Pikachu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pikachu (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pikachu
Pikachu
Pikachu

Nome nelle varie lingue
Italiano Pikachu
Giapponese ピカチュウ Pikachū
Pokédex
Colore Giallo
Classico 025
Johto 22
Hoenn 156
Sinnoh 104
Caratteristiche
Specie Pokémon Topo
Altezza 40 cm
Peso 6 kg
Generazione Prima
Evoluzione di Pichu
Evolve in Pietratuono Raichu
Stato Base
Tipo Elettro
Legenda · progetto Pokémon

Pikachu (in giapponese ピカチュウ Pikachū) è un Pokémon della Prima generazione di tipo Elettro. Il suo numero identificativo Pokédex è 25.

Nel contesto del franchise creato da Satoshi Tajiri, Pikachu evolve da Pichu al raggiungimento di uno specifico livello di felicità e si evolve a sua volta in Raichu tramite l'utilizzo dell'oggetto Pietratuono.

Ideato dal team di designer della Game Freak, Pikachu fa la sua prima apparizione nel 1996 nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu ed è presente nella maggior parte dei videogiochi della serie. Dopo essere stato scelto come personaggio principale della serie animata Pokémon a fianco di Ash Ketchum, è diventato la mascotte ufficiale del franchise[1]. Appare inoltre in tutti i film di Pokémon, nel Pokémon Trading Card Game, dove è il Pokémon più rappresentato in assoluto, e in numerosi manga derivati dalla serie, oltre ad essere protagonista dei videogiochi Pokémon Giallo, Pokémon Dash, Hey You, Pikachu! e PokéPark Wii: La grande avventura di Pikachu.

Considerato uno dei personaggi più famosi e conosciuti del franchise, Pikachu è assurto a icona della cultura giapponese e kawaii. Per la sua popolarità è stato paragonato all'equivalente giapponese di Topolino[2] ed è stato oggetto di numerose campagne commerciali, omaggi e parodie.

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto di Pikachu è stato modellato su quello del topo.

Il franchise Pokémon, sviluppato da Game Freak e pubblicato dalla Nintendo a partire dal 1996, ruota attorno alla cattura e all'addestramento di una serie di creature chiamate "Pokémon", che sono schierati dai giocatori per combattere contro Pokémon selvatici o quelli di altri allenatori. La forza dei Pokémon è determinata dai loro valori di attacco, difesa e velocità e possono apprendere nuove mosse accumulando punti esperienza.

Pikachu fu uno dei 151 design di Pokémon ideati dal team di sviluppo dei personaggi di Game Freak per i videogiochi di prima generazione Pokémon Rosso e Blu ed è stato sviluppato da Atsuko Nishida[3] e finalizzato, come tutti i suoi simili, da Ken Sugimori[4]. Nonostante non facesse parte della prima ondata di Pokémon creati, quando si decise di introdurre il tipo Elettro, Pikachu, descritto dall'ideatore della serie Satoshi Tajiri come un "topo elettrico"[5], fu sviluppato come primo esempio di questa categoria[6]. Nelle fasi iniziali di progettazione del gioco, la critica più comune al lavoro del team di sviluppo era che i mostriciattoli non fossero abbastanza mostruosi e venne quindi proposto un design di Pikachu più minaccioso e muscoloso. L'allora presidente della Nintendo Hiroshi Yamauchi, però, era convinto che la strada intrapresa fosse quella giusta e si rifiutò di modificare l'aspetto "gioioso" del Pokémon[7].

Il suo nome deriva dall'unione delle parole giapponesi pika (ピカ?), onomatopea che indica una scintilla, e chū (チュー?), lo squittio del topo[5], invalidando così le teorie di numerosi fan che vedevano nel nome del Pokémon un riferimento a Pika, un sottogenere di piccoli mammiferi lagomorfi[8][9]. Nel corso di un'intervista, Junichi Masuda affermò che il nome di Pikachu era stato tra i più difficili da creare, in quanto ci si sforzò di renderlo accattivante sia al pubblico giapponese sia a quello internazionale[10]. In effetti Pikachu è uno dei pochi Pokémon a conservare il nome originale giapponese anche nei vari adattamenti internazionali, semplicemente trascritto negli alfabeti latino (Pikachu), cirillico (Пикачу) e coreano (피카츄).

