Pietro Paltronieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomba allegorica di Lord Dorset, British Museum.

Pietro Paltronieri (Mirandola, 1673Bologna, 8 luglio 1741) è stato un pittore italiano, conosciuto come il Mirandolese o Mirandolese dalle prospettive per il genere di pittura nel quale eccelleva..

Vista con rovine e porto fluviale, Collezioni Comunali d'Arte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paltronieri fu un allievo di Giovanni Francesco Cassana e di Marcantonio Chiarini. La prima importante commissione ottenuta dall'artista a Bologna fu un gruppo di dieci dipinti, datati 1712, per la casa Sage-Marulli. I dipinti rappresentano grandiosi edifici in cui si svolgono scene di natura mitologica, con protagonisti Danae, Europa e Zeus. Intorno al 1720, dopo un viaggio di formazione a Roma, realizzò dei dipinti per palazzo Caprara, ispirandosi a ciò che aveva visto nella città laziale.

Paltronieri fece parte di un gruppo di artisti selezionati a partire dal 1722 da Owen McSwiny per realizzare una serie di dipinti allegorici in onore delle grandi personalità britanniche decedute. Egli realizzò il dipinto Tomba allegorica di Charles Sackvill in onore di Lionel Cranfield Sackville, figlio di Charles.

Tra il 1724 ed il 1733 collabora con il figurista Vittorio Maria Bigari nella realizzazione di una serie di sette tele, commissionate da Pompeo Aldrovandi, conservate ora presso le Collezioni comunali d'arte di Bologna. Altro figurista con cui collaborò il Paltronieri fu Ercole Graziani. Egli lavorò in varie località italiane, come ad esempio Genova ove realizzò una serie di dipinti con rovine per la decorazione di Palazzo Rosso, e risiedette per qualche anno a Roma. Ritornato a Bologna, vi morì nel 1741.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]