Pietro Zanolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Zanolini
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Nato 29 giugno 1866 a Merlara
Deceduto 1923 a Lodi

Pietro Zanolini (Merlara, 29 giugno 1866Lodi, 1923) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eletto vescovo di Fabriano e Matelica nel 1910, nei tre anni di episcopato promosse la devozione alla reliquia della Scala Santa, di cui un frammento fu sistemato nella chiesa di sant'Onofrio di Fabriano.[1]

Fu trasferito alla sede episcopale di Lodi nel 1913. Qui si occupò dei giovani, che attraverso l'Azione cattolica, si contrapponevano alle organizzazioni giovanili fasciste durante gli anni dello squadrismo. Il vescovo dichiarò in quei frangenti: «Se occorre una vittima, sarà il Vescovo circondato dai suoi giovani».[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Scala Santa a Fabriano
  2. ^ P. Pecorari, Chiesa, Azione cattolica e fascismo nell'Italia settentrionale durante il pontificato di Pio XI (1922-1939), Brescia 1977, p. 606

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Fabriano e Matelica Successore BishopCoA PioM.svg
Luciano Gentilucci 1910 - 1913 Andrea Cassulo
Predecessore Vescovo di Lodi Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Battista Rota 1913 - 1923 Ludovico Antomelli