Pikachu venne concepito come un Pokémon tra i tanti, ma durante gli stadi iniziali della progettazione del franchise fu scelto insieme a Clefairy come protagonista del merchandising correlato alla serie[5]. Infine si impose come mascotte solitaria quando divenne il primo Pokémon di Ash Ketchum nella serie animata[11]. Gli autori ritenevano infatti che il suo aspetto kawaii avrebbe costituito un'immagine di animale da compagnia rassicurante per i bambini e avrebbe potuto attirare un pubblico sia maschile che femminile[5][12]. Come sottolineato dall'antropologo statunitense Joseph Tobin, anche il colore giallo fu un criterio per la scelta finale, in quanto, quale colore primario, avrebbe reso Pikachu facilmente riconoscibile dai bambini anche a grande distanza; e considerando che all'epoca esisteva un solo altro personaggio dello stesso colore, a sua volta molto amato dai bambini, l'orsetto Winnie the Pooh[13].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Pikachu (ピカチュウ?) ed il Pokémon stesso sono marchi registrati[14]
Un Pikachu che utilizza la mossa Surf in Pokémon Stadium

Alto una quarantina di centimetri e del peso di sei chili, Pikachu ha l'aspetto di un roditore, con un corpo arrotondato, zampe corte e una coda che ricorda il simbolo di un fulmine. In Pokémon Diamante e Perla furono introdotte le differenze tra i sessi e gli esemplari femmina di Pikachu ricevettero un'indentatura in cima alla coda rendendola simile alla forma di un cuore. Il suo pelo è corto e giallo, tranne per la versione cromatica in cui è arancione chiaro, con striature marroni sul dorso e la punta delle lunghe orecchie nera. Sulle guance ha due sacche rosse in cui immagazzina l'elettricità[15] che può rilasciare a piacimento per attaccare, ricaricare altri Pikachu indeboliti[16] o cuocere le bacche di cui si nutre per renderle più tenere[17]. Inizialmente tozzo e paffuto, il design del personaggio è evoluto verso una figura più magra e asciutta, tanto nei videogiochi quanto nella serie televisiva[18].

Secondo il Pokédex, l'enciclopedia fittizia presente all'interno dei videogiochi, i Pikachu sono Pokémon diffidenti[19] che sorvegliano l'ambiente ricorrendo alla loro coda sensibile[20][21] e che ricorrono a scariche elettriche se minacciati[22][23] o quando incontrano qualcosa che non conoscono[24]. Il loro habitat naturale è la foresta[25]. Come la maggior parte dei Pokémon non parla, ma nella serie televisiva comunica ripetendo le sillabe del proprio nome con tonalità differenti[26] o si esprime mediante il linguaggio del corpo.

Pikachu si evolve in Raichu se esposto ad un oggetto chiamato Pietratuono. A partire da Pokémon Oro e Argento è stato introdotto Pichu, uno stadio pre-evolutivo del Pokémon derivato da un uovo di Pikachu o Raichu, che si evolve in Pikachu dopo aver raggiunto un livello sufficiente di amicizia con il proprio allenatore.

Mosse[modifica | modifica wikitesto]

Pikachu può apprendere gli attacchi di tipo Elettro Tuonoshock, Tuononda, Energisfera, Fulmine, Scarica, Tuono, Raggioscossa e Sprizzalampo ed è l'unico Pokémon a poter usare la mossa Locomovolt. Nelle generazioni precedenti alla quinta, il Pokémon era capace di utilizzare alcune mosse tra cui Ondashock, Falcecannone e Tuonopugno. Pikachu utilizza inoltre numerosi attacchi di tipo Normale, comprese le mosse Colpocoda, Attacco Rapido e Doppioteam. Nel gioco di carte collezionabili alcuni Pikachu utilizzano Graffio ed Azione e in alcuni media, tra cui Pokémon Giallo, Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver, Pokémon Stadium, Pokémon Stadium 2 e Pokémon Battle Revolution, sono apparsi esemplari in grado di utilizzare le mosse Volo e Surf, sebbene nei videogiochi il Pokémon non possa apprendere tali attacchi[27]. In Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha Pikachu Cosplay può apprendere le mosse Meteorpugno, Campo Elettrico, Assorbibacio, Scagliagelo e Schiacciatuffo[28]. Nei videogiochi della serie Super Smash Bros. Pikachu utilizza le mosse Fulmine, Capocciata, Tuono, Attacco Rapido e Locomovolt.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Game Boy Color giallo raffigurante Pikachu e Pichu

