Pietro Salvo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Salvo
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Camera del Regno d'Italia
Pietro Salvo.jpg
Luogo nascita Porto Maurizio
Data nascita 1º gennaio 1891
Luogo morte Oneglia
Data morte 5 maggio 1945
Professione commerciante
Partito PNF
Legislatura XXVIII, XXX

Pietro Salvo (Porto Maurizio, 1 gennaio 1891Oneglia, 5 maggio 1945) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Commerciante (era negoziante di olio), fu eletto, nel 1929 nel "listone" fascista per la ventottesima legislatura del Regno, fino al 1934[1].

Successivamente si disinteressò di politica ma nella notte tra il 4 e 5 maggio 1945 fu prelevato dalla polizia partigiana e fucilato insieme ad altri fascisti o presunti tali nella strage di Costa d'Oneglia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://storia.camera.it/deputato/pietro-salvo-18910101/leg-regno-XXVIII#nav