M., Nicolson D., Paglinawan L.E., Bailly N., Kirk P.M., Bourgoin T., Baillargeon G., eds). Reading, UK. Available at: http://www.catalogueoflife.org/.
  • Farjon, A. 2010. A Handbook of the World's Conifers. Koninklijke Brill, Leiden.
  • Schmidt, P.A. 2011. Pinus mugo agg. In: A. Roloff, H. Weisgerber, U.M. Lang and B. Stimm (eds), Enzyklopädie der Hölzgewächse. Handbuch und Atlas der Dendrologie. 58. Erg. Lfg. 06/11, pp. 1-32. WILEY-VCH-Verlag, Weinheim.
  • Vidacović, M. 1991. Conifers; Morphology and Variation. Grafićki Zavod Hrvatske, Zagreb.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]