Nei videogiochi della serie, Pikachu è un Pokémon catturabile in tutti i titoli tranne Pokémon Nero e Bianco, dove può essere ottenuto solo scambiandolo[29][30]. Il gioco Pokémon Giallo si rifà alla serie anime e presenta il solo Pikachu come scelta per il Pokémon iniziale. Come la sua controparte animata, Pikachu si rifiuta di entrare nella sua Poké Ball e segue invece l'allenatore nei suoi spostamenti, non si può evolvere in Raichu ed è in grado di pronunciare il proprio nome[31]. Il Pikachu di livello 88 utilizzato da Rosso al termine di Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver è il Pokémon di un personaggio non giocante di livello più elevato apparso in un videogioco della serie[32].

Pikachu promozionali, con oggetti particolari, attacchi che normalmente non potrebbero apprendere e livelli elevati, sono stati distribuiti in occasione di svariati eventi in Giappone, Europa e Nord America a partire dal 2003[33]. Dal 1º aprile al 5 maggio 2010 un evento speciale ha permesso ai giocatori di Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver di accedere ad un percorso che conteneva solamente Pikachu selvatici in possesso di attacchi inusuali come Surf e Volo[27].

Pikachu è presente anche in videogiochi che non appartengono alla serie principale di Pokémon. Pokémon Pikachu è un modello di gioco virtual pet con protagonista Pikachu[34]. Egli compare inoltre in Pokémon Ranger: Ombre su Almia, è uno dei sedici starter nella serie Pokémon Mystery Dungeon ed è il protagonista di Pokémon Dash, Hey You, Pikachu! e PokéPark Wii: La grande avventura di Pikachu[35][36]. Infine il Pokémon è un personaggio giocabile in tutti e quattro i titoli della serie Super Smash Bros.[37].

Anime[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva Pokémon e i film da essa tratti seguono le avventure del giovane allenatore Ash Ketchum, in giro per il mondo per diventare il miglior allenatore di sempre. Il Pikachu di Ash costituisce uno dei personaggi principali e il solo Pokémon a restare con l'allenatore per tutta la durata della serie, divenendo la mascotte della serie e per estensione dell'intero franchise[5]. Oltre ad apparire in tutti i lungometraggi dei Pokémon, ciascun film della serie si apre con un cortometraggio con protagonista Pikachu.

Pikachu compare fin dal primo episodio della serie, L'inizio di una grande avventura (Pokémon, I Choose You!), in cui il Professor Oak dona ad Ash Ketchum un esemplare come Pokémon iniziale. Dapprima ribelle e freddo nei confronti dell'allenatore, sviluppa una profonda amicizia con Ash in seguito ad un episodio in cui l'allenatore lo difende da uno stormo di Spearow. A differenza degli altri Pokémon, Pikachu viaggia costantemente al fianco di Ash, rifiutandosi tenacemente di entrare nella propria Poké Ball. Estremamente potente, è sistematicamente bersaglio dei piani del trio del Team Rocket, che cerca di impossessarsene nella maggior parte degli episodi[38]. È noto per la sua inusuale dose di indipendenza e libero arbitrio: nell'episodio Un incontro da elettroshock (Electric Shock Showdown) sceglie di non evolversi in Raichu, mentre in Addio Pikachu! (Pikachu's Good-Bye) Ash vorrebbe liberarlo per farlo vivere coi suoi simili, ma il Pokémon Elettro decide di rimanere con il suo allenatore. Come molti altri Pokémon, il Pikachu di Ash si esprime ripetendo le sillabe del proprio nome ed è doppiato da Ikue Ōtani nella versione originale così come in tutte le edizioni estere[39].

