Pietro Guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Guerra
Pietro Guerra.JPG
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1974
Carriera
Squadre di club
1966-1967 Salamini-Luxor TV Salamini-Luxor TV
1968-1972 Salvarani Salvarani
1973-1974 Bianchi Bianchi
Nazionale
1964-1968 Italia Italia
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Argento Tokyo 1964 Cronosquadre
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Sallanches 1964 Cronosquadre
Oro Lasarte-Oria 1965 Cronosquadre
Bronzo Nürburgring 1966 Cronosquadre
 

Pietro Guerra (San Pietro di Morubio, 28 giugno 1943) è un ex ciclista su strada e pistard italiano. Da dilettante vinse la medaglia d'argento ai Giochi olimpici 1964 di Tokyo nella cronometro a squadre e due titoli mondiali su strada nella stessa specialità. Fu poi professionista dal 1966 al 1974.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Da giovane corse per la società ciclistica veronese "Polisportiva Bruno Gaiga",[1] collezionando una cinquantina di successi. Era un brillante cronoman, che nella specialità dei 100 km a squadre per dilettanti ottenne infatti la vittoria nei campionati del mondo del 1964 (con Andreoli, Dalla Bona e Manza), la medaglia d'argento olimpica nello stesso anno (con la stessa squadra), di nuovo la vittoria mondiale nel 1965 (con Dalla Bona, Denti e Soldi), e infine il terzo posto nel 1966 (con Benfatto, Dalla Bona e Denti).

Nel settembre del 1966 passò al professionismo con la squadra Salamini-Luxor TV (capitano Vittorio Adorni), e ottenne subito discreti piazzamenti. L'anno successivo vinse la sua prima corsa, una tappa del Giro di Sardegna e partecipò anche al suo primo Giro d'Italia, concluso al 32º posto con un secondo posto di tappa.

Nel 1968 venne ingaggiato dalla Salvarani (capitano Felice Gimondi) e partecipò alla Vuelta a España, ottenendo una vittoria di tappa. Alla Salvarani rimase per cinque stagioni e, pur non vincendo molto, ogni anno riuscì a conquistare una vittoria. Vinse una tappa anche al Tour de France del 1971 mentre, pur partecipando a cinque Giri d'Italia, non riuscì mai ad imporsi in una frazione. Solo nel 1971, con la Salvarani, vinse il cronoprologo a squadre.

Per tre volte fu selezionato nella squadra Nazionale per partecipare ai campionati mondiali professonistici di inseguimento su pista: la prima volta nel 1968, fu quarto; nel 1971 dopo aver vinto il campionato italiano della specialità, al campionato mondiale venne eliminato nei quarti di finale; l'anno successivo si ripeté come vincitore nel campionato italiano, e in quello mondiale si piazzò di nuovo al quarto posto.

Chiuse la carriera nel 1974, sempre nella squadra di Felice Gimondi, che nelle ultime due stagioni era diventata la Bianchi-Campagnolo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Campionati del mondo, Cronometro a squadre (con Andreoli, Della Bona, Manza)
Targa d'Oro Città di Legnano
Campionati del mondo, Cronometro a squadre (con Della Bona, Denti, Soldi)
Coppa Collecchio
Gran Premio Agostano
2ª tappa Corsa della Pace
10ª tappa Corsa della Pace
Gran Premio Industria del Cuoio e delle Pelli
1ª tappa Giro della Sicilia

Pista[modifica | modifica sorgente]

Campionati italiani, Inseguimento individuale
Campionati italiani, Inseguimento individuale

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1967: 32º
1971: 70º
1972: fuori tempo (4ª tappa, 1ªsemitappa)
1973: 106º
1974: 94º
1968: ritirato (3ª tappa)
1969: 81º
1970: 71º
1971: 68º
1972: 86º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1967: 103º
1969: 106º
1970: 135º
1973: 60º
1974: 118º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francesco Coppola, UNDER 23: Davide Gomirato fa poker nella 20ª MdO Guido Zamperioli a Ponton in federciclismo.it, 24 agosto 2009. URL consultato il 05-02-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]