Un francobollo dedicato a Pikachu emesso dalla poste giapponesi

Nell'anime compaiono anche altri Pikachu oltre a quello di Ash: nell'episodio La grande onda (The Pi-Kahuna) si vede Puka, un Pikachu anziano in grado di fare surf; in Chi trova un amico trova un tesoro (A Friend In Deed) Ash stringe amicizia con l'allenatore Richie che possiede un Pikachu soprannominato Sparky, riconoscibile da un caratteristico ciuffo sulla fronte. Richie e Sparky incontreranno nuovamente Ash e Pikachu in alcuni episodi ambientati nella regione di Johto e sono protagonisti di alcuni episodi speciali della serie Pokémon Chronicles. La voce del Pokémon è di Satomi Kōrogi[40].

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Pikachu è un personaggio ricorrente nelle serie manga sui Pokémon. In Pokémon Adventures gli allenatori Red e Yellow possiedono due esemplari di Pikachu, denominati Pika e Chuchu, dalla cui unione nascerà il Pichu di Gold. Ne Il magico viaggio dei Pokémon e in Pokémon Manga, Pikachu è il Pokémon iniziale dei due protagonisti; mentre Dengeki! Pikachu e Satoshi to Pikachu ripercorrono abbastanza fedelmente parte delle avventure di Ash della serie televisiva e presentano quindi entrambe il suo fedele Pikachu.

Carte collezionabili[modifica | modifica wikitesto]

Pikachu compare nel gioco di carte collezionabili Pokémon Trading Card Game fin dall'inizio della serie nell'ottobre 1996. Sebbene principalmente di tipo Lampo, esistono alcune versioni del Pokémon di tipo Metallo. Con oltre 80 carte dedicate, è il Pokémon più rappresentato del gioco, con carte raffiguranti il Pikachu di Ash e del capopalestra Lt. Surge e numerose carte promozionali ed edizioni limitate, prodotte dalla Wizards of the Coast, dalla Nintendo e da The Pokémon Company[41]. Tra le aziende che hanno utilizzato carte di Pikachu a fini pubblicitari figurano Toyota[42], McDonald's[43][44] e All Nippon Airways[45].

Accoglienza e impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Toyota dalle fattezze di Pikachu all'Expo 2005

Pikachu si è guadagnato la fama di Pokémon più popolare del franchise e viene spesso considerato per estensione il simbolo stesso dei Pokémon. La sua popolarità ha varcato i confini della serie e il suo aspetto è riconosciuto indistintamente da grandi e bambini siano essi conoscitori della saga o meno[46][47]. Personaggio molto amato in Giappone dove costituisce un'icona della cultura kawaii[5][48][49], Pikachu è diventato una celebrità mondiale, al punto da essere considerato l'equivalente giapponese di Topolino[2].

Il Guinness dei primati ha incluso Pikachu al 20º posto nella lista dei personaggi dei videogiochi più amati di tutti i tempi[50], mentre l'edizione asiatica del mensile TIME lo ha eletto nel 1999 al secondo posto come persona migliore dell'anno e lo ha definito «il personaggio d'animazione più amato dai tempi di Hello Kitty»[51].

In un sondaggio condotto da Oricon nel 2008, Pikachu si è piazzato al 4º posto come personaggio dei videogiochi più popolare in Giappone, a pari merito con Solid Snake di Metal Gear e Slime di Dragon Quest[52]. La redazione della rivista Nintendo Power l'ha elencato come il suo 9º eroe preferito, affermando che nonostante sia stato uno dei primi Pokémon creati è ancora popolare al giorno d'oggi[53]. Il Pikachu della serie animata è stato votato 8º miglior personaggio degli anime in un poll del 2000 promosso dal canale televisivo Animax[54] e TV Guide e IGN l'hanno inserito nelle loro classifiche dei personaggi preferiti degli anime rispettivamente al 15º e all'8º posto[55][56]. D'altro canto, il Pokémon si colloca al primo posto nella top ten di AskMen dei personaggi animati più irritanti degli anni novanta[57] e in un sondaggio di IGN sui Pokémon preferiti dagli appassionati si è classificato solo 48º, risultato che lo staff del sito ha ricondotto al fatto che «la maggior parte di noi è un po' stanca di vedere la sua faccia paffuta e gialla dappertutto»[58].

In merito alla sua grande popolarità, Pikachu è citato, omaggiato e parodiato anche in contesti esterni al mondo dei Pokémon. Nel 2001 lo stato di Niue, nell'Oceano Pacifico, ha emesso una serie di monete commemorative dedicate ai Pokémon, tra cui una con Pikachu[59]. Apparso più volte ne I Simpson[60], il Pokémon è stato citato anche in trasmissioni come Top Gear[61] e Heroes[62]. La sua parodia Ling-Ling è uno dei protagonisti dello show televisivo Drawn Together[63][64]. Ecoha-chan, la mascotte ecologica della città di Ube, è stata criticata per un'eccessiva somiglianza alla mascotte dei Pokémon[65] e ritirata dall'amministrazione comunale dopo un colloquio con The Pokémon Company[66].

Nel 2000 è circolato su internet il worm Pikachu, che, sfruttando la popolarità del Pokémon presso i bambini, ha infettato i sistemi operativi di computer in tutto il mondo[67]. Nel 2008, una proteina scoperta da un'équipe dell'Università di Osaka è stata chiamata Pikachurina in onore del Pokémon[68]. In occasione del campionato mondiale di calcio 2014, la nazionale giapponese ha eletto Pikachu e altri Pokémon come mascotte ufficiali della formazione[69]; l'immagine di Pikachu è stata inoltre inserita sulla divisa della squadra, sotto allo stemma dello sponsor Adidas[70].

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Pikachu e altri Pokémon raffigurati sulla fusoliera di un Boeing 747-400 di All Nippon Airways

In qualità di mascotte del franchise Pokémon, l'immagine di Pikachu è utilizzata in modo ricorrente nel merchandising della serie e costituisce insieme al nome Pikachu (ピカチュウ?) un marchio registrato[14]. Tra le tante categorie merceologiche, il Pokémon appare come action figure[71], peluche e illustrato su console[72], figurine, materiale per la scuola, abbigliamento e gadget vari[73][74]. Nel 2003 la rivista Forbes ha stimato che i ricavi annuali legati al Pokémon si aggiravano sugli 825 milioni di dollari, rendendolo ottavo nella lista dei personaggi immaginari per guadagni in un anno[75]. Nel 2004 il personaggio ha perso due posizioni, mantenendo invariato il volume di affari a 825 milioni[76].

Pikachu ha fatto diverse apparizioni in eventi promozionali. Nel 1998 la città statunitense di Topeka [tɵˈpiːkə] ha cambiato per un giorno il suo nome in "Topikachu", in omaggio alla creatura e in occasione del approdo del franchise sul suolo americano[77]; l'anno successivo, l'esposizione di tre modelli di Volkswagen New Beetle modificati per assomigliare a Pikachu, hanno accompagnato il lancio ufficiale del gioco di carte di Pokémon in Nord America[78]. Il Pokémon è stato scelto come uno dei rappresentanti della campagna di sensibilizzazione Got Milk?, rivolta ai bambini sull'importanza di bere latte[79]. Un pupazzo gonfiabile di Pikachu è presente nella Macy's Thanksgiving Day Parade dal 2001[80]. Il pupazzo originale è stato utilizzato per l'ultima volta in occasione dei festeggiamenti per il decimo anniversario del franchise, l'8 agosto 2006 nel Bryant Park di New York City[81][82], mentre un nuovo pallone del Pokémon che insegue una Poké Ball ha debuttato alla parata del 2006[83].

Tra le aziende che hanno omaggiato il Pokémon vi sono infine la Toyota, che all'Expo 2005 e al Tokyo Toy Show 2012 e 2014 ha presentato dei modelli di automobile modificati nel colore e nella livrea per assomigliare a Pikachu[84], e la compagnia aerea All Nippon Airways che ha decorato alcuni suoi velivoli con immagini dei Pokémon, tra cui Pikachu[49][85].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vieni a conoscere i Pokémon, pokemonrubysapphire.com. URL consultato il 14 luglio 2014.
  2. ^ a b Tobin 2004, p. 34
  3. ^ (EN) Natsume's Hometown Story Available for Play at E3, gamasutra.com, 29 maggio 2013. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  4. ^ (JA) 2. 一新されたポケモンの世界, Nintendo, p. 2. URL consultato il 29 novembre 2014.
  5. ^ a b c d e f (EN) Time Larimer, The Ultimate Game Freak, CNN, 22 novembre 1999. URL consultato il 30 novembre 2014.
  6. ^ (JA) 『ポケットモンスター』ˈˈスタッフインタビュー, Nintendo. URL consultato il 30 novembre 2014.
  7. ^ (EN) Mayumi Negishi, Nintendo Walks Fine Line Between Change and Identity, Digits, 29 gennaio 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  8. ^ (PT) Pikachu não é um rato!, mundodrive.com. URL consultato il 30 novembre 2014.
  9. ^ (EN) Pokémon name origins, pokemondb.net. URL consultato il 30 novembre 2014.
  10. ^ (EN) McKinley Noble, Pokemon Platinum: Developer Interview!, GamePro, 23 marzo 2009. URL consultato il 30 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2009).
  11. ^ Tobin 2004, p. 63
  12. ^ Tobin 2004, p. 63-64
  13. ^ Tobin 2004, p. 64
  14. ^ a b Registrazione n. 4288312 del Japan National Center for Industrial Property.
  15. ^ Game Freak, Pokémon Zaffiro, Nintendo, 2003.
    «Pikachu immagazzina l'elettricità nelle guance. Pare che queste si ricarichino durante la notte quando dorme. Talvolta emette delle scariche elettriche al risveglio mentre è ancora assonnato.».
  16. ^ Game Freak, Pokémon Platino, Nintendo, 2009.
    «Di tanto in tanto ricarica gli altri Pikachu indeboliti usando una scarica elettrica.».
  17. ^ Game Freak, Pokémon Oro, Nintendo, 2001.
    «Questo Pokémon cuoce le bacche dure con elettricità, per renderle tenere prima di mangiarle.».
  18. ^ (EN) Brian Ashcraft, Pikachu Used To Be Way Cuter (and Fatter), kotaku.com, 25 febbraio 2013. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  19. ^ Game Freak, Pokémon Perla, Nintendo, 2007.
    «Se l'elettricità contenuta nelle sacche sulle sue guance scoppietta, significa che è diffidente.».
  20. ^ Game Freak, Pokémon Giallo, Nintendo, 2000.
    «Con la coda ritta sonda i dintorni. Se gliela si tira si innervosisce, si gira e cerca di mordere.».
  21. ^ Game Freak, Pokémon Argento, Nintendo, 2001.
    «Solleva la coda per analizzare l'ambiente. La coda talvolta è colpita da un lampo in questa posizione.».
  22. ^ Game Freak, Pokémon Cristallo, Nintendo, 2001.
    «Quando s'arrabbia, libera subito l'energia accumulata nelle tasche delle guance.».
  23. ^ Game Freak, Pokémon Y, Nintendo, 2013.
    «Se spaventato, perde scariche elettriche dalle due sacche che ha sulle guance.».
  24. ^ Game Freak, Pokémon Rubino, Nintendo, 2003.
    «Quando Pikachu incontra qualcosa che non conosce, lo colpisce con una scarica elettrica. Quando si vede una bacca annerita, è evidente che questo Pokémon ha emesso una scossa troppo forte.».
  25. ^ Game Freak, Pokémon Diamante, Nintendo, 2007.
    «Vive nelle foreste insieme agli altri. Immagazzina elettricità nelle sacche sulle guance.».
  26. ^ Pizzato 2008, p. 78
  27. ^ a b (EN) Lucas M. Thomas, Take a pokewalk through the Yellow Forest, IGN, 1º aprile 2010. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  28. ^ Svelato il mistero di Pikachu Cosplay!, Nintendo. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  29. ^ (EN) Pikachu Pokemon – Pokedex, IGN. URL consultato il 2 novembre 2014.
  30. ^ (EN) James Plafke, Pokémon X and Y: Where and how to catch a Pikachu, geek.com, 14 ottobre 2013. URL consultato il 2 novembre 2014.
  31. ^ (EN) Craig Harris, Pokemon Yellow: Special Pikachu Edition, IGN, 19 ottobre 1999. URL consultato il 2 novembre 2014.
  32. ^ (EN) Pokémon Trainer Red, serebii.net. URL consultato il 2 novembre 2014.
  33. ^ (EN) Eventdex - #25 Pikachu, serebii.net. URL consultato il 2 novembre 2014.
  34. ^ (EN) Pokémon Pikachu (original) FAQ, Nintendo. URL consultato il 2 novembre 2014.
  35. ^ (EN) Pokemon Report: Across the Poke-Universe, IGN, 24 ottobre 2004. URL consultato il 2 novembre 2014.
  36. ^ (EN) Nintendo officially announces PokePark Wii, joystiq.com, 15 ottobre 2009. URL consultato il 2 novembre 2014.
  37. ^ (EN) Pikachu - Super Smash Bros., IGN. URL consultato il 2 novembre 2014.
  38. ^ Tobin 2004, p. 234
  39. ^ Camp, Davis 2007, p. 282
  40. ^ (EN) Satomi Koorogi, Anime News Network. URL consultato il 6 novembre 2014.
  41. ^ (EN) Cardex - #25 Pikachu, serebii.net. URL consultato il 2 novembre 2014.
  42. ^ (EN) Japanese Pikachu -- Toyota PROMO, collectorscache.com. URL consultato il 2 novembre 2014.
  43. ^ (EN) McDonald's Campaign Expansion Set, pojo.com. URL consultato il 2 novembre 2014.
  44. ^ (EN) McDonald's Collection (2014), pokellector.com. URL consultato il 2 novembre 2014.
  45. ^ (EN) Flying Pikachu (ANA promo 99), Bulbapedia. URL consultato il 2 novembre 2014.
  46. ^ (EN) Kym Buchanan, George Bush vs. Pikachu: Students' Recognition of Famous People vs. Video Game Characters in Journal of Educational Multimedia and Hypermedia.
  47. ^ (EN) Álvaro García Sepúlveda, The Biggest of All Families: The History of Taxonomy and its Impact on Society, University of Otago, ottobre 2011.
  48. ^ (FR) Des figures de la culture « kawaii » imprégnées des valeurs japonaises in Le Monde, 17 dicembre 1999.
  49. ^ a b (EN) Anne Allison, The Cultural Politics of Pokemon Capitalism in Media in Transition 2: Globalization and Convergence, 2002.
  50. ^ (EN) Mike Snider, Mario rated top video game character of all time, USA Today, 16 febbraio 2011. URL consultato il 3 novembre 2014.
  51. ^ (EN) The Best People of 1999, TIME, 20 dicembre 1999. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2009).
  52. ^ (EN) Brian Ashcraft, And Japan's Favorite Video Game Characters Are...?, Kotaku, 12 agosto 2008. URL consultato il 3 novembre 2014.
  53. ^ (EN) Nintendo Power 250th issue! in Nintendo Power, 2010, pp. 40-41.
  54. ^ (EN) Gundam Tops Anime Poll, Anime News Network, 12 settembre 2000. URL consultato il 3 novembre 2014.
  55. ^ (EN) TV Guide's 50 greatest cartoon characters of all time, CNN, 30 luglio 2002. URL consultato il 3 novembre 2014.
  56. ^ (EN) Chris Mackenzie, Top 25 Anime Characters of All Time, IGN, 20 ottobre 2009, p. 4. URL consultato il 3 novembre 2014.
  57. ^ (EN) Ryan Murphy, Top 10: Irritating '90s Cartoon Characters, AskMen. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2008).
  58. ^ (EN) Pikachu – #48 Top Pokémon, IGN. URL consultato il 3 novembre 2014.
  59. ^ (EN) Niue, chiefacoins.com. URL consultato il 3 novembre 2014.
  60. ^ (EN) Pikachu, Simpsons Wiki. URL consultato il 3 novembre 2014.
  61. ^ Jeremy Clarkson, Richard Hammond, James May, The StigTop Gear: episodio 11x1, 11x1.
  62. ^ (EN) John Kubicek, Heroes: Episode 3.13 "Dual," Volume 3 Finale Recap, buddytv.com, 15 dicembre 2008, p. 2. URL consultato il 3 novembre 2014.
  63. ^ (EN) Nancy Basile, 'Drawn Together' Characters – Ling-Ling, About.com. URL consultato il 3 novembre 2014.
  64. ^ (EN) Robert Lloyd, 'Drawn' is parody that lacks smarts, Los Angeles Times, 27 ottobre 2004. URL consultato il 3 novembre 2014.
  65. ^ (EN) Pikachu Lookalike Appears, Pokémon Co. Mulls Response, Anime News Network, 3 agosto 2011. URL consultato il 3 novembre 2014.
  66. ^ (EN) Pikachu Lookalike Mascot Costume Abandoned by City, Anime News Network, 10 agosto 2011. URL consultato il 3 novembre 2014.
  67. ^ Nuovo virus in Rete travestito da Pokémon, la Repubblica, 24 agosto 2000. URL consultato il 3 novembre 2014.
  68. ^ (EN) Jenni Lada, Protein named after Pokemon – Pikachurin, technologytell.com, 4 agosto 2008. URL consultato il 3 novembre 2014.
  69. ^ Matteo Mistretta, Mondiali 2014, Giappone con mascotte speciali: i Pokémon, sportlive.it, 17 marzo 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  70. ^ (EN) Support Team Japan With A Pikachu Adidas Jersey, Anime News Network, 27 maggio 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  71. ^ (EN) Pokemon: Trading Figure Game Interview, IGN, 9 novembre 2007. URL consultato il 2 novembre 2014.
  72. ^ (EN) Pokémon - Special Edition Consoles, serebii.net. URL consultato il 2 novembre 2014.
  73. ^ Pokemon Collectables Pikachu Toys su eBay.
  74. ^ (EN) Pikachu Merchandise, Tumblr. URL consultato il 2 novembre 2014.
  75. ^ (EN) Vanessa Gisquet, Top-Earning Fictional Characters - Pikachu, Pokémon, Forbes, 25 settembre 2003. URL consultato il 3 novembre 2014.
  76. ^ (EN) Vanessa Gisquet, Top-Earning Fictional Characters - Pikachu, Pokémon, Forbes, 19 ottobre 2004. URL consultato il 3 novembre 2014.
  77. ^ (EN) Bill Blakenship, Nintendo's hugely popular Japanese video game makes U.S. debut in Kansas capital, Topeka Capital-Journal, 28 agosto 1998. URL consultato il 3 novembre 2014.
  78. ^ (EN) The Pokemon Phenomenon Continues with National Launch of the Pokemon Trading Card Game on January..., Business Wire, 17 gennaio 1999. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  79. ^ (EN) Pikachu Guzzles Milk to Become Most Powerful Pokemon; Kids' Favorite Pokemon Character Wears a Milk Mustache to Help Battle Weak Bones, Business Wire, 26 aprile 2000. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2012).
  80. ^ (EN) Macy's Thanksgiving Day Parade 2001 - Featured Balloons and Performers, ny.com. URL consultato il 3 novembre 2014.
  81. ^ (EN) Corina Zappia, How Has Pokémon Not Died Yet?, villagevoice.com, 8 agosto 2006. URL consultato il 3 novembre 2014.
  82. ^ (EN) Roger Clark, Pokemon Mania Takes Over Bryant Park, ny1.com, 8 agosto 2006. URL consultato il 3 novembre 2014.
  83. ^ (EN) Mike Fahey, The History Of Gaming Balloons In The Macy's Thanksgiving Day Parade, kotaku.com, 26 novembre 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  84. ^ (EN) Toyota shows off Pikachu, Fennekin Toyopet Pokemon cars at Tokyo Toy Show 2014, japantrends.com, 13 giugno 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  85. ^ Tobin 2004, p. 5

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, p. 72, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 77, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 15, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 87, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Elizabeth Hollinger, Pokémon Ruby & Sapphire: Prima's Official Strategy Guide, Prima Games, 2003, p. 118, ISBN 978-0-7615-4256-8.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 97, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Joseph Tobin, Pikachu's Global Adventure: The Rise and Fall of Pokémon, Duke University Press, 2004, ISBN 0-8223-3287-6.
  • (EN) Fletcher Black, Pokémon Emerald: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2005, p. 191, ISBN 978-0-7615-5107-2.
  • (EN) Brian Camp e Julie Davis, Pokémon in Anime Classics Zettai!: 100 Must-See Japanese Animation Masterpieces, Stone Bridge Press, 2007, p. 282, ISBN 978-1-933330-22-8.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 26, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Mark Pizzato, Pokémon as Theater: Training the Pocket Monsters of Self of Consumerism in Mark I. West (a cura di), The Japanification of Children's Popular Culture: From Godzilla to Miyazaki, Scarecrow Press, 2008, ISBN 978-0-8108-6249-4.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 400, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 238, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 211, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 2 agosto 2011